Lazio, Inzaghi: "Critiche? Manca equilibrio, in Europa girone duro"

La sconfitta con la Spal ha generato polemiche, Inzaghi risponde: "Sbagliati 25' in tre partite, serve equilibrio nei giudizi". Bastos aggiunge: "Europa League stimolante".

Lazio, Inzaghi in conferenza

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Ripartire dopo il passo falso di Ferrara, passo falso inaspettato per una Lazio che nelle prime due giornate di campionato aveva fornito una buona impressione. La vittoria larga contro la Samp in trasferta e un derby pareggiato ma dominato per larghi tratti, avevano spinto molti addetti ai lavori a indicare i biancocelesti come i favoriti per il quarto posto. Poi però l'ennesimo blackout, come successo troppe volte in passato.

E a Roma, si sa, è facile passare dalle stelle alle stalle. Gli umori nelle ultime ore sono cambiati, nel mirino della critica è finito anche Simone Inzaghi per le scelte di formazione di domenica scorsa, troppi cambi e soprattutto troppi ultra trentenni in campo, a scapito della tecnica e della freschezza di Milinkovic e Correa. 

A Cluj, in Europa League, alla Lazio è offerta l'occasione per ricominciare il cammino e soprattutto partire bene in un girone complicato in cui, oltre ai campioni di Romania, sono inserite anche Rennes e Celtic. Cominciare con il piede giusto sarebbe fondamentale, per cancellare i fantasmi ferraresi e mettere il primo mattone dell'edificio qualificazione. I bookmakers segnalano la Lazio come la favorita del girone, ma ora serve che a parlare sia il campo. 

Lazio, Inzaghi in allenamento
Lazio, Inzaghi non ci sta: "Troppe polemiche"

Lazio, Inzaghi risponde alle accuse: "Sbagliati solo 25', stiamo facendo un buon lavoro"

Lo sa Simone Inzaghi che predica calma, equilibrio, seppur conscio dei limiti mostrati dai suoi contro la Spal. Migliorare, lavorare sui difetti, ma con la consapevolezza delle qualità tecniche e caratteriali del gruppo. Insomma non c'è proprio voglia di entrare nelle polemiche scatenate da un ambiente troppo spesso isterico: 

Sarebbe utile mantenere l'equilibrio. Abbiamo analizzato quanto successo a Ferrara, sappiamo dove abbiamo sbagliato, io per primo poiché sono a capo dello staff tecnico. Vero, abbiamo buttato all'aria tre punti importanti, ma è pur vero che nelle prime tre abbiamo sbagliato 25 minuti su 270. Non mi piace l'andare a ritroso, serve fare in modo che quanto visto domenica non accada più.

Una pagina brutta da archiviare, ma dalla quale imparare. Inzaghi è deciso, non accetta che si trovino capri espiatori, nemmeno in Milinkovic e Correa entranti nel secondo tempo e impalpabili nel momento di maggior difficoltà della squadra: 

Tutti dovevamo fare meglio in quei 25 minuti, io per primo. Sarebbe importante far girare dalla propria gli episodi, anche se è molto tempo che lo diciamo. Ma sento cose che non mi piacciono, sento parlare di squadra da ottavo posto, quando lo scorso anno siamo arrivati ottavi per concentrarci nelle ultime settimane sulla Coppa Italia che poi abbiamo vinto. Siamo la squadra che dopo la Juve alza trofei in Italia, lavoriamo bene con la società, si può migliorare è vero, ma secondo me la squadra in queste prime partite ha fatto bene e raccolto meno di quanto meritasse.

Ora però arriva l'Europa League, competizione alla quale la Lazio ha sempre fatto capire di tenere molto. Due anni fa il crollo di Salisburgo negò la semifinale ai biancocelesti, lo scorso anno fu il Siviglia ai sedicesimi a punire una squadra falcidiata dagli infortuni. Contro il Cluj ora c'è voglia di fare bene:

È un girone tosto, difficile, potevamo essere più fortunati nel sorteggio. Cluj e Celtic vengono dalla Champions, il Renne ha vinto la Supercoppa di Francia, non sono squadre semplici. Domani sarà partita dura, intensa, da leggere bene. Il Cluj è squadra fisica e con un ottimo tecnico. Dovremo essere bravi a vincere i tanti duelli che si creeranno. Ho lasciato Immobile, Luis Alberto e Radu a casa, stanno bene, ma non avrebbero giocato. Domani scioglierò gli ultimi dubbi di formazione, giocheranno sicuramente Strakosha e Bastos.

Lazio, Bastos: "Europa League stimolante, vogliamo fare bene"

Insieme a Inzaghi, in conferenza stampa, si è presentato anche il difensore Quissanga Bastos. L'angolano per ora ha giocato poco, domani partirà nel blocco dei titolari, completerà il pacchetto con Acerbi e probabilmente Vavro. Chiede spazio, in Romania può avere l'occasione per mettere in difficoltà l'allenatore: 

Per me è bello giocare l'Europa League, è una competizione stimolante, ti spinge a dare il meglio e offre chance ai giocatori che vogliono scendere in campo. La concorrenza non è un problema, sprona a far bene. Domani sarà complicata, il Cluj è un'ottima squadra, hanno giocatori interessanti. La Lazio però vuole vincere, speriamo di fare un'ottima prova.

Sarebbe un buon modo per cancellare la brutta pagina chiamata Spal e rituffarsi con entusiasmo in una stagione che comincia davvero a entrare nel vivo. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.