Juventus, Sarri: "Brutti ricordi a Firenze, ci ho perso uno Scudetto"

Il tecnico parla alla vigilia della sfida con la Fiorentina, la prima partita sulla panchina bianconera: "Emre Can? Ho dovuto fare delle scelte. I giocatori hanno lavorato bene".

2 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Fiorentina-Juventus sarà sicuramente una partita speciale per Maurizio Sarri che debutterà sulla panchina bianconera nonostante la sfida del Franchi arrivi alla terza giornata di campionato per colpa della fastidiosa polmonite che lo ha tenuto fuori per i primi due turni di Serie A.

I campioni d'Italia arrivano a Firenze a punteggio pieno contro la squadra di Montella che invece ha perso entrambi i match da inizio stagione, in uno stadio che si preannuncia strapieno per una partita molto sentita dai tifosi locali.

Lo sa bene Sarri che in Toscana ci è cresciuto e per la prima volta ha parlato in una conferenza prima di un incontro ufficiale da allenatore della Juventus. Toccando molti punti importanti alla vigilia di un ciclo di 7 partite nei prossimi 21 giorni per i suoi calciatori.

Maurizio Sarri
Sarri ha parlato prima di Fiorentina-Juventus

Juventus, Sarri prima della sfida alla Fiorentina: "Al Franchi ci ho perso uno Scudetto"

Per la prima volta nella sala stampa dell'Allianz Stadium, Sarri ha cominciato parlando prima di tutto del suo stato di salute e poi della situazione della rosa juventina, di cui aveva parlato in estate a calciomercato ancora aperto, e che ha portato all'esclusione di Emre Can e Mandzukic dalla lista di Champions League.

Per un allenatore andare sul campo e in panchina è tutto, ringrazio il nostro staff medico che si è preso cura di me e mi ha convinto a riposare sapendo che la squadra è andata alla grande lo stesso. La situazione della rosa era di imbarazzo per le scelte che dovevo fare, può essere condivisibile o meno ma dovevo farla: sono rimasti fuori 2 giocatori fortissimi, ma vuol dire che abbiamo una grande squadra.

Proprio di Emre Can si è parlato, con la possibilità di vedere il tedesco in campo dal primo minuto visto che mercoledì ci sarà la sfida in casa dell'Atletico Madrid per la prima partita di Champions League.

Ora penso al campionato, alla Champions penseremo più avanti: per ora dobbiamo trovare un'identità quindi è più difficile fare rotazioni pesanti con 7 giocatori nuovi alla volta. Il gruppo sta lavorando bene e mai ho visto in carriera dei giocatori rimasti nella pausa per Nazionali allenarsi così bene. Le dichiarazioni di Emre Can? Bisogna lasciar sfogare i giocatori che subiscono scelte del genere e poi riparlarne, capisco la sua reazione. Mandzukic in allenamento mi ha fatto vedere qualcosa meno di Higuain quindi ho scelto Gonzalo.

Sarri ha avuto la possibilità di lavorare durante la sosta delle Nazionali con i giocatori rimasti a Vinovo, cosa che ha permesso ad alcuni giocatori di migliorare la loro condizione fisica. Dalla conferenza sono arrivate anche indicazioni su alcuni giocatori.

Ho buone sensazioni da Bentancur, può fare due ruoli e per ora fa il vertice basso: può diventare un giocatore importante. Ramsey ha fatto passi in avanti in questa sosta, ha ancora un piccolo gap coi compagni ma può tornare su buoni livelli a breve da interno di centrocampo e per necessità anche l'esterno. Questa sarà una squadra più fisica rispetto alle mie precedenti, i giocatori avevano caratteristiche diverse: Matuidi è importante visto che l'unico che ha libertà assoluta è Cristiano Ronaldo.

In ultimo l'allenatore della Juventus ha parlato delle difficoltà nelle prime due giornate della sua squadra che ha calato il suo rendimento in entrambi i secondi tempi contro Parma e Napoli. Il tecnico ha analizzato la situazione parlando infine del suo legame con Firenze.

Non siamo calati fisicamente ma mentalmente, Chiellini è l'anima di questa squadra ma dobbiamo recuperare Rugani e far crescere De Ligt. Firenze? La mia famiglia era tifosa della Fiorentina, ma il mio ultimo ricordo del Franchi è negativo. Ci ho perso uno Scudetto...

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.