Serie A, il Milan aspetta Caldara in difesa: i tempi di recupero

Il difensore lavora duro a Milanello per recuperare dopo la rottura del crociato: in rossonero solo due partite ufficiali in più di un anno. Probabile rientro tra ottobre e novembre,

Serie A, Mattia Caldara ha giocato solo due partite in più di un anno al Milan per gli infortuni

2 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Che fine ha fatto Mattia Caldaraa? La domanda che fino alla fine della scorsa stagione aleggiava tra i tifosi del Milan rischia di diventare fuori moda, e non perché l'ex difensore dell'Atalanta si sia palesato sui campi. La lettura corretta è diametralmente opposta: il centrale classe 1994 è fuori dai giochi da talmente tanti mesi che il vero rischio è quello di dimenticarsene.

Arrivato come uno dei rinforzi più attesi nel calciomercato 2018, Caldara ha totalizzato appena due presenze con la maglia rossonera: una in Europa League, l'altra in Coppa Italia. Il suo, più che un percorso di crescita, è stato un calvario: prima la lesione parziale del tendine d’Achille e la lesione della giunzione mio-tendinea del gemello mediale del polpaccio destro a ottobre 2018, poi la la rottura del legamento crociato del ginocchio sinistro con conseguente intervento a maggio.

Giampaolo, che intanto punta sulla coppia Musacchio-Romagnoli al centro della difesa e sul brasiliano Duarte come alternativa, lo attende. Il suo rientro è ancora lontano, ma un primo segnale confortante per il Milan c'è: nella rosa che mercoledì scorso ha ripreso i lavori a ranghi ridotti per i 15 assenti impegnati con le rispettive nazionali, si è visto anche il centrale difensivo che a Bergamo, sotto la guida di Gasperini, si era rivelato al grande calcio con 66 partite giocate e ben 10 reti all'attivo. Numeri che gli erano valsi il passaggio alla Juventus e il successivo trasferimento, nell'ambito dell'operazione Bonucci, al Milan.

Milan, Kessié mostra una maglia per Caldara nello scorso maggio dopo il secondo grave infortunio
Milan, Kessié mostra una maglia per il compagno di squadra Caldara nello scorso maggio

Milan, Mattia Caldara prepara il rientro: le tappe

Una data precisa per il rientro in campo di Caldara non c'è, ma è possibile ipotizzarla calendario alla mano. Un intervento al crociato solitamente porta al ritorno non prima di sei mesi, così novembre potrebbe essere il mese giusto. Il condizionale è però d'obbligo, visto che in casa Milan l'intenzione è di procedere senza fretta per non bruciare un patrimonio societario, valutato 35 milioni di euro poco più di un anno fa. Tante sono ancora le partite che il centrale osserverà dalla tribuna: di sicuro Caldara non ci sarà contro Verona, Inter, Torino, Fiorentina, Genoa, Lecce, Roma e SPAL. Più facile vederlo tra i convocati il 3 novembre contro la Lazio o il 10 novembre sul campo della Juventus, in un incrocio che vivrà da ex, pur avendo vestito la maglia bianconera solo due estati fa durante il precampionato.

View this post on Instagram

Non vedo l’ora... 🔴⚫️ @acmilan

A post shared by Mattia Caldara (@mattiacaldara) on

Dove può giocare con Giampaolo

"Non vedo l'ora" scriveva su Instagram il 25enne Mattia a metà luglio, quando il Milan aveva avviato da poco la preparazione estiva e lui mordeva il freno a Milanello. Giampaolo lo aspetta, ma senza fretta, complice la presenza di Musacchio e Duarte, in grado di alternarsi accanto ad Alessio Romagnoli. Proprio accanto al capitano, coppia già testata in Nazionale nel ko in Portogallo di un anno fa, l'allenatore rossonero vorrebbe impiegare Mattia Caldara non appena sarà a pieno regime. Più complicato vederlo in una difesa a 3, modulo che lo ha esaltato ai tempi dell'Atalanta. Mattia lavora e mette nel mirino il campo. Quello che non tocca in partite ufficiali dal 24 aprile 2019 (ko per 0-1 in semifinale di Coppa Italia, contro la Lazio) e che nell'ultimo anno è stato più un sogno che una realtà.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.