Torino, Belotti: "Non guardiamo la classifica, pensiamo a fare punti"

Le parole dell'attaccante granata al termine della partita vinta 2-1 contro il Milan.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Dopo aver realizzato una doppietta da urlo che ha permesso al Torino di ribaltare il Milan e vincere 2-1 nel match della quinta giornata di Serie A, l'attaccante dei granata Andrea Belotti ha parlato così ai microfoni di Sky Sport:

Non siamo partiti bene, il primo tempo non è stato positivo.  Abbiamo lasciato il pallino del gioco al Milan, ci facevano girare a vuoto. Poi ci siamo guardati in faccia e ognuno si è liberato nel corso dell'intervallo, abbiamo iniziato a giocare e a tirare fuori tutta quella fame perché rode perdere. Dopo due sconfitte non volevamo perdere ancora. Ringraziamo anche i tifosi, perché grazie a loro abbiamo vinto

Sui gol: 

Il primo è stata un'iniziativa personale dalla trequarti all'area, prima però c'era stato un lancio di Rincon. Quello è stato il momento in cui abbiamo avuto la scossa per crederci. Il secondo è stato istintivo, la palla si è alzata e ho pensato a quella rovesciata. Tutte le partite sono esami per noi stessi, sappiamo che dobbiamo migliorare e che dobbiamo tirare fuori qualcosa in più in ogni partita. Non bisogna guardare la classifica ma dobbiamo pensare a portare a casa i tre punti sempre. Anche in questa partita si è vista una squadra nel primo tempo e un'altra nel secondo, abbiamo sbagliato l'approccio. Questa partita ci servirà da spunto per vedere cosa migliorare 

Torino, Mazzarri: "Zaza e Belotti si cercano troppo"

Così invece Mazzarri:

Nel primo tempo eravamo annichiliti, ci capita spesso in casa forse per le tante aspettative che ci sono. Siamo stati bravi a soffrire e a restare in partita. Tra il primo e il secondo tempo c'è stata la scossa, ho ridato delle certezze cambiando modulo. Ci siamo messi 4-4-2, in campo è rientrata un'altra squadra e abbiamo meritato la vittoria. Torino da quarto posto? Non si guarda mai la classifica. Dobbiamo continuare così, l'anno scorso saremmo arrivati quarti considerando solo il girone di ritorno. Ma il campionato è un percorso a tappe, ora pensiamo alla prossima e solo alla fine si tirano le somme

Su Zaza e Belotti:

Hanno giocato male nel primo tempo, si cercano troppo. La squadra è formata da undici giocatori. Sono contento che si vogliono bene ma le cose vanno fatte con logica. Verdi? Nel calcio moderno anche Messi ha bisogno della condizione fisica per fare la differenza. Simone la sta cercando da noi, perché a Napoli già sapeva di dover andare via. Va fatto crescere, ma è una certezza

Sulla condizione fisica: 

Abbiamo un sistema di preparazione diverso, non deve essere un alibi. Da quella batosta con il Wolves abbiamo avuto le energie per uscirne giocando alla pari con l'Atalanta. Il problema l'abbiamo avuto in difesa, con alcuni infortuni di troppo. Solo Izzo è sempre stato bene. Ora pensiamo al Parma e nella sosta con il mio preparatore penseremo a recuperare brillantezza. Nkoulou? Non so se giocherà a Parma, valuterò la situazione generale 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.