"Michael Schumacher è cosciente", rivela una fonte anonima da Parigi

La notizia arriva da Parigi ed è stata raccolta da una fonte anonima che lavora nel reparto dell'ospedale Georges Pompidou, dove il campione tedesco si sta sottoponendo a delle cure top secret a base di cellule staminali.

Michael Schumacher

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

La notizia è di quelle destinate ad attirare l'attenzione del mondo intero e arriva direttamente da Parigi: Michael Schumacher, ricoverato da lunedì all'ospedale Georges Pompidou per sottoporsi a cure top secret probabilmente a base di cellule staminali, sarebbe cosciente. A rivelarlo è il quotidiano cittadino Le Parisien, che cita una fonte anonima che avrebbe rotto il muro del silenzio eretto intorno alle condizioni di salute dell'ex campione di Formula 1.

La rivelazione arriva da un dipendente della struttura, impegnato nello stesso reparto in cui è ricoverato Schumacher e che assicura che l'ex pilota tedesco, sulle cui condizioni di salute regna il più assoluto silenzio dall'indomani dell'incidente sugli sci avvenuto alla fine del 2013, sarebbe dunque vigile. Una notizia da prendere con le molle, vista l'importanza della stessa e il fatto che si tratta di una fonte anonima, comunque qualcosa rispetto al silenzio assoluto imposto da sempre sulla questione dalla sua famiglia.

Una rivelazione che non dice molto sullo stato di salute della leggenda della Formula 1 ma che comunque in qualche modo riaccende la speranza dei suoi tantissimi tifosi: 50 anni compiuti lo scorso 3 gennaio, più di 300 GP disputati e per ben 7 volte vincitore del campionato piloti di Formula 1, Michael Schumacher aveva concluso una carriera straordinaria nel 2012. Un anno più tardi il terribile incidente sulle nevi di Méribel, in Francia, il coma farmacologico e il più assoluto riserbo sulle sue condizioni.

Jean Todt e Michael Schumacher
Michael Schumacher abbraccia Jean Todt: il dirigente francese, attuale presidente della FIA, è uno dei pochi autorizzati a vedere l'ex campione tedesco dai giorni successivi al terribile incidente sugli sci di fine 2013.

Michael Schumacher è cosciente? La rivelazione de Le Parisien

Il mondo non si è mai scordato di quello che per molti è stato il più grande pilota di Formula 1 di tutti i tempi: il trasferimento nell'ospedale Georges Pompidou di Parigi, dove l'ex pilota sarebbe stato sottoposto a cure top secret a base di cellule staminali seguite da un pioniere in materia, il professor Philippe Menasché, è stato accompagnato da un imponente servizio di sicurezza, destinato a proteggere la privacy del tedesco dai numerosi giornalisti accorsi sul posto per avere notizie sulle sue condizioni di salute.

Menasché, chirurgo responsabile del reparto malattie cardiovascolari dell'ospedale parigino, non ha confermato né smentito il tipo di cura a cui è stato sottoposto Schumacher trincerandosi dietro il silenzio del segreto professionale. La stessa fonte che ha parlato dello stato cosciente dell'ex pilota tedesco, che nel corso dell'ultimo anno sarebbe stato ricoverato a Parigi almeno in altre due occasioni, ha raccontato anche della visita di Jean Todt, presidente della FIA e responsabile Ferrari negli anni in cui il Cavallino trionfava con Schumacher alla guida.

In città per prendere parte al funerale di Anthoine Hubert, il dirigente francese - uno dei pochi autorizzati a vederlo dai giorni successivi all'incidente - avrebbe fatto visita all'amico ed ex collega in Ferrari, trattenendosi per circa 45 minuti per poi lasciare la struttura da un'uscita secondaria.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.