Formula 1, ufficiale: McLaren tornerà ai motori Mercedes

Il team di Woking dice addio alle power unit Renaul e dal 2021 correrà con quelle Mercedes. Oggi l'annuncio ufficiale.

Carlos Sainz con la McLaren sulla pista di Formula 1 in Russia

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Ritorno al passato per la McLaren, che dal 2021 tornerà a montare motori Mercedes. Da un po' di tempo si vociferava del probabile addio alla fornitura di power unit Renault al termine del prossimo campionato di Formula 1 e oggi è arrivato il comunicato ufficiale.

Proprio nel weekend del Gran Premio di Russia a Sochi le parti hanno voluto dare l'annuncio. Il contratto tra il team di Woking e casa di Stoccarda avrà durata triennale, dunque la scadenza è fissata per il 2024. Una collaborazione importante che ritorna, visto che già dal 1995 al 2014 la McLaren ha corso con i propulsori tedeschi.

Il rapporto cominciò ad essere teso quando Mercedes decise di schierare un proprio team in Formula 1 nel 2010 e di non essere più semplicemente fornitrice di motori. Allora la squadra inglese dal 2015 preferì sposare un nuovo progetto con Honda, dimostratosi poi fallimentare. Dal 2018 l'accordo con Renault e quest'anno finalmente dei buoni risultati con la giovane coppia Sainz-Norris. La prossima stagione sarà l'ultima con power unit francesi.

Il team McLaren in festa per il titolo F1 di Lewis Hamilton nel 2008

Formula 1, addio Renault: McLaren torna con Mercedes dal 2021

Il binonio McLaren-Mercedes ha raccolto grandi risultati in F1 in passato. Tra il 1995 e il 2014 sono arrivati tre titoli piloti e uno costruttori. Due i mondiali vinti con Mika Hakkinen (1998 e 1999) e uno con Lewis Hamilton (2008). Il team di Woking si è giocato vittorie importanti con la spinta dei propulsori tedeschi. Sono arrivati tanti successi in gara e molti podi. 

Difficile dire quale sarà lo scenario della Formula 1 nel 2021, visto che ci sarà un nuovo regolamento tecnico (ancora da annunciare ufficialmente) e pertanto bisognerà vedere come si prepareranno le diverse scuderie. Intanto la McLaren ha deciso di compiere la propria mossa, siglando un accordo che le permetterà di avere motori più competitivi. L'obiettivo è tornare ai fasti del passato, però non sarà facile.

Mika Hakkinen campione del mondo di Formula 1 1999 con McLaren

È un accordo di lungo periodo nel nostro piano di ritorno al successo in Formula 1 - ha spiegato il direttore esecutivo Zak Brown -. La Mercedes è il riferimento come team e come costruttore di power unit, dunque è normale ci volessimo assicurare la relazione con loro. E’ un importante messaggio agli investitori, ai nostri dipendenti ai partners e ai tifosi sul nostro desiderio di tornare a lottare per le prime posizioni.

La Renault, non dovendo più fornire power unit alla McLaren, potrà concentrarsi sul proprio team e cercare di aumentare il proprio livello di competitività. Il 2019 è stato finora abbastanza deludente, dopo i segnali incoraggianti della passata stagione. La cosa imbarazzante è che il team di Woking sia davanti nella classifica costruttori utilizzando proprio i propulsori francesi. Uno smacco per la casa di Boulogne-Billancourt.

 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.