Free Football: 114 siti streaming pirata bloccati dalla Finanza

Sequestro preventivo per i provider operanti in Italia: è il primo passo nella lotta allo streaming pirata nel calcio.

1 condivisione 1 commento

di - | aggiornato

Share

Una maxi operazione che prova a dare una spallata al fenomeno degli streaming pirata. La Guardia di Finanza ha bloccato 114 siti web pirata che offrivano streaming e programmi on demand illegali di eventi calcistici e sportivi su territorio italiano, ma anche serie tv e film sempre coperti da diritto d'autore.

Si tratta del primo eclatante passo nella lotta alla pirateria, dopo la campagna lanciata anche dalla Lega Serie A in estate, con il famoso hashtag #Stopiracy. Tutti i siti web colpiti non solo offrivano eventi sportivi in diretta streaming illegale, ma erano forniti di palinsesti completi e dettagliati e permettevano agli utenti un'ampia scelta nell'offerta web.

Il sequestro è stato emesso nei confronti dei provider che ospitano i siti web illegali e mira a tutelare sia l'offerta mediatica ufficiale, sia il diritto d'autore per quanto riguarda film e serie tv coinvolte. E, soprattutto, punta a mettere un freno alla catena di ricavi illeciti che sta dietro al fenomeno dello streaming pirata.

La Guardia di Finanza ha bloccato 114 siti streaming e on demand
Dries Mertens esulta dopo un gol guardando dentro una delle telecamere a bordo campo.

Free Football: 114 siti streaming pirata bloccati dalla Finanza

Il Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Brescia, unitamente al Nucleo Speciale Tutela Privacy e Frodi Tecnologiche della Guardia di Finanza di Roma, ha bloccato 114 domini web tramite un decreto di sequestro preventivo emesso nei confronti dei precisi Internet Service Provider operanti in Italia che ne gestiscono l'hosting.

La Lega Serie A ha espresso soddisfazione per l'operazione 'Free Football' e per la tempestività e l'efficacia con cui si è svolta, tramite le parole dell'amministratore delegato Luigi De Servio:

Le operazioni di contrasto alla pirateria messe a segno negli ultimi mesi dalle forze dell'ordine raccolgono il nostro applauso e ringraziamento

Lo streaming illegale sottrae risorse al sistema e alimenta un circuito criminale a danno di migliaia di lavoratori del settore e dei tifosi perbene

A inizio agosto la Lega Serie A aveva dato il via alla campagna social "#Stopiracy - La pirateria uccide il calcio", calcolando che il 60% della popolazione adulta in Italia ha fatto o fa regolarmente uso di streaming illegali per seguire gli eventi sportivi. Nelle prime due giornate di campionato, poi, la campagna è stata portata avanti anche negli stadi con striscioni e comunicazione diretta ai tifosi.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.