UFC: come arriva Justin Gaethje al match contro Cerrone

Justin "The Highlight" Gaethje è pronto a sfidare Donald "Cowboy" Cerrone sabato 14 settembre alla Rogers Arena di Vancouver, in Canada.

UFC: Justin Gaethje in gabbia

12 condivisioni 1 commento

di - | aggiornato

Share

La divisione delle 155 libbre in UFC, specie nelle ultime battute, è diventata una delle categorie più interessanti ed entusiasmanti in circolazione. Due veri dominatori, un solo campione, qualche comparsa, ma tanti, tanti fighter forti e completi pronti a dimostrare di essere la kryptonite dei già citati dominatori: il campione Khabib Nurmagomedov e l'ex campione ad interim Tony Ferguson.

Sabato 14 a partire dalle ore 2.00, come sempre su DAZN, sarà disponibile UFC Fight Night 158, in diretta dalla Rogers Arena di Vancouver, Canada. Il main event è uno di quelli da non perdere e coinvolgerà due dei pesi leggeri più eccitanti e pericolosi in circolazione. A scontrarsi nell'ultimo match della card saranno Donald "Cowboy" Cerrone (36-12) e Justin "The Highlight" Gaethje (20-2)

Il primo, ex sfidante al titolo, è un fighter che non ha certo bisogno di presentazioni: Donald Cerrone detiene diversi record in UFC, fra i quali quello del maggior numero di vittorie nella storia UFC (23), quello del maggior numero di finalizzazioni (16) e quello del maggior numero di knockdown (20). Donald Cerrone, già adesso, è sicuramente un futuro Hall of Famer, nonché una leggenda dello sport.

UFC: Donald Cerrone su Tony Ferguson
Donald Cerrone centra con un diretto al volto Tony Ferguson

UFC: sarà Justin Gaethje il prossimo sfidante al titolo?

Davanti a Cerrone, però, si erge una figura che definire minacciosa sarebbe ancora riduttivo. Justin Gaethje è l'ex campione WSOF dei pesi leggeri ed è riconosciuto da fan ed addetti ai lavori come uno degli uomini più violenti in gabbia. Un record impressionante di 20 vittorie e 2 sole sconfitte (contro Dustin Poirier ed Eddie Alvarez, ndr), Justin è uno dei fighter con maggiori possibilità di combattere per il titolo UFC nell'immediato futuro.

UFC 218: Alvarez ha la meglio su Gaethje
L'attimo immediatamente successivo alla ginocchiata risolutrice con la quale Eddie Alvarez ha avuto la meglio su Justin Gaethje

Dato ormai per certo il prossimo match con in palio il titolo, il tanto discusso incontro fra Khabib e Tony Ferguson, il match fra Cerrone e Gaethje viene già percepito come una title eliminator. 

Justin Gaethje arrivò in UFC sulle ali dell'entusiasmo come un fighter virtualmente indistruttibile. Al suo esordio offrì una prestazione mirabolante contro Michael Johnson. Era il luglio 2017, Johnson era considerato giustamente come uno dei puncher più violenti in circolazione, era reduce da una sconfitta contro Khabib, ma aveva appena freddato Dustin Poirier nel macth precedente, mettendolo KO in maniera netta nel corso di uno scambio. Johnson, nonostante il record tutt'altro che positivo, è sempre stato un fighter capace di regalare upset inaspettati. 
Gaethje lo espose totalmente, lo fece sfogare, ne subì le cariche e poi lo ripagò con la stessa moneta, scaricandogli addosso tutto il suo arsenale, finendo col piegarlo agli sgoccioli della seconda ripresa. Un esordio fulminante

Dopo il suddetto successo, Gaethje si presenta già come numero 5 della divisione ed affronterà un altro fighter, un ex campione UFC, anch'egli rinomato per la brutalità all'interno della gabbia. È di Eddie Alvarez che si parla. I match con Gaethje, se non finiscono subito per la potenza sconfinata di "The Highlight", si protraggono per più riprese caratterizzate da un'intensa bagarre. Questo match fa parte del secondo tipo, ma va male per Justin, che per la prima volta conosce il sapore della sconfitta. D'altronde, era stato proprio lui prima di questo match a dichiarare di voler incontrare qualcuno che lo facesse stramazzare con la faccia al suolo. La maggiore esperienza di Alvarez, la capacità di quest'ultimo di gestire le distanze e di farsi trovare pronto in counterstriking gli consegnarono la chiave per la vittoria. Anche il match successivo andò male per Gaethje, trovatosi davanti il futuro campione ad interim Dustin Poirier. Grazie alla maggiore pulizia dei colpi, al footwork preciso e dinamico e alla grande qualità nella toccata e fuga, anche Poirier riuscì a mettere KO Gaethje.

La cosa che più fa pensare del nativo dell'Arizona è che non si è mai scoraggiato dopo alcuna sconfitta. Rimproverato più volte da fan ed addetti per la sua mania negli scambi, che gli ha più volte fatto trascurare il suo incredibile wrestling NCAA Division I, Gaethje è visto come uno dei fighter più forti e completi nel roster. Dotato di una mandibola durissima capace di assorbire colpi molto pesanti e di un leg kick capace di tranciare le gambe degli avversari, nelle ultime due uscite pare aver sistemato anche il problema nel footwork, inizialmente statico e forse un po' goffo. 

Conscio della potenza e della velocità delle proprie braccia, Gaethje non tende più a sovraccaricare i colpi, anzi, preferisce piuttosto subire un colpo d'incontro, ma accorciare le distanze ed aumentare il ritmo dei colpi per poi restituirli all'indirizzo dell'avversario, come si è visto nelle ultime due uscite, due vittorie impressionanti rispettivamente contro James Vick ed Edson Barboza, premiate come Performance la prima e Fight of the Night la seconda. A quota 3-2 in UFC, con vittorie e sconfitte arrivate tutte contro fighter d'élite, vista la completa distruzione di ogni avversario da parte di Khabib, non sarebbe delittuoso pensare al vincitore del match fra Gaethje e Cerrone come prossimo sfidante al titolo.

Donald, dal canto suo, ha già chiesto la possibilità per il vincente di affrontare il vincitore del prossimo match titolato. Anche il Cowboy è a quota 3-2 nelle ultime cinque uscite, anche se alcuni di questi match sono avvenuti nella divisione dei pesi welter. Sconfitti fighter del calibro di Al Iaquinta e Mike Perry, battuto solo da un indomito Tony Ferguson, il fighter di Denver pare avere imparato dagli errori del passato ed è ai suoi massimi storici quanto a prestazioni. Implementato un footwork laterale e dei cambi di livello sempre più evidenti, le doti balistiche di Cerrone rimangono fra le più pericolose della divisione e, oltre a ciò, il Cowboy è capace di sottomettere gli avversari da terra in maniere inaspettate e da qualunque posizione: il suo jiu-jitsu è fra i più pericolosi della categoria, sebbene Cerrone preferisca tenere i match sul piano dello striking e del clinch double-collar tie. 

Nella notte del 14 settembre, vedremo se l'esperienza del Cowboy sarà sufficiente a tenere a bada quel treno in corsa che risponde al nome di Justin Gaethje, che parte sicuramente coi favori del pronostico. Intanto, per prepararvi, il riepilogo della card in onda nella notte fra il 14 ed il 15 settembre, dalle ore 2.00 su DAZN ed il match di Cerrone contro Al Iaquinta.

  • Justin Gaethje vs Donald Cerrone (pesi leggeri)
  • Glover Teixeira vs Nikita Krylov (pesi massimi-leggeri)
  • Todd Duffee vs Jeff Hughes (pesi massimi)
  • Michel Pereira vs Tristan Connelly (pesi welter)
  • Uriah Hall vs Antonio Carlos Junior (pesi medi)
  • Misha Cirkunov vs Jimmy Krute (massimi-leggeri)

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.