Champions League, la moviola di Napoli-Liverpool: il rigore è generoso

Non convince la direzione di gara del tedesco Brych: il rigore che porta in vantaggio il Napoli è molto dubbio, Callejon accentua e cerca il contatto. Giusto l'offside di Lozano.

Champions League, Brych e Milner

6 condivisioni 1 commento

di -

Share

Il Napoli batte il Liverpool all'esordio in questa stagione di Champions League. Un successo importante per la squadra di Ancelotti che ora si issa a tre punti in cima al gruppo insieme al Salisburgo che ha battuto 6-2 il Genk. La vittoria pesa, soprattutto con il 2-0, perché se Reds e Azzurri dovessero arrivare appaiati alla fine conterebbero gli scontri diretti e il mattone messo al San Paolo può diventare davvero importante. 

La partita è stata intensa, molto in stile Premier, con tante occasioni reali e potenziali da una parte e dell'altra. il Napoli ha giocato con idee e coraggio, nel complesso ha meritato di vincere, soprattutto perché è riuscito a venire fuori nel momento che sembrava di maggiori difficoltà della partita. Hanno segnato Mertens, al suo 113° gol in maglia partenopea, e il nuovo arrivato Llorente che si dimostra acquisto utile e funzionale. 

Non ha convinto del tutto la direzione di gara di Felix Brych. L'arbitro tedesco ha mostrato una direzione altalenante, ha fischiato molto, ma senza estrarre gialli prima del 57' quando il primo a finire sul taccuino è stato Robertson per un intervento su un avversario. Poco prima era stato graziato Milner, il fallo su Allan meritava l'ammonizione. Milner viene ammonito poi al 62' per un intervento meno duro del precedente. 

Champions League, il rigore realizzato da Mertens
Champions League, generoso il rigore per il Napoli

Champions League, la moviola di Napoli-Liverpool: rigorino azzurro

Giusto il cartellino nel finale per Llorente. Pochi dubbi anche in avvio di gara, Fabian Ruiz calcia due volte con potenza verso la porta del Liverpool e Adrian si oppone in entrambe le occasioni, sul tap in arriva Lozano che di testa deposita in rete. Il guardalinee aspetta e poi segnala fuorigioco: giusto, il messicano è un metro più avanti rispetto all'ultimo avversario che è Robertson. 

Al 53' Insigne chiede platealmente il calcio di rigore per un presunto fallo di mano di Alexander-Arnold, Brych si consulta con il VAR che è Bastian Dankert e lascia correre. Corretta anche qui la decisione, poiché il braccio del terzino inglese è del tutto attaccato al corpo. L'episodio che però fa più discutere è quello che arriva all'ottantesimo. 

Callejon riceve sulla destra, punta Robertson e crolla a terra, Brych è vicino e fischia calcio di rigore. In presa diretta sembra corretta la decisione dell'arbitro, ma rivedendo l'azione invece si nota come lo spagnolo si lasci cadere prima di arrivare a contatto con l'avversario, trascinando la gamba destra e poi andando giù, insomma è Callejon a piombare addosso allo scozzese del Liverpool. Sbaglia quindi Brych, il VAR non interviene non considerando quello del fischietto tedesco come un chiaro ed evidente errore. Inoltre, protocollo alla mano, un intervento della tecnologia in questo caso risulterebbe forzato, essendo una valutazione del direttore di gara. Un abbaglio che offre al Napoli il rigore del vantaggio. Quello che poi spiana la strada al successo finale. Il primo in questa edizione della Champions. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.