SBK, il pagellone di Portimao: Bautista torna al trionfo, Rea resta leader

In Portogallo Alvaro rompe il digiuno in Gara due, riportando la Ducati sul gradino più alto del podio. Johnny e la Kawasaki vicini al quinto titolo consecutivo. In affanno le BMW di Sykes e Reiterberger.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Rea per due volte e poi Bautista. Ecco i nomi dei piloti che si sono spartiti le vittorie nel weekend di SBK del Portogallo, disputatosi nel difficile circuito di Portimao. L'Algarve ha aperto ufficialmente il finale di una stagione partita alla grande per il ducatista Alvaro, in calo a metà cammino. Il ritorno al successo ricolloca l'ex MotoGP e la Ducati al posto ambito da inizio anno: il gradino più alto.

Johnny e la Kawasaki resta il binomio da battere e ieri lo hanno confermato. Il campionato del nordirlandese era cominciato male ma, passo dopo passo, con carattere ed orgoglio è stato raddrizzato. Malgrado una lacuna di cavalli motore palesata nel lungo rettilineo, la Ninja ZX-10RR ha centrato Superpole, Gara 1 e Tissot Superpole Race, la corsa sprint della domenica mattina.

Nel pomeriggio il Campione del Mondo si è dovuto arrendere; nonostante abbia ceduto le armi alla Rossa di Borgo Panigale, il portacolori verde del team Provec guarda ancora tutti dall'alto. Protagonista di una tre giorni proficua pure due Yamaha. Michael Van Der Mark e Alex Lowes, un podio ciascuno con le blu R1. Completa il quadro un forte Razgatloglu, futuro pilota proprio della Casa di Iwata. Restano tre round alla fine, con un mercato piloti SBK già in atto nei mesi scorsi.

Bautista e Ducati in trionfo in Gara due nella SBK di domenicaPirelli Official
Braccia al cielo e bandiera spagnola: Bautista è tornato alla vittoria in SBK

SBK, il pagellone del Portogallo

Alvaro Bautista e Johhny Rea - Promossi

Finalmente Alvaro! Lo spagnolo ha finito la dieta ed è tornato il fortissimo pilota visto ad inizio anno, mettendo in pista classe e velocità. Complice una Panigale V4 R in forma, il ducatista ha subito il colpo inflitto dal compagno Davies nella giornata di sabato, ma ha poi rialzato la testa. Qualche lamentela, non poi troppe: già nella gara sprint, il secondo posto lasciava presagire qualcosa di grosso. Infatti, nel pomeriggio di Portimao, il numero 19 ha calcato nuovamente il gradino più alto.

Rea, dal canto suo, era contento. A ben vedute ragioni: con due successi su tre partenze, il nordirlandese resta in vetta alla classifica, con un vantaggio di punti cospicuo e rassicurante. A Magny - Cours il Campione in carica potrebbe riconfermarsi tale, per la quinta volta e una impresa del genere collocherebbe Jonathan quale miglior pilota di sempre della categoria. Quantomeno dal punto di vista numerico. Solo un super forte "Bau Bau" ha impensierito il Cannibale e sono loro due i fuoriclasse delle derivate - PROMOSSI

Rea e Kawasaki, binomio difficile da battere in SBKPirelli Official
Johnny Rea è il numero 1 della SBK, con quattro titoli vinti consecutivamente

Chaz Davies - Rimandato

Il gallese aveva rotto il ghiaccio nella calda Laguna Seca, ricordandoci che sorta di forte corridore ancora egli sia. Valore intoccabile parlando di lui, ma la costanza manca. L'errore di sabato ha mandato a terra il compagno Bautista, rovinando la gara dello spagnolo. Chaz, invece, è arrivato secondo. Niente male, però la macchia è rimasta ed i due non hanno migliorato un rapporto professionale mai idilliaco.

Nella giornata domenicale, il numero 7 non ha colto quanto avrebbe voluto. Mentre Alvaro saliva sul podio nella Tissot Superpole Race e vinceva Gara 2, Davies sbagliava, le prendeva, se la prendeva. Male, ma non malissimo: Magny - Cours è dietro l'angolo ed il britannico va sempre forte in Francia. Ovviamente, laggiù egli sarà osservato speciale, perché è uno dei due piloti che rimarrà nel 2020 nel team Aruba ufficiale. Con Bautista partente, capiremo se Ducati abbia mantenuto la carta giusta da giocarsi.

Chaz Davies, pilota numero 7 del team Ducati SBK ufficiale
In Portogallo, risultati SBK altalenanti per Chaz Davies

Team BMW - Bocciato

Ma come, i dirigenti della squadra avevano dichiarato che in Portogallo la S1000 RR avrebbe compiuto il definitivo salto di qualità, invece... nisba. Con circa 20 cavalli in più erogati dal motore tedesco, Sykes e Reiterberger hanno faticato e non poco. I guizzi dell'inglese nella Superpole non sono stati sufficienti e, addirittura, la guida al limite si è rivelata ancor più complicata. 

Maggior potenza, meno controllo. La gestione elettronica è ancora da perfezionare, stesso discorso riguardante la parte ciclistica. Insomma, passando round e mesi, ma il progetto BMW non decolla. Certo, se paragonata alla situazione - disastrosa - di Honda, a Monaco di Baviera saranno ben più che felice. Però, la Casa di Tokio sta per lanciare un modello inedito in sostituzione della vetusta Fireblade, mentre la moto germanica è appena uscita dalla fabbrica, ossia, nuova di zecca. Così non sembra - BOCCIATO

L'ex campione del mondo SBK Sykes guida una BMW ufficiale
Tom Sykes a rapporto con un ingegnere del team BMW SBK

La classifica piloti

  1. Johnny Rea (Gran Bretagna) 490 punti
  2. Alvaro Bautista (Spagna) 399 punti 
  3. Alex Lowes (Gran Bretagna) 249 punti
  4. Michael Van Der Mark (Olanda) 244 punti
  5. Leon Haslam (Gran Bretagna) 229 punti
  6. Toprak Razgatlioglu (Turchia) 223 punti

I movimenti del mercato piloti SBK

Bautista e Ducati divorzieranno a fine stagione. Lo spagnolo e la Rossa sono separati in casa, dato che il numero 19 ha deciso di non accettare la proposta di Borgo Panigale. Questione di denaro o ci sono altri motivi? A Magny - Cours il pilota svelerà tutto, nel frattempo voci molto insistenti lo danno nel team HRC, con una Honda nuova ed un progetto riqualificato. Al suo fianco, una papabile presenza giapponese, con Takahashi in cima alla lista dei nomi. Pronto a fare la valigia Leon Camier, quest'anno rimasto fermo per un brutto infortunio.

Chi sostituirà Bautista nella squadra Aruba? Ecco in arrivo Scott Redding, inglese impegnato nel British Superbike ed ex MotoGP. Lui e Davies costituiranno un duo completamente d'Oltremanica. Lascia la Kawasaki Puccetti l turco Razgatlioglu e firma per il team Yamaha Crescent. quello più vicino alla Casa di Iwata. Con questa mossa, Alex Lowes parte e cerca una sella. Probabile un avvicinamento a Ten Kate, formazione olandese che schiera Loris Baz.

Tom Sykes conferma l'impegno con BMW e riceverà l'irlandese Eugene Laverty, attualmente con GO Eleven. La S1000 RR piace a più piloti, tra i quali c'è l'argentino Leandro Mercado, portacolori Kawasaki e pronto al cambio di cavalcatura. Un alto anno per Jordi Torres con Pedercini, che cerca una seconda guida. Tornando ad Honda, pare che saranno due le strutture coinvolte nel 2020, resta da vedere se Moriwaki ed Althea resteranno nel giro dei candidati.

Redding è un pilota ex MotoGP e pronto alla SBK
Scott Redding è pronto all'approdo in SBK

Arriva in pista Oliveira dalla MotoGP  ed il paddock di Portimao esplode in festa

Miguel è un bravo ragazzo, un forte pilota e corre in MotoGP. Soprattutto, Oliveira è portoghese e, da quelle parti, possono vantare pochi e famosi corridori a due ruote presenti nei campionati più importanti. Invitato nel paddock delle derivate, il portacolori del team KTM ha attirato i fans locali, che lo hanno trattato come una vera star. Come già accadde nel 2017 era maggiore l'interesse nei confronti di Oliveira, rispetto a quello manifestato verso il resto del plotone. La SBK ha bisogno di un idolo nazionale per ogni appuntamento del calendario.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.