Torino, Nkoulou prepara le scuse: dovrà riconquistarsi il posto

Dopo essersi visto negare la cessione nel corso del calciomercato estivo il difensore si è autoescluso dal gruppo allenandosi a parte: dopo le scuse dovrà dimostrare di meritarsi la fiducia di Mazzarri.

Nicolas Nkoulou, difensore del Torino

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Salutata anzitempo l'Europa League con l'eliminazione ai playoff patita contro gli inglesi del Wolverhampton, il Torino di Walter Mazzarri ha saputo immediatamente riprendersi cominciando la Serie A con due vittorie nelle prime due giornate: primi a punteggio pieno insieme a Juventus e Inter, i granata si preparano ad ospitare il neopromosso Lecce nel posticipo di lunedì con l'obiettivo credibile di centrare il terzo trionfo consecutivo.

In un ambiente entusiasta e che ha conservato il gruppo capace di centrare il settimo posto in classifica nella scorsa Serie A - a cui si sono aggiunti il portiere Ujkani e Simone Verdi - l'unica nota stonata continua ad essere rappresentata da Nicolas Nkoulou, difensore centrale camerunense che nelle ultime due stagioni è stato un punto di forza del Toro e protagonista in estate di un vero e proprio caso di calciomercato.

Dopo due stagioni giocate ad altissimo livello, infatti, Nkoulou ha manifestato alla fine della scorsa stagione l'intenzione di andarsene: nel mirino di numerose big, tra cui la Roma dell'ex ds granata Petrachi, il difensore è stato invece trattenuto a Torino dal presidente Cairo. Una scelta che lo ha indispettito al punto da portarlo a una autoesclusione alla vigilia dell'esordio in campionato contro il Sassuolo, l'inizio di un caso che è ancora lontano da una soluzione.

Nicolas Nkoulou
Arrivato al Torino nell'estate del 2017, Nicolas Nkoulou si è imposto come un punto fermo della retroguardia granata disputando 81 partite e segnando 4 gol.

Torino, Nkoulou da punto fermo a rincalzo: il club continua ad attendere le scuse

Preso atto della decisione di un giocatore su cui puntava moltissimo, il tecnico granata Mazzarri ha infatti sposato la linea del club e lo ha escluso dalle sue scelte: assente contro il Sassuolo, nella gara di ritorno di Europa League persa contro il Wolverhampton e nella bella vittoria in trasferta ottenuta sul campo dell'Atalanta, Nkoulou è stato sostituito da Djidji e dal prodotto del vivaio Bonifazi, rientrato in estate dopo una positiva stagione spesa in prestito alla SPAL.

Per Nkoulou, che ha lasciato intendere l'esistenza di un accordo che gli avrebbe permesso di andarsene in estate in caso di chiamata da parte di una big, il club non ha mantenuto la parola data. Per il Torino, invece, nessuno aveva fatto alcun tipo di promessa al 29enne difensore, sotto contratto fino al 2021 e soggetto dunque alle scelte della dirigenza in materia di mercato.

Una situazione che a molti ha ricordato il caso di Mauro Icardi all'Inter ma con una differenza sostanziale: nonostante l'ottima partenza e le belle prove di chi lo ha sostituito, il Torino continua a ritenere Nkoulou un punto di forza della rosa a disposizione di Mazzarri e sarebbe disposto a perdonarlo in caso di scuse. Scuse che però, nonostante le dichiarazioni di amore e rispetto per la realtà granata, il giocatore non ha ancora presentato.

Nicolas Nkoulou in azione contro il Napoli
Esploso tra Monaco e Olympique Marsiglia, Nicolas Nkoulou è arrivato al Torino nel 2017 dopo una stagione più che anonima nel Lione diventando inaspettatamente uno dei migliori difensori di tutta la Serie A.

La sensazione generale era quella che una volta chiuso il calciomercato, complice la pausa per le Nazionali, il calciatore avrebbe smesso di allenarsi a parte per unirsi al resto del gruppo dopo essersi scusato con compagni e allenatore. L'unica soluzione che avrebbe fatto il bene di tutte le parti interessate, a questo punto della stagione, una mossa che nei giorni scorsi sia Sportmediaset che il quotidiano torinese La Stampa avevano dato per prossima.

Ma i giorni sono passati e il gesto di distensione da parte del difensore, considerato uno dei più forti nel ruolo in tutta la Serie A, non è ancora arrivato. A testimoniarlo il silenzio sulla questione da parte del club, che sul proprio sito ufficiale non ha fatto menzione di Nkoulou sottolineando invece il ritorno nel gruppo dei nazionali Aina, Laxalt, Lukic e Ujkani. 

La sensazione a questo punto è che Nkoulou abbia perso diverse posizioni agli occhi di Mazzarri: anche se alla fine le scuse dovessero arrivare, così come il perdono del gruppo e del mister, il difensore ex Olympique Marsiglia sarebbe costretto a ripartire dal basso, come rincalzo dei vari Izzo, Lyanco, Bonifazi e Djidji che bene si sono comportati fino a questo momento: ferito nell'orgoglio da un comportamento davvero poco professionale, il Torino difende il suo orgoglio e non sembra intenzionato a indietreggiare di mezzo passo.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.