Barcellona, finalmente insieme: prove di intesa tra Messi e Griezmann

I due campioni blaugrana hanno esordito in coppia dal primo minuto fornendo una buona prestazione. Ma il tridente con Suarez è durato solo un tempo.

Barcellona la prima di Messi e Griezmann

0 condivisioni 0 commenti

di -

Share

Vittoria doveva essere e tre punti sono arrivati. Il turno infrasettimanale poteva trasformarsi in un bel trappolone per il Barcellona, che però è riuscito a evitare il pericoloso sgambetto del Villarreal portandosi a casa un successo molto importante. Contro il Submarino ci si attendevano le risposte all'opaca prestazione di sabato sera, quando i blaugrana sono stati letteralmente ridicolizzati sul campo del Granada. Valverde si era assunto le responsabilità della sconfitta, ma l'ambiente catalano aveva bisogno di un segnale, arrivato nella sfida alla compagine diretta da Calleja.

Ad aprire la partita, che si chiuderà poi sul 2-1, ci ha pensato Antoine Griezmann: il francese ci ha messo pochi minuti per tornare a essere nuovamente decisivo, giusto il tempo di tagliare sul primo palo in occasione di un calcio d'angolo battuto magistralmente da Lionel Messi. I due scendevano in campo per la prima volta in coppia dal primo minuto e, attorno a loro, si era ormai sviluppato un certo hype dovuto alla voglia di vedere e capire quali livelli abbia raggiunto oggi il feeling tra i due. Una volta a disposizione, Valverde non ci ha pensato molto a mandarli in scena a braccetto: il Txingurri ha finalmente potuto riproporre il suo amato 4-3-3, nel quale entrambi hanno avuto un'importanza palpabile.

Il francese è partito largo a sinistra, mentre la Pulga ha cominciato la partita sull'out opposto, come d'abitudine. In fase di non possesso entrambi hanno dato una grande mano al Barça, anche se va detto che il Villarreal non è quasi mai preso la briga di proporre qualcosa. Scalando a turno sulla linea di centrocampo, Messi e Griezmann hanno aiutato la squadra a coprire meglio tutto il terreno di gioco in fase di non possesso, sottolineando come - a discapito delle malelingue - all'interno del gruppo non ci sia alcuna spaccatura. Un'altra dimostrazione di ciò arriva dal grande gol segnato da Arthur, messo ai margini nelle ultime settimane ma bravo a farsi trovare pronto quando è stato il suo momento.

Barcellona la prima di Messi e Griezmann
Leo Messi e Antoine Griezmann festeggiano la prima rete segnata al Villarreal: le prove di intesa tra i due si sono interrotte alla fine del primo tempo, quando la Pulga ha nuovamente dovuto abbandonare il campo causa infortunio

Barcellona, buona la prima tra Messi e Griezmann. Ma la Pulga si ferma di nuovo...

Tutto è bene quel che finisce bene, dunque. Ma non era così scontato: alla vigilia della partita si erano susseguite alcune voci sul presunto impiego di Griezmann da numero 9, che avrebbe portato Valverde a fare una piccola modifica al modulo di partenza. Non potendo (né volendo) rinunciare a Suarez, il tecnico avrebbe pensato a Messi come trequartista, un ruolo che non stuzzica particolarmente le fantasie dell'argentino. Inoltre, c'era molta preoccupazione per le condizioni di Leo, derivanti dai postumi del fastidioso infortunio che gli ha fatto perdere l'inizio della stagione.

Messi ha recuperato in fretta e furia per esserci col Villarreal, ma di fatto - tra coppe e presenze obbligate a vari eventi - non si è mai riuscito ad allenare con continuità. Per questo il Barcellona aveva chiesto di spostare la partita al mercoledì: i catalani, dato l'evento milanese che ha visto premiata la Pulga con il riconoscimento di miglior giocatore FIFA 2019, gli avrebbero voluto far mettere un po' di preparazione in più nelle gambe. Nulla da fare, ma in campo questo ritardo non si è visto: Leo è partito forte e, nei primi dieci minuti, ha servito due palloni pazzeschi in verticale a Griezmann - che, dopo il gol, è corso subito ad abbracciarlo - prima di arrendersi nuovamente per un problema all'adduttore che gli farà saltare il Getafe.

I movimenti a riempire il campo dell'argentino gli hanno permesso di giocare più vicino a entrambe le punte. A beneficiarne è stata tutta la manovra offensiva, molto più fluida rispetto al match perso a Los Carmenes, compreso il rendimento dei due terzini, molto più liberi di puntare il fondo quando i due esterni offensivi si accentravano a supporto di Suarez. L'impressione è che Valverde abbia ancora molto lavoro da fare, ma i segnali sono incoraggianti, soprattutto se il tridente dovesse cominciare a girare. Griezmann è entrato molto bene negli schemi del Barcellona, nonostante il paventato ostracismo iniziale che lo ha portato a togliersi alcuni sassolini dalle scarpe:

Mi sono dovuto adattare in fretta. Il Barcellona gioca un calcio differente a quello al quale ero abituato in passato, però 3 gol in 4 partite non sono affatto male no?

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.