Klopp: "Dopo scudetto con il Dortmund mi sono svegliato in un furgone"

L'allenatore oggi al Liverpool ha raccontato come ha festeggiato il primo titolo con il Borussia: "Ho esagerato con l’alcol, mi ha trovato l’amministratore delegato del club".

1 condivisione 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Lo scorso 2 giugno è salito sul tetto d'Europa con il Liverpool conquistando la Champions League, trofeo più importante sin qui collezionato nella sua bacheca da allenatore, ma Jurgen Klopp ricorda ancora nitidamente il modo in cui ha festeggiato il primo titolo in panchina: la Bundesliga 2010/2011 vinta con il Borussia Dortmund guidato da Lucas Barrios e Robert Lewandowski.

Che l'allenatore tedesco non sia affatto un tipo banale, lo raccontano le sue dichiarazioni in conferenza stampa, spesso pittoresche, e le sue colorite esultanze. Che però Klopp avesse festeggiato il titolo di campione di Germania con una notte brava e tra alcol, camion e polli, pochi avrebbero potuto immaginarlo. Eppure la realtà è questa, come spiegato dallo stesso allenatore nato nel 1967 a Stoccarda nel corso del documentario realizzato da Amazon sui trofei vinti dal Borussia Dortmund.

Tra i suoi aneddoti, Klopp ha ricordato cosa è successo nelle ore successive alla conquista del Meisterschale, avvenuta il 30 aprile 2011 con tre turni di anticipo sul termine della Bundesliga. ll 2-0 sul Norimberga permise al Dortmund di vincere un titolo che mancava da nove anni e tanta attesa meritava degne celebrazioni. Alle quali Klopp non si è sottratto, come raccontato nel corso del documentario:

Ho esagerato con l’alcol dopo il titolo conquistato nel 2011, si vede benissimo da alcune interviste. Una cosa però me la ricordo: mi sono svegliato in un camion nel garage dello stadio. Da solo. Quello me lo ricordo, ma non ho idea di cosa io abbia fatto nelle ore precedenti.

Jurgen Klopp esulta per la vittoria della Bundesliga 2010/2011 con il Borussia Dortmund
Jurgen Klopp festeggia la vittoria della Bundesliga 2010/2011 con il Borussia Dortmund

"A un certo punto ho visto un'ombra: era il nostro amministratore delegato"

Il racconto di Klopp è solo all'inizio. Appare facile ipotizzare che l'allenatore avesse esagerato con le birre per celebrare la vittoria del campionato, ma tra i ricordi di quella serata c'è anche un'altra figura dell'organigramma societario del Borussia Dortmund:

Sono sceso dal camion e mi sono ritrovato in un grande cortile di una fabbrica. Poi ho visto la sagoma di un uomo. Ho aspettato e ho visto Aki Watzke (Hans-Joachim Watzke, CEO del Borussia Dortmund, ndr). 

Jurgen Klopp e Hans-Joachim Watzke ai tempi del Borussia Dortmund: in comune una simpatica avventura
Jurgen Klopp e Hans-Joachim Watzke ai tempi del Borussia Dortmund: in comune una curiosa avventura

I due erano accomunati da un bizzarro destino: vincenti ma a caccia di un passaggio per tornare a casa. La soluzione è comparsa poco dopo, bislacca come il resto del racconto:

Watzke ha fermato una macchina per strada, una station wagon. La guidava un signore turco. Alla nostra richiesta di passaggio, all'inizio ha risposto di no. Poi Watzke ha tirato fuori dalle tasche 200 euro e ha cambiato idea. Una volta in macchina, lui si siede davanti e io dietro. Continuavo a sbattere la testa sul vetro, ero molto stanco. A un certo punto, sento un rumore strano: il bagagliaio della macchina era pieno di polli.

Primo della classe anche fuori dal calcio, nonostante una bacheca con due campionati tedeschi, una Coppa e due Supercoppe di Germania, una Champions League e una Supercoppa europea. Jurgen Klopp non è mai banale. Nel documentario sul titolo del Borussia c'è l'ennesima conferma.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.