Serie A, le pagelle di Fiorentina-Juve: male Berna, brilla Ribery

Finisce 0-0 al Franchi tra Fiorentina e Juventus. Meglio i viola per gran parte del match, bianconeri poco propositivi e con tanti problemi fisici. Bene Castrovilli e Dalbert.

Serie A, Ribery in azione

1 condivisione 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Finisce a reti bianche il primo appuntamento di questa terza giornata di Serie A. Decisamente meglio la Fiorentina nel primo tempo. La squadra di Montella pressa, grazie ai due esterni molto larghi ha sempre riferimenti per la manovra, su cui la Juventus fatica a scalare in fretta e quindi andando spesso in superiorità numerica anche per merito del lavoro delle due mezzali. La prima grande occasione viola, però, è un regalo di Szczesny che rinvia addosso a Chiesa e palla fuori di un soffio. Pochi minuti dopo stessa situazione, stavolta l'incauto passaggio è di de Ligt e serve un intervento disperato del portiere polacco su Ribery per evitare il vantaggio dei padroni di casa, che si fanno vivi ancora con Chiesa e soprattutto con Dalbert che spreca un'ottima occasione.

Così la sensazione all'intervallo è che lo 0-0 sia un affare per la Juventus che ha pure dovuto operare due cambi forzati per gli infortuni muscolari di Douglas Costa e Pjanic. Al loro posto dentro Bernardeschi (fischiatissimo dal Franchi) e Bentancur. Nella ripresa il copione cambia solo di una virgola. Il dettaglio è che la Fiorentina è più bassa, aspetta la Juve per poi ripartire a tutta velocità una volta recuperata palla. Tra i bianconeri si arrende pure Danilo e sono ancora i toscani ad avere le occasioni migliori per andare in vantaggio. 

Montella allora prova a giocarsi la carta Boateng, al posto di un ottimo Ribery, per dare più fisicità al proprio attacco. Ma è la Juve, sorniona, a mettere i brividi al Franchi al 74' con una bella azione orchestrata da Higuain che però Khedira non riesce a concretizzare. Nel finale i ritmi si abbassano molto, le squadre sembrano quasi accontentarsi del risultato di parità, anche se è sempre la Viola a dare la sensazione di maggior pericolosità quando si affaccia in avanti. Finisce 0-0 a Firenze e alla fine i rimpianti sono soprattutto per la squadra di Montella. 

Serie A, Higuain in azione
Serie A, le pagelle di Fiorentina-Juve

Serie A, le pagelle di Fiorentina-Juventus

Fiorentina (3-5-2): Dragowski 6; Milenkovic 6,5, Pezzella 6,5 (82' Ceccherini sv), Caceres 6; Lirola 6,5, Pulgar 6, Badelj 6, Castrovilli 6,5 (88' Zurkowski sv), Dalbert 6,5; Chiesa, 6,5 Ribery 6,5 (67' Boateng 6). All. Montella 6,5

Juventus (4-3-3): Szczesny 6; Danilo 5 (61' Cuadrado 6), Bonucci 6, de Ligt 6, Alex Sandro 5,5; Khedira 5,5, Pjanic 5,5 (43' Bentancur 5,5), Matuidi 6; Douglas Costa sv (7' Bernardeschi 5), Higuain 5,5, Cristiano Ronaldo 5,5. All. Sarri 5,5

I migliori

Castrovilli 6,5

È la grande sorpresa di questo avvio di stagione della Fiorentina. Montella gli sta dando fiducia con costanza e lui sta ripagando alla grande le scelte dell'allenatore. Fa entrambe le fasi con disinvoltura, ha passo e qualità, buon piede e intelligenza tattica. Deve migliorare a volte nelle scelte finali, è l'ultimo step per diventare davvero un'assoluta realtà di questo campionato. 

Ribery 6,5

Altro che bollito! Franck ha ancora la voglia di spaccare il mondo e lo dimostra in quella che a Firenze è considerata la partite delle partite. Il suo primo tempo è uno spettacolo, mette in campo qualità eccelsa, giocate d'alta scuola e dettaglio da non trascurare: mai fini a se stesse. Gli manca la stoccata finale, a lui come a tutta la Fiorentina, esce dopo quasi 70' di livello. 

Dalbert 6,5

A sinistra fa un po' quello che vuole, soprattutto quando da quella parte staziona Danilo. Ha sulla testa l'occasione per l'1-0, ma non riesce a indirizzare bene e consente a Szcezsny di intervenire ed evitare il gol. Quando ha la possibilità di spingere riesce sempre a mettere in grave difficoltà il diretto avversario, sforna diversi cross, due palloni molto interessanti per Chiesa e Castrovilli, cala un po' nel finale ma la sua prova resta molto positiva. 

I peggiori

Danilo 5

Spento, svagato, assente. Il brasiliano soffre tantissimo le scorribande del connazionale Dalbert, se lo dimentica spesso, mostrando gravi limiti nell'interpretazione della fase difensiva. Fa fare un figurone all'ex Inter che gioca forse la sua miglior partita da quando è in Serie A. Non dà il minimo contributo nemmeno quando c'è da attaccare. Esce dopo un'ora con i crampi. Sintomo di una condizione fisica quantomeno approssimativa. 

Bernardeschi 5

Entra subito al posto dell'infortunato Douglas Costa. Il Franchi lo accoglie come si accoglie il peggior nemico, il traditore per eccellenza, lui soffre il clima da bagarre che assume la partita, patisce il pressing asfissiante del primo tempo della Fiorentina e sparisce dal campo. Quando ha l'occasione di puntare l'avversario non riesce mai a saltarlo, a cambiare passo, a dare una sterzata alla sua partita e alla manovra offensiva della Juventus. 

Pjanic 5,5

Esce poco prima della fine del primo tempo per un problema muscolare. Fino a quel momento aveva sofferto tanto il pressing della Fiorentina, non riuscendo ad adattarsi ai ritmi della partita e sbagliando tanto, troppo, in impostazione. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.