Napoli, Ancelotti: "Indignato per le condizioni del San Paolo"

L'allenatore all'attacco dopo i lavori negli spogliatoi: "Non ci sono parole, in due mesi si costruisce una casa e non sono stati in grado di sistemarli". Il club mostra le immagini.

Napoli, Ancelotti all'attacco per le condizioni degli spogliatoi del San Paolo

1 condivisione 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Carlo Ancelotti non ci sta. Il suo Napoli ha avviato la stagione nella Serie A 2019/2020 in trasferta, vincendo per 4-3 sul terreno della Fiorentina e cedendo con lo stesso risultato sette giorni dopo allo Stadium contro la Juventus. Un'insolita doppia sfida esterna, che la squadra azzurra ha dovuto affrontare a causa dei lavori di ammodernamento dell’impianto per le Universiadi.

La riqualificazioni della struttura del San Paolo, passata per il rifacimento dei bagni e l'installazione di nuovi sediolini e di maxischermi, avrebbe avuto come deadline secondo i piani iniziali la prima metà di settembre, con il restyling degli spogliatoi e il potenziamento della videosorveglianza tra gli ultimi interventi da operare. Secondo quanto denunciato da Carlo Ancelotti in una nota ufficiale emessa dal Napoli, però, questi ultimi due passaggi non sarebbero stati portati a termine.

L'allenatore, alla sua seconda stagione sulla panchina del Napoli, ha denunciato senza mezzi termini la sua amarezza per la situazione che ha dovuto affrontare al rientro al San Paolo:

Ho visto le condizioni degli spogliatoi del San Paolo. Non ci sono parole. Io ho accettato la richiesta della società di giocare fuori casa le prime due partite per consentire che i lavori si ultimassero, come era stato promesso. In due mesi si può costruire una casa, non sono stati in grado di rifare gli spogliatoi.

Le sue parole trovano fondamento nel video pubblicato dal Napoli con un tweet che recita: 

Queste le condizioni degli spogliatoi del Napoli dello stadio San Paolo, a 70 ore da #NapoliSampdoria, che hanno scatenato la reazione di Ancelotti
 contro Regione, Comune e Commissari.

Napoli, Carlo Ancelotti in panchina nella vittoria per 4-3 sulla Fiorentina
Napoli, Carlo Ancelotti in panchina nella vittoria per 4-3 sulla Fiorentina alla prima giornata

Napoli, la preoccupazione di Ancelotti: "Dove ci cambiamo contro Sampdoria e Liverpool?"

La preoccupazione per le condizioni della struttura che ospiterà le partite di Callejon e soci viaggia di pari passo per i prossimi appuntamenti da vivere al San Paolo nella mente di Carlo Ancelotti. Gli azzurri avevano chiesto e ottenuto dalla Lega di giocare le prime due partite fuori casa in estate per godere così della consegna dello stadio a metà settembre. Contro la Sampdoria in campionato e il Liverpool in Champions League, rischiano però di ospitare gli avversari in una struttura inadeguata, almeno secondo le parole di allenatore e società:

Dove dovremmo cambiarci per giocare contro Sampdoria e Liverpool? Sono indignato per la scorrettezza e l’inadeguatezza di chi doveva eseguire questi lavori. Come hanno potuto Regione, Comune e Commissari disattendere gli impegni presi ? Vedo un disprezzo e un non attaccamento alla squadra della città. Sono costernato.

Parole al vetriolo, a cui ha replicato Gianluca Basile, commissario straordinario per le Universiadi, ai microfoni dell'ANSA:

Sono dispiaciuto per le parole di Ancelotti. Forse c'e' stato qualche fraintendimento ma con l'impresa che esegue i lavori avevamo concordato che giovedì  avrebbero finito di arredarli e pulire e venerdì avremmo potuto consegnarli al Calcio Napoli. Ho avuto gia' nei giorni scorsi rassicurazioni sul fatto che venerdì gli spogliatoi saranno puliti e consegnati.

Una situazione ancora da risolvere, sempre in attesa che venga firmata l'attesa convenzione per il San Paolo tra il Comune e la società del Napoli.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.