De Rossi dice di no a un documentario su di lui. Ma solo per adesso...

Dopo quella su Francesco Totti, l'idea era quella di creare una serie televisiva anche sull'attuale centrocampista del Boca Juniors. Ma lui per ora rifiuta.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Rifiuta e va avanti. Si concentra solo sul calcio. Daniele De Rossi sta vivendo appieno l'avventura al Boca Juniors. Un altro calcio, un'altra filosofia, un altro mondo. In Argentina l'ex capitano della Roma ci è arrivato solo da un mese e mezzo, ma lì tutti i riflettori sono già puntati su di lui. Sta raggiungendo picchi di notorietà altissimi. I più alti di sempre. E lui vuole ripagare l'affetto della gente con il massimo impegno, senza concedersi distrazioni.

Quando era a Roma De Rossi, un po' per carattere, un po' perché inevitabilmente all'ombra di Francesco Totti, non è mai stato così richiesto. In questi primi mesi in Argentina sta ricevendo richieste di intervista da tutto il mondo. Italia, Spagna, Stati Uniti e ovviamente Argentina. Tutti vogliono parlare con lui, più ancora di quando, a soli 23 anni, divenne campione del mondo ritagliandosi uno spazio importante in finale.

Eppure è con il trasferimento al Boca Juniors che la sua storia diventa ancor più particolare. Dal mare di Ostia al calore della Bombonera. Un viaggio che lo ha portato di fatto dall'altra parte del mondo per continuare a vivere la propria passione, il calcio, gettando ulteriore benzina sul fuoco immergendosi nell'amore dei sudamericani.

De Rossi rifiuta l'offerta di girare un documentario sulla sua vita
De Rossi rifiuta l'offerta di girare un documentario sulla sua vita

De Rossi rifiuta un documentario sulla sua vita. Per ora...

Anche Amazon e Netflix si sono interessati alla scelta di vita (e professionale) di De Rossi di andare in Argentina (e al Boca Juniors). Stando a quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport i due colossi lo hanno contattato per realizzare un documentario che raccontasse la sua vita (calcistica e non) e anche il drastico cambio con il trasferimento in Sud America. Dopo Totti, il cui documentario è stato girato nei mesi scorsi e sarà presto a disposizione dei fan, anche De Rossi. Questo era il piano. Ma DDR ha detto di no: sta vivendo con grande passionalità la sua nuova avventura calcistica, non vuole farsi distrarre in nessun modo. E allora per il momento meglio declinare l'invito. Più avanti si vedrà.

Vota anche tu!

Dopo l'addio alla Roma De Rossi avrebbe dovuto ritirarsi?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

De Rossi intanto ha potuto riabbracciare la moglie Sarah e i figli Noah e Olivia, che ieri lo hanno finalmente raggiunto in Argentina. Durante la trattativa di calciomercato che lo ha portato al Boca, De Rossi ha rifiutato, per rispetto verso i compagni, la proposta di Burdisso di godere di un paio di giorni di riposo in più durante la sosta delle nazionali per avere il tempo di tornare in Italia. Per lui però il calcio resta la priorità, per questo ha rifiutato. Un po' come fatto con il documentario.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.