Bayern Monaco, Neuer posticipa il ritiro: "Mi sento ancora importante"

Il 33enne è convinto di poter fare ancora la differenza sia nel club che in nazionale: "Mi sembra siano ancora tutti contenti della mia presenza".

2 condivisioni 1 commento

di - | aggiornato

Share

Non è più il migliore al mondo. Il calo è evidente e dovuto non soltanto a questioni anagrafiche, ma anche ai tanti infortuni che ha avuto (è stato operato più volte ai piedi). Manuel Neuer sta però uscendo dal momento di difficoltà: dal marzo 2017 all'agosto 2018 ha giocato appena 4 partite in Bundesliga. Ora però sta tornando a grandi livelli.

Sia la nazionale tedesca (che ha tagliato gente come Khedira, Hummels, Boateng e Muller) che il Bayern Monaco (addio a Rafinha, Ribery e Robben) hanno però affrontato un vero e proprio cambio generazionale. Neuer è riuscito a sopravvivere, in nazionale così come nella squadra di club. Il portiere tedesco è ancora lì, non molla, continua a essere il titolare, il punto fermo, la certezza.

Eppure in Germania si guarda al futuro, si pensa al momento in cui Neuer non ci sarà più. Un po' perché alle sue spalle c'è ter Stegen, anche e soprattutto però perché Manuel non può durare in eterno e i tedeschi non sono abituati a dare molto spazio agli over 30. Eppure il portiere del Bayern non ha intenzione di lasciare la poltrona.

Manuel Neuer durante la partita fra Germania e Olanda
Manuel Neuer durante la partita fra Germania e Olanda

Bayern Monaco, Neuer non pensa ancora al ritiro

Neuer è stato chiaro a tal proposito. In un'intervista rilasciata a Welt am Sonntag ha ribadito la propria intenzione di giocare ancora per tanti anni. Sia con il Bayern Monaco che con la nazionale tedesca:

Quando non puntano più su di te e te lo fanno capire, allora è difficile motivarsi giorno dopo giorno. Voglio avere la sensazione di essere importante. Se si fa affidamento sulla tua esperienza, se i tuoi compagni hanno bisogno di te, andare avanti è più facile. Personalmente ho la sensazione che si faccia ancora grande affidamento su di me. In nazionale sono tutti contenti della mia presenza. Mi arrabbio se le cose che non vanno, gioisco invece se vanno bene, esattamente come facevo 10 anni fa e questi per me sono segnali importanti. Giocherò fino a quando il corpo me lo consentirà, fino a quando mi divertirò e fino a quando avranno bisogno di me.

View this post on Instagram

Prepared for tomorrow night @dfb_team #nedger

A post shared by Manuel Neuer (@manuelneuer) on

A fine carriera però Neuer vorrebbe entrare in società. Possibilmente al Bayern Monaco, il club per il quale ha vinto tutto, ma anche lo Schalke, che lo lanciò giovanissimo, andrebbe bene. Per questo l'ingresso in club di Oliver Kahn (diventerà amministratore delegato del Bayern) e il lavoro che sta svolgendo Edwin Van Der Sar all'Ajax (dove ricopre il ruolo di direttore generale) gli trasmettono ottimismo:

Sono contento che Kahn torni al Bayern, mi piace il fatto che venga riconosciuto il lavoro svolto dai portieri e che vengano apprezzati da società e tifosi. La stessa cosa vale per Van Der Sar all'Ajax.

Non sarà più il portiere più forte del mondo, ma Neuer non ha intenzione di mollare la poltrona. Anzi, la presa. Continuando a sopravvivere al cambio generazionale.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.