Serie A, le pagelle di Sampdoria-Inter: Sanchez, esordio "loco"

Il Niño Maravilla protagonista, nel bene e nel male, della sfida di Marassi. Vediamo insieme i voti della partita vinta 3-1 dalla capolista della Serie A.

Serie A, Alexis Sanchez esulta dopo il gol in Sampdoria-Inter

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Allo scontro diretto da capolista della Serie A. Ancora a punteggio pieno, per giunta: Antonio Conte aveva chiesto questo alla sua Inter, in casa della Sampdoria è stato accontentato. Domenica 6 ottobre a San Siro arriva la Juventus: i nerazzurri si presenteranno con 18 punti su 18 disponibili. Merito del 3-1 esterno, maturato a Marassi non senza qualche ostacolo imprevisto: su tutti, l'espulsione di Alexis Sanchez a inizio ripresa.

Il Niño Maravilla ha vissuto una partita da montagne russe: un primo tempo da uomo-copertina, un gol e mezzo con cui festeggiare la prima da titolare con la sua nuova squadra. Un idillio personale guastato dalla simulazione nell'area doriana, che gli costa la doppia ammonizione.

Tra i protagonisti al Ferraris, in prima fila ci sono sicuramente Roberto Gagliardini, Marcelo Brozovic e Stefano Sensi. Una vittoria importante per Conte, non solo in chiave campionato: mercoledì tornerà la Champions League, sarà tempo di grande sfida al Camp Nou di Barcellona. Ma adesso scopriamo insieme i voti del match vinto dall'Inter contro la Sampdoria, con un occhio particolare sui migliori e i peggiori di questo anticipo della 6ª giornata di Serie A.

Serie A, le pagelle di Sampdoria-Inter

Sampdoria (3-4-2-1): Audero 5.5; Bereszynski 5.5, Chabot 5.5, Colley 5.5; Depaoli 5.5 (55' Bonazzoli 6), Linetty 6 (73' Caprari 6), Ekdal 5.5 (69' Vieira 6.5), Murru 5; E. Rigoni 5, Jankto 6.5; Quagliarella 5.5. Allenatore: Di Francesco 5.5.

Inter (3-5-2): Handanovic 6.5; Skriniar 5.5, de Vrij 6.5, Bastoni 6; Candreva 6.5 (57' D'Ambrosio 6), Gagliardini 7, Brozovic 7, Sensi 7 (65' Barella 6), Asamoah 6.5; Lautaro Martinez 5.5 (56' Lukaku 6), Alexis Sanchez 6.5. Allenatore: Conte 6.5.

I migliori

Gagliardini 7

Il suo gol, quello del 3-1, non è decisivo solo a livello ufficiale. Ma all'Inter, dopo aver subito il riavvicinamento della Samp, serviva assolutamente la rete della sicurezza. Ci ha pensato Gagliardini, soldatino silenzioso che ha firmato una partita lodevole.

Brozovic 7

Il filtrante che manda in gol Gagliardini: una meraviglia che vale l'inserimento tra i migliori. Anche perché Marcelo è sempre a suo agio nel dirigere il centrocampo nerazzurro.

Sensi 7

La partenità del primo gol è sua, la Lega gliela riconosce nonostante il rimpallo sulle terga di Sanchez. La seconda è molto meno riuscita, ma ha il valore di trasformarsi in un assist. L'ex Sassuolo non sa neanche cosa significhi rimanere nell'ombra: è sempre più uno degli emblemi dell'Inter di Conte.

Alexis Sanchez 6.5

El Hombre del Partido, per cu** e intelligenza. Con la prima dote, devia letteralmente in porta il tiro dalla distanza di Sensi. La seconda qualità lo porta a fiondarsi su un'altra conclusione del numero 12 nerazzurro, stavolta sballata, e trasformarla nel gol del raddoppio. Il Niño Maravilla si presenta così alla prima da titolare con l'Inter, dopo i 17 minuti contro Udinese e Lazio. Proprio con la maglia dei friulani, aveva disputato la sua ultima gara dal primo minuto in Serie A: era il 22 maggio 2011, quasi otto anni e mezzo fa. L'ultima rete in Italia risaliva addirittura al 13 marzo 2011, contro il Cagliari: un muro di 3121 giorni sgretolato in 20 minuti. Tutto perfetto? No, perché a inizio ripresa cerca furbescamente il rigore ma rimedia il secondo giallo della gara. Un sabato straordinario concluso con il rosso.

Jankto 6.5

Anticipare Skriniar non è mai facile, lui ci riesce alla grande quando riapre la partita nel secondo tempo. Era partito come il migliore dei suoi, lo ha confermato alla distanza.

I peggiori

Rigoni 5

L'argentino dovrebbe accendere la luce, lì sulla trequarti blucerchiata. Rimedia un giallo nel primo quarto d'ora, una delle poche "giocate" per cui si mette in mostra.

Murru 5

Soffre lo stato di forma di Candreva, l'esperienza del nerazzurro ha quasi sempre la meglio.

Skriniar 5.5

Conte lo sposta sul centro-destra, ma il cambio non sembra ispirarlo particolarmente: sul gol di Jankto oppone una resistenza non da "muro" nerazzurro.

Lautaro Martinez 5.5

Dà fin subito l'impressione che potrebbe trovare il gol da un momento all'altro. Ma finisce per lasciare il campo a Lukaku, dopo il gol della Sampdoria. E soprattutto, dopo aver centrato Audero al termine di un bello spunto personale.

Il tabellino di Sampdoria-Inter 1-3

Sampdoria (3-4-2-1): Audero; Bereszynski, Chabot, Colley; Depaoli (55' Bonazzoli), Linetty (73' Caprari), Ekdal (69' Vieira), Murru; E. Rigoni, Jankto; Quagliarella. In panchina: Raspa, Falcone, Augello, Barreto, Ramirez, Thorsby, Regini, Ferrari, Leris. Allenatore: Di Francesco.

Inter (3-5-2): Handanovic; Skriniar, de Vrij, Bastoni; Candreva (57' D'Ambrosio), Gagliardini, Brozovic, Sensi (65' Barella), Asamoah; Lautaro Martinez (56' Lukaku), Alexis Sanchez. In panchina: Padelli, Godin, Ranocchia, Vecino, Lazaro, Borja Valero, Dimarco, Biraghi, Politano. Allenatore: Conte.

Marcatori: 20' Sensi, 22' Alexis Sanchez, 55' Jankto, 61' Gagliardini

Ammoniti: 10' Bastoni, 16' Rigoni, 33' Linetty, 43' Alexis Sanchez, 81' Skriniar
Espulso: 46' Alexis Sanchez (doppia ammonizione)

Arbitro: Gianpaolo Calvarese (sez. Teramo)
Assistenti: Bindoni-Galetto
IV Uomo: Irrati
VAR: Pasqua
AVAR: Mondin

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.