Stipendi Inter 2019/2020: quanto guadagnano Conte e i giocatori

I nerazzurri alzano il monte ingaggi con gli arrivi di Lukaku, Sanchez e Godin, ma piazzano gli esuberi. Il vero top è il tecnico, blindato con un triennale da 11 milioni.

Stipendi Inter 2019/2020

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Scavalcare il Napoli come seconda forza del campionato e diventare la vera antagonista della Juventus. L'obiettivo principale dell'Inter 2019/2020 è proprio questo; per farlo, la società ha ingaggiato un allenatore top come Antonio Conte, inseguito e corteggiato per diversi mesi, oltre che sottratto a una nutrita schiera di pretendenti. Il tecnico leccese si è convinto del progetto nerazzurro e, d'altronde, non poteva essere altrimenti. In testa alla classifica degli stipendi dell'Inter, da quando è al comando, la proprietà cinese ha rilanciato l'immagine societaria con politiche mirate alla crescita del brand, sfruttando positivamente e cementificando i rapporti con la Cina dal punto di vista del marketing.

Per questo la dirigenza, impreziosita dall'arrivo di Beppe Marotta, in estate si è potuta permettere un mercato in grande stile. Sia chiaro, forse un paio di tasselli in più sarebbero serviti, ma la base su cui costruire qualcosa di importante sembra già esserci. Va detto che Steven Zhang ha esplicitamente parlato di progetto pluriennale, quindi il momento attuale dovrebbe rappresentare solo il punto di partenza per arrivare a qualcosa di importante. La campagna acquisti è stata scossa dal caso Mauro Icardi e, marginalmente, anche dalle difficili situazioni legate a Radja Nainggolan e Ivan Perisic.

L'argentino, imparolatosi con la Juventus, ha poi dovuto forzatamente virare sul PSG, mentre gli altri due sono stati dati in prestito rispettivamente a Cagliari e Bayern Monaco. Va detto che, a livello di operazioni, qui l'Inter probabilmente ci rimetterà qualche soldo, ma Marotta ha utilizzato questi tre casi delicati per creare un precedente: da adesso in poi ai giocatori sarà impedito dettare le regole. E, se per farlo, bisognerà lasciare qualcosa per strada nell'immediato, lo scotto vale il sacrificio. Dal punto di vista economico però le cose sono migliorate, visto che - a parte una piccola parte dello stipendio del Ninja - le casse del club sono state sgravate dagli 8,5 milioni di euro percepiti tra centravanti ed esterno.

Stipendi Inter della stagione 2019/2020: Conte guadagna più di tutti
Antonio Conte, ha un contratto con i nerazzurri fino al 2022

Stipendi Inter 2019/2020: in testa Conte, poi Lukaku

Monte ingaggi abbattuto, quindi, ma non solo. In entrata sono state operate spese molto importanti: la prima, quella più rilevante, riguarda l'acquisto di Romelu Lukaku, centravanti belga prelevato dal Manchester United per una cifra intorno ai 65 milioni di euro più bonus legati al raggiungimento di vari obiettivi. Ovviamente l'ex bomber dei Red Devils è stato stuzzicato con un'offerta monstre a livello di ingaggio, andando ad assicurarsi uno stipendio da circa 8,5 milioni di euro da qui al 2024. Poi, come ciliegina sulla torta, in extremis è stato concluso l'affare Alexis Sanchez, un vero e proprio capolavoro per la dirigenza nerazzurra.

Dei circa 12 milioni di euro di stipendio che prendeva in Inghilterra, al cileno ne verranno riconosciuti solo 5 dall'Inter, che potrà così permettersi di tenersi qualche finestra aperta in entrata in vista di gennaio. Scorrendo la speciale classifica che racchiude i vari ingaggi della truppa nerazzurra, è curioso notare come nei primi dieci posti ci sia spazio per altri due volti nuovi: il primo è Diego Godin, preso a parametro zero in uscita dall'Atletico Madrid, il secondo invece è il talento sardo Nicolò Barella. Tra gli investimenti più importanti del club c'è però quello fatto su Conte, blindato con un contratto triennale da 11 milioni di euro netti più bonus.

  • Antonio Conte - 11 milioni di euro (scadenza contratto 2022)
  • Romelu Lukaku - 8,5 milioni di euro (scadenza contratto 2024)
  • Alexis Sanchez - 5 milioni di euro (scadenza contratto 2020)
  • Diego Godin - 4,5 milioni di euro (scadenza contratto 2022)
  • Stefan de Vrij - 3,8 milioni di euro (scadenza contratto 2023)
  • Milan Skriniar - 3,5 milioni di euro (scadenza contratto 2023)
  • Kwadwo Asamoah - 3,5 milioni di euro (scadenza contratto 2021)
  • Samir Handanovic - 2,5 milioni di euro (scadenza contratto 2021)
  • Marcelo Brozovic - 2,5 milioni di euro (scadenza contratto 2022)
  • Nicolò Barella - 2,5 milioni di euro (scadenza contratto 2024)
  • Andrea Ranocchia - 2,4 milioni di euro (scadenza contratto 2021)
  • Borja Valero - 2,2 milioni di euro (scadenza contratto 2020)
  • Antonio Candreva - 2,2 milioni di euro (scadenza contratto 2021)
  • Matteo Politano - 2 milioni di euro (scadenza contratto 2023)
  • Cristiano Biraghi - 2 milioni di euro (scadenza contratto 2020)
  • Stefano Sensi - 1,8 milioni di euro (scadenza contratto 2020)
  • Matías Vecino - 1,8 milioni di euro (scadenza contratto 2022)
  • Danilo D’Ambrosio - 1,6 milioni di euro (scadenza contratto 2021)
  • Valentino Lazaro - 1,5 milioni di euro (scadenza contratto 2023)
  • Roberto Gagliardini - 1,5 milioni di euro (scadenza contratto 2023)
  • Lautaro Martinez - 1,5 milioni di euro (scadenza contratto 2023)
  • Daniele Padelli - 0,5 milioni di euro (scadenza contratto 2020)
  • Tommaso Berni - 0,2 milioni di euro (scadenza contratto 2020)

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.