Lazio, Inzaghi: "Contro l'Inter occorrono coraggio e personalità"

Il tecnico dei biancazzurri ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del match di San Siro contro la capolista: "Serviranno anche grande concentrazione e umiltà".

Simone Inzaghi Lazio

0 condivisioni 0 commenti

di -

Share

Quella vista finora, sia in Serie A che in Europa League è stata una Lazio da montagne russe. Parlando nella conferenza stampa di presentazione del match che mercoledì sera alle 21 vedrà la sua squadra opposta a un'Inter che Antonio Conte e la nuova dirigenza non vogliono più "pazza", Simone Inzaghi non si nasconde dietro a un dito:

Se mi chiedete quale sia l'identità di questa squadra dico che è tanto quella che domenica ha battuto il Parma, quanto quella che avete visto contro la Spal.

Pazza Lazio, dunque? Non proprio, ma sicuramente una Lazio in cerca di una dimensione. Lo dicono i numeri, del resto: un buon inizio con il perentorio 0-3 di Marassi alla prima giornata contro la Sampdoria seguito dal pari (1-1) nell'inedito derby al secondo turno di campionato. La sbandata di Ferrara però aveva aperto qualche interrogativo, che era stato rafforzato poi dalla rimonta subita in Romania dal Cluj. Ma la perentoria vittoria sul Parma - anche oltre al risultato di 2-0 - di domenica sera ha ridato pace e fiducia a un ambiente che ne aveva bisogno, dalla squadra alla dirigenza fino, ovviamente, ai tifosi.

Simone Inzaghi Lazio
Simone Inzaghi vuole che la Lazio mostri coraggio e personalità

Lazio, Inzaghi: "Contro l'Inter con coraggio e personalità"

Ora serve dare un minimo di continuità ai risultati e se magari il tecnico avrebbe gradito allo scopo un impegno più morbido, è bravo a non darlo a vedere. Anzi si esalta parlando di partita impegnativa, di quelle che piacciono a lui e di quelle come la sua squadra ne ha giocate tante e spesso, a San Siro, con ottime prestazioni, come sottolinea con orgoglio:

Domani sera voglio coraggio e personalità perché troveremo un ambiente carico con uno stadio pieno che inciterà la sua squadra dall'inizio alla fine. Dovremo anche essere molto lucidi perché sappiamo come gioca l'Inter che abbiamo studiato e analizzato. Ero sereno anche dopo le sconfitte perché sono state immeritate.

Inzaghi
Inzaghi sereno in panchina anche contro il Cluj: "Sconfitta immeritata"

Inzaghi esalta poi l'Inter - "una grande squadra che ha fatto un grande mercato e lotterà fino alla fine con Juventus e Napoli" - e soprattutto Conte che, dice, è partito dal basso ma ha sempre fatto bene ovunque sia andato. Su come affrontarlo però non si sbilancia più di tanto:

Il turnover? Ho l'obbligo di impiegare tutti i giocatori che ho a disposizione, ma al tempo stesso devo fare la formazione migliore, sapendo che l'Inter ha avuto un giorno in più di riposo rispetto a noi. Non avrò Radu e gli altri li valuterò all'ultimo.

E se nell'attacco nerazzurro lo spauracchio si chiama Romelu Lukaku, nella sua rosa c'è un attaccante che ha già segnato una rete in più del belga, Ciro Immobile, che domenica però si è reso responsabile di qualche gesto e parola di troppo al momento in cui Inzaghi lo ha richiamato in panchina:

Con me Ciro si è scusato subito e ieri lo ha fatto davanti ai compagni e alla società. Ora è tutto chiarito. L'episodio di domenica dimostra come sia necessario ragionare come squadra e non come singoli. Non c'è nessun caso.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.