Gli infortunati della Serie A: quando tornano a disposizione?

Da Chiellini ad Ansaldi, passando per gli stop in casa Roma e la sfortuna del Cagliari. Ben 14 elementi fuori almeno fino a fine settembre.

Chiellini

0 condivisioni 0 commenti

di -

Share

Le battute iniziali della Serie A sono già state fatali a diversi calciatori, che hanno subito fatto i conti con gli infortuni e con un recupero che si prospetta piuttosto lungo. Un problema non da poco per gli allenatori, costretti a reinventare le formazioni dopo i preparativi dell'estate. Stesso discorso, anche se in chiave più soft, per tutti coloro che si sono cimentati nel Fantacalcio di questa stagione.

Sono ben 14 i calciatori che rientreranno non prima di fine settembre. In pochi, però, potranno beneficiare di un recupero così rapido: si registrano già i primi stop importanti per infortuni al crociato o, nel caso dei portieri, alla spalla. A calciomercato concluso, il peso di queste defezioni si fa sentire in modo più pressante, soprattutto per chi dovrà cimentarsi anche sul fronte europeo.

Roma e Juventus sono tra le squadre maggiormente colpite dai problemi fisici, sia nel numero che nell'entità degli infortuni. Con la Champions League e l'Europa League alle porte, Sarri e Fonseca sono tra gli allenatori costretti a correre ai ripari, senza dimenticare la necessità di incamerare punti importanti nelle prime giornate di Serie A. Per alcuni sembra più facile sopperire alle assenze, per altri un po' meno. Questa, per ora, la lista di chi rimarrà fermo nelle prossime settimane:

Serie A, quando tornano gli infortunati? Le previsioni su Under, Chiellini e tutti gli altri
Serie A, quando tornano gli infortunati? Le previsioni su Under, Chiellini e tutti gli altri

Serie A, quanti infortuni: quando ritornano in campo?

Non solo squadre impegnate su 3 fronti, ma anche diverse formazioni che si giocheranno la salvezza fino alle ultime giornate. Cagliari, Brescia e Verona non ridono, al contrario devono correre ai ripari. Gli allenatori, ovviamente, aspettano con ansia che i 14 lungodegenti della massima serie rientrino alla base e siano a disposizione per le sfide più importanti.

Giorgio Chiellini, Juventus

Il capitano della Juventus è tra gli infortunati maggiormente sotto i riflettori, anche in ottica Euro 2020. Si tratta di una lesione del legamento crociato anteriore del ginocchio destro: riabilitazione permettendo, il centrale bianconero dovrebbe rientrare a marzo. Nel frattempo, spazio alla coppia Bonucci-De Ligt.

Chiellini
Chiellini in panchina con le stampelle, rimane al seguito della Juventus

Marko Pjaca, Juventus

Pur non essendo tra i principali protagonisti della Juventus, anche Pjaca si prepara al rientro dopo la rottura del legamento crociato sinistro. Dovrebbe rientrare tra la fine di settembre e l'inizio di ottobre, ma c'è il rischio di non trovare spazio nelle gerarchie bianconere.

Cengiz Under, Roma

L'infortunio del turco è una delle grane più fastidiose per Fonseca. Viene meno un calciatore importante per il pacchetto offensivo della Roma, almeno fino a metà ottobre: la lesione del bicipite femorale della coscia destra lo terrà fuori per almeno 5 settimane, più l'eventuale rientro al 100% della condizione.

Diego Perotti, Roma

Qualche settimana in più rispetto al compagno di squadra, invece, per Perotti. Lesione miotendinea al retto femorale sinistro per l'argentino, che dovrebbe rientrare a fine ottobre. Un'altra arma in meno per Fonseca, anche e soprattutto sul piano dei rigoristi.

Perotti
Perotti ancora ai box, Fonseca lo aspetta

Davide Zappacosta, Roma

Il terzo infortunato in casa giallorossa è il laterale ex Chelsea. La lesione muscolare al polpaccio, però, non dovrebbe tenerlo lontano dal campo per più di due settimane. Rientro previsto per fine settembre, quando Zappacosta potrà inserirsi nuovamente nello scacchiere romanista.

Mattia Caldara, Milan

Oggetto del mistero in casa Milan, Caldara è comunque sulla via del rientro. Dovrà aspettare un altro mese, sperando di rientrare per metà ottobre dopo la rottura del crociato del ginocchio sinistro. Riconquistare un posto di spicco nelle preferenze rossonere sarà ugualmente un'impresa.

Cristian Ansaldi, Torino

Il Torino dovrà continuare a sopperire nel migliore dei modi alla sua assenza, che si protrarrà fino ad inizio ottobre. Per Ansaldi una lesione muscolare al bicipite femorale destro, da tenere sotto controllo per qualche altra settimana. Non gli impedirà, in ogni caso, di rientrare a pieno regime nello scacchiere di Mazzarri.

Leonardo Pavoletti, Cagliari

La sfortuna del Cagliari passa soprattutto dall'infortunio del suo bomber. Pavoletti rimarrà fermo almeno fino ad aprile per la lesione del legamento crociato e del menisco del ginocchio sinistro, una brutta botta anche in vista degli Europei. Tornerà per le ultime partite con i sardi, l'azzurro è per ora un miraggio.

Pavoletti
L'infortunio di Pavoletti, tra le perdite più gravi di inizio Serie A

Alessio Cragno, Cagliari

Piove sul bagnato in Sardegna. Dopo Pavoletti, anche lo stop del portiere titolare. Cragno ha riscontrato dei problemi alla spalla e non rientrerà prima di gennaio. Il Cagliari si è cautelato con l'acquisto di Olsen, che sarà in campo almeno fino a fine 2019.

Rogerio, Sassuolo

Il Sassuolo dovrà fare a meno di Rogerio fino a fine ottobre. Il problema al ginocchio lo costringerà lontano dal campo per diverse giornate, aprendo al ballottaggio tra Muldur e Toljan per rimpiazzarlo. Gli emiliani proveranno a bruciare le tappe per recuperarlo in tempi più brevi.

Ernesto Torregrossa, Brescia

Problemi in attacco per la vincitrice della scorsa Serie B. Stop presumibilmente fino alla 7^ giornata per l'attaccante del Brescia: elongazione del muscolo del quadricipite femorale sinistro, con versamento annesso. Non un problema da poco, considerando la squalifica di Balotelli contro il Bologna. Attacco sulle spalle di Donnarumma.

Torregrossa
Lo stop di Torregrossa riduce le alternative nell'attacco del Brescia

Emanuele Ndoj, Brescia

Tra i lombardi si ferma anche Ndoj. Problemi alla caviglia per il calciatore naturalizzato albanese, costretto a rimanere ai box almeno fino ad ottobre. Ancora ignoti i tempi di recupero reali, ma è difficile prevedere un recupero entro fine mese.

Mohamed Fares, Spal

Altra lesione del legamento crociato del ginocchio sinistro, stavolta per il calciatore della Spal. Perdita non di poco conto per Semplici, che non avrà l'algerino almeno fino a gennaio. Ballottaggi ancora in corso per trovare un sostituto nello scacchiere titolare.

Daniel Bessa, Verona

Tra le neopromosse alle prese con gli infortuni c'è anche il Verona. Bessa rimarrà a riposo fino a metà ottobre, stando alle ultime previsioni. Il centrocampista dovrà recuperare da una lesione ai muscoli adduttori e avrà bisogno di almeno un mese per tornare in condizione.

Emmanuel Badu, Verona

Un grosso punto interrogativo aleggia su Badu. Al centrocampista dei veneti è stata riscontrata una microembolia polmonare: nessun problema di carattere muscolare, quindi, ma una situazione da monitorare di volta in volta. Al momento, non è stato ancora comunicato il possibile periodo di rientro in attività.

Badu
Badu, ora al Verona, bloccato da una microembolia polmonare

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.