Napoli, che polemica per gli spogliatoi del San Paolo: la situazione

Pronti o no? Gli spogliatoi del San Paolo creano tensione, ancora una volta, tra Calcio Napoli e Istituzioni cittadine. Ecco la situazione a poche ore dal match con la Samp.

Napoli, il San Paolo si riempie

1 condivisione 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Il caso sembra rientrato, ma nelle ultime ore ha fatto tremare le mura del San Paolo. Colpa delle nuove scintille tra il Napoli Calcio e il Comune sui lavori di ammodernamento dell'impianto di Fuorigrotta e in particolare degli spogliatoio. Mancano poche ore alla sfida contro la Sampdoria e poi al debutto in Champions League contro il Liverpool e ieri è arrivato il duro comunicato firmato Carlo Ancelotti sul sito del club. 

Parole come "indignato", "costernato", "scorrettezza" che caratterizzavano il comunicato hanno ovviamente fatto scalpore e creato un caso in città. Il Napoli dal canto suo ha rafforzato la propria tesi postando sulle proprie pagine social un video che riprendeva gli spogliatoi del San Paolo ancora ridotti a un cantiere. Proprio le condizioni in cui versava un'area così importante dello stadio avrebbe dunque scatenato la reazione furente di Ancelotti. 

Una situazione imbarazzante ovviamente a tre giorni dall'esordio in campionato di Allan e compagni. La risposta di Comune, Regione e Commissario per le Universiadi però non si è fatta attendere ed è stata corroborata da parole e immagini. Il primo a farsi sentire è stato Gianluca Basile che riveste il ruolo di commissario straordinario per le Universiadi che si è detto dispiaciuto per le parole pronunciate dal tecnico del Napoli, aggiungendo che tutta la vicenda si sarebbe conclusa entro venerdì.

Napoli, lo stadio San Paolo prima di una partita
Napoli, che polemica per gli spogliatoi del San Paolo

Il Comune risponde al Napoli: "Polemica senza senso, Ancelotti non ha visto"

Basile ha cercato di stemperare i toni, la tensione per qualche ora è stata forte, c'era bisogno di riportare un po' di sereno nell'ambiente. Tutto bene, remiamo nella stessa direzione. Questo il succo del messaggio che Basile ha voluto mandare. Al commissario ha fatto eco De Magistris. Il sindaco della capoluogo campano ha però rigettato la palla nel campo del commissariato per Universiadi:

Si sta montando un caso e potrei fare anche io polemica visto che degli spogliatoio non si doveva occupare il Comune. Su quella parte di stadio c'era un'intesa tra l'Agenzia per le Universiadi, Regione e Napoli Calcio. Basile ha detto che per la prossima partita sarà tutto pronto e noi lo prendiamo per buono. Il Comune quello che doveva fare lo ha fatto e abbiamo avuto i complimenti di tutti, anche della Società Sportiva Calcio Napoli.

In seguito sono arrivate anche le parole di Ciro Borriello che ricopre la carica di assessore allo sport del Comune. Borriello se la prende anche con Ancelotti, reo secondo il politico, di non aver visitato gli spogliatoi dello stadio e di essersi fidato delle parole di Edoardo De Laurentiis che invece aveva partecipato al sopralluogo al San Paolo di mercoledì: 

Paradossale che venga emesso un comunicato con toni simili, direi cattivi. Vigilanti e operai presenti allo stadio non hanno visto Ancelotti, l'unico ad essere andato è stato il vicepresidente Edoardo De Laurentiis, Ancelotti ha fatto un comunicato con occhi altrui. C'è dispiacere per il fatto che un allenatore con la sua storia abbia fatto un comunicato senza aver visto con i propri occhi. Noi abbiamo la certezza che domani (venerdì ndr) mattina saranno consegnati gli spogliatoi.

In tarda mattinata poi ecco apparire sul web nuove immagini degli spogliatoi stavolta però a lavori finiti e pronti per l'uso. Polemica rientrata? Probabile. Ma per scoprire se ci saranno nuovi capitoli della vicenda, allora meglio aspettare ancora qualche giorno. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.