MotoGP Misano: Marquez beffa Quartararo, Vinales sul podio, 4° Rossi

Marc Marquez vince a Misano e allunga ulteriormente in classifica. Il trionfo dello spagnolo è un sigillo sul campionato del mondo. 4° Valentino Rossi, 6° Andrea Dovizioso

Marc Marquez pilota Honda MotoGP

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Cala il sipario sulla sfida di MotoGP a Misano con la settima vittoria stagionale di Marc Marquez che mette un altro sigillo sul titolo iridato (+93 su Dovizioso). Il Cabroncito ha studiato al microscopio il rookie francese Fabio Quartararo, superandolo con una maestosa staccata all'ultimo giro che dimostra il talento del campione e la superiorità della Honda in termini di potenza.

Sul podio sale un'altra Yamaha, quella di Maverick Vinales, che ha dovuto cedere il passo dopo due giri al collega di livrea e al leader del Mondiale, che per tutta la gara hanno mostrato un altro passo. Gara quasi in solitaria per Vinales che blinda la terza posizione senza mai essere impensierito alle spalle. 4° Valentino Rossi, autore di una mini rimonta ai danni di Dovizioso, Pol Espargarò, Alex Rins e Franco Morbidelli.

Week-end tutto in salita per le Ducati. Andrea Dovizioso non va oltre la sesta posizione, mentre Jack Miller e Danilo Petrucci chiudono la top-10. A pochi giri dal traguardo esce Michele Pirro autore di una caduta che lo costringe a rientrare ai box zoppicante. La classe regina torna in pista fra pochi giorni ad Aragon.

  1. Marc Marquez.
  2. Fabio Quartararo
  3. Maverick Vinales
  4. Valentino Rossi
  5. Franco Morbidelli
  6. Andrea Dovizioso
  7. Pol Espargarò
  8. Joan Mir
  9. Jack Miller
  10. Danilo Petrucci
  11. Johann Zarco
  12. Aleix Espargarò
  13. Tito Rabat
  14. Jorge Lorenzo
  15. Hafizh Syahrin

MotoGP, la cronaca della gara a Misano

27° giro - Marc Marquez supera Fabio Quartararo, ma il rookie francese si riporta in testa, prima di tornare a cedere il passo definitivamente.

24° giro - Inizia la battaglia finale tra Quartararo e Marquez a tre giri dalla bandiera a scacchi

22° giro - Cade Michele Pirro, Dovizioso 6°. Marquez mette il fiato sul collo a Quartararo.

19° giro - Guerra di nervi tra Quartararo e Marquez divisi da soli due decimi. L'ultimo giro sarà determinante.

18° giro - Valentino sorpassa Morbidelli e guadagna il 4° posto

16° giro - Cade Alex Rins, 11° Petrucci alle spalle di Pirro.

15° giro - Quartararo e Marquez si contenderanno la vittoria fino all'ultimo giro, Vinales insegue a oltre 2", ben più distanti Morbidelli, Rossi e Dovizioso.

12° giro - Cade Pecco Bagnaia. Tra Quartararo e Marquez c'è un gap di tre decimi

9° giro - Valentino si avvicina a Morbidelli, 7° Dovizioso che non riesce a superare Pol Espargarò

7° giro - Valentino Rossi supera la KTM di Espargarò e sale in quinta piazza. Marquez a due decimi da Quartararo

6° giro - Alex Rins va lungo, Valentino Rossi e Andrea Dovizioso guadagnano una posizione

5° giro - Per quanto riguarda le Ducati: 8° Dovizioso, 9° Miller, 13° Pirro, 14° Petrucci

4° giro - Marquez si mette in seconda posizione davanti a Vinales, ancora 7° Rossi che davanti ha Rins e Pol Espargarò. Out Nakagami

3° giro - Quartararo pennella un sorpasso su Vinales e si piazza in testa, Marquez ne approfitta per mettersi sulla coda di Maverick

1° giro - Vinales mantiene la testa del gruppo, alle sue spalle Quartararo, Marquez, Morbidelli. 7° Dovizioso, 8° Rossi

13:58 - Inizia il giro di riscaldamento. La scelta delle gomme sembra orientata sulla doppia media.

13:55 - Saranno 27 i giri prima della bandiera a scacchi. Nelle 8 gare precedenti a Misano il poleman ha conquistato un solo podio ai tempi della Moto3 nel 2013.

13:50 - Marc Marquez vanta 78 punti di vantaggio su Andrea Dovizioso. Su un tracciato insidioso per la Honda, l'obiettivo primario del Cabroncito è chiudere la gara davanti al forlivese della Ducati.

13:45 - Trionfo di Tatsuki Suzuki in Moto3: una storica vittoria per il team SIC58 sul circuito intitolato a Marco Simoncelli.

Valentino Rossi pilota Yamaha MotoGP
Valentino Rossi a Misano

MotoGP, il riassunto del sabato di qualifiche

Il sabato di qualifiche a Misano ha regalato momento di grandi emozioni nelle fasi finali, con una lieve collisione tra Marc Marquez e Valentino Rossi che ha riportato a galla i vecchi dissapori risalenti a Sepang 2015 e a Rio Hondo 2018. Stavolta nessuna mano tesa da parte del fenomeno di Cervera, che ha ritenuto di non dover chiedere scusa al veterano della MotoGP e di non voler entrare in dispute con chi non è in lotta per il Mondiale. Parole di fuoco che rischiano di aprire un nuovo capitolo della diatriba, ma su cui i commissari FIM hanno provato a mettere un freno richiamandoli in Race Direction.

La vicenda ha fatto passare in secondo piano i veri risultati delle qualifiche, con la pole position di Maverick Vinales, che dimostra quanto la Yamaha si stia sforzando di rimettersi alla pari con le dirette avversarie Honda e Ducati. Storica seconda piazza per la KTM di Pol Espargarò che per il costruttore austriaco vale già quanto una vittoria. A completare la prima fila il solito e incorreggibile Fabio Quartararo alla ricerca della sua prima vittoria stagionale.

Seconda fila formata da Franco Morbidelli, Marc Marquez e Andrea Dovizioso. La Desmosedici GP19 accusa i recenti lavori di levigatura dell'asfalto con mancanza di grip, relegando Jack Miller e Danilo Petrucci in 16esima e 17esima piazza, mentre Pecco Bagnaia, che ha mancato la Q2 per tre millesimi, occuperà la 13finestra in griglia. Valentino Rossi 7° e alla ricerca di un miglior feeling con la gomma. Non scenderà in pista, invece, Andrea Iannone, dopo le tre cadute in due giorni che gli hanno provocato qualche problema alla spalla sinistra già infortunata da anni. Il pilota Aprilia resta in dubbio anche per la prossima gara ad Aragon in programma fra meno di una settimana.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.