Basket: Alessandro Gentile e Aquila Trento, è il momento della svolta?

Alessandro Gentile approda con un biennale a Trento. Saprà sfruttare la ghiotta occasione di un ambiente sano e ambizioso?

Aquila all-in su Gentile

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Possiamo dire che è un grande ritorno. Il basket italiano riabbraccia un giocatore che è stato molto vicino a diventare il volto del movimento dopo le esperienze di Treviso e la leadership mostrata a Milano, poi qualcosa (forse più di qualcosa) si è inceppato, partendo dal rapporto con i tifosi e poi con tutte le seguenti avventure italiane ed europee che non hanno lasciato necessariamente ricordi memorabili.

È facile accostare tutto questo al nome di Alessandro Gentile, che torna in Italia dopo diverse esperienze all’estero e l’ultima in ordine di tempo, quella all’Estudiantes, che gli ha permesso di ritrovare quella serenità e continuità di gioco che erano stati smarriti prima a Milano, poi tra Panathinaikos e Hapoel, per arrivare alla Virtus Bologna con la quale si poteva sicuramente fare meglio.

Si sa che i riflettori, la pressione e il fatto che tutti passino alla lente d’ingrandimento ogni suo piccolo gesto, non ha mai fatto bene alla gestione psicologica e tecnica del giocatore che però, dal canto suo, ha sbagliato strategia più di una volta sia nelle comunicazioni che proprio negli atteggiamenti. Ora è arrivato il momento di guardare in faccia alla realtà e capire che questa potrebbe essere davvero l’ultima occasione per imporsi nello stivale.

Gentile ai mondiali con l'Italia
Nuovo acquisto per l'Aquila Trento

Perché potrebbe funzionare per Gentile?

Riferendosi al discorso della pressione e delle luci di una ribalta arrivate molto presto, ma per motivi legati al suo notevole talento, Trento sembra essere la realtà più giusta per provare a rilanciarsi e soprattutto trovare quel mix che in grandi piazze è difficile da trovare: essere “coccolato” e soprattutto valorizzato come un giocatore di riferimento della squadra, ma al contempo non essere troppo esposto mediaticamente a livelli oppressivi. Gentile non ha saputo gestire la grande aspettativa che c’è stata su di lui e questo dapprima si tramutava in motivazione per fare bene in campo, ma poi è sfociata in comportamenti non inappuntabili al di fuori dei 28 metri.

La società, la compattezza e un ambiente sano come pochi altri nel nostro basket, sono una casa d’oro in cui stare se al contempo ci sono alti obiettivi di confermarsi in Italia e provare a migliorare le prestazioni in un’Eurocup che per forza lo vedrà protagonista per far fare il salto di qualità alla squadra. I minuti saranno pressochè garantiti, con la necessità di essere protagonista senza dover diventare “the man”, ma il talento di cui dispone farebbe pensare che questa sia davvero la volta buona per rivedere il vero Alessandro Gentile.

Perché per Trento vuol dire tutto?

Come trapelato da diversi punti, questa firma rende Ale Gentile come il giocatore più costoso della storia dell’Aquila e ormai non parliamo più della sorpresa di qualche stagione fa, ma di una realtà consolidata e sempre in ascesa che ora può anche permettersi degli acquisti importanti con investimenti altrettanto rilevanti. Non sono ancora note le cifre del biennale siglato dalle parti, ma considerando le cifre a cui un giocatore di questo calibro poteva ambire, è lecito pensare che Trento sia rimasta sotto, ma non così tanto, rispetto all’inizio della contrattazione.

Sul tavolo verde delle puntate la società hanno messo una combinazione importante di talento, soldi e immagine che dovrà essere confermata e pagare i dividendi sperati sia sul campo che fuori. La sapiente gestione di Salvatore Trainotti e un coach come Brienza che si sta già coccolando la propria nuova stella, saranno il propellente per il morale del giocatore che vorrebbe essere ricordato non solo come il più pagato, ma anche quello più redditizio su tutti i fronti.

 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.