Europei 2020, il Portogallo si rilancia: 4-2 in Serbia. Ronaldo in gol

I portoghesi hanno dominato dall'inizio alla fine e ora sono secondi nel girone. CR7 ha trasmesso calma e fiducia alla squadra quando il risultato non si sbloccava.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Una vittoria pesante, anzi pesantissima. Il Portogallo vince 4-2 in casa della Serbia e si rilancia con decisione per quel che riguarda le qualificazioni agli Europei 2020. A decidere la partita è stato di fatto il gol di William Carvalho, centrocampista 27enne in forza in Spagna al Real Betis che con la sua rete ha tagliato le gambe ai padroni di casa anche perché arrivata al 42', a pochi minuti dall'intervallo. Nella ripresa sono arrivati anche i gol di Guedes al 58', Milenkovic al 68', Ronaldo all'80', Mitrovic all'85 e Bernardo Silva all'86'. In realtà però i serbi, una volta andati sotto per effetto dell'acuto di William Carvalho, non hanno mai dato la sensazione di poter pareggiare.

Il gol dell'1-0, fra l'altro, non è arrivato a sorpresa: la partita l'ha condotta il Portogallo, dall'inizio alla fine. Cristiano Ronaldo ha trascinato la squadra con la sua leadership, prendendo per mano la squadra e trasmettendole calma anche quando, nonostante il dominio, proprio non riusciva a sbloccare il risultato.

La prima vera occasione della partita, in realtà, è proprio Ronaldo a crearla: l'attaccante sotto contratto con la Juventus, al 29', riceve palla in ottima posizione e calcia con decisione verso la porta avversaria, ma è brava la difesa serba a chiudersi e a respingere il pallone prima che arrivasse in porta. 

I giocatori del Portogallo festeggiano per la vittoria che può decidere la qualificazione a Euro 2020
I giocatori del Portogallo festeggiano per la vittoria che può decidere la qualificazione a Euro 2020

Qualificazioni Europei 2020: il Portogallo vince in Serbia. La gara

Nel primo tempo la Serbia si vede solo al 38' quando Kolarov, giocatore più rappresentativo dei padroni di casa, prova a sorprendere Rui Patricio con un tiro dal limite che però sfila, senza troppe pretese, sul fondo. Al 42' è il Portogallo a portarsi avanti: su cross di Fernandes dalla trequarti Dmitrovic esce male, il suo intervento favorisce William Carvalho che da due passi manda la palla in porta. Nel secondo tempo è ancora il Portogallo a partire meglio: al 48' è Ronaldo a provare a sorprendere il portiere avversaria con un tiro che però esce di poco. Il portoghese ci riprova al 51' su punizione, ma nemmeno in quest'occasione è fortunato. Al 58' Guedes è eccezionale a liberarsi di Milenkovic appena entrato in area e a scaraventare in porta il pallone del 2-0. Questa, al più tardi, la gara che ha messo in discesa la partita e di conseguenza la qualificazione agli Europei 2020.

Al 68' arriva, quasi inaspettato, il 2-1 di Milenkovic, bravo a sfruttare un bel cross da calcio da fermo di Tadic. La Serbia ci crede e prova a pareggiare: al 69' è Ljajic a mettere in difficoltà Rui Patricio, al 72' è Kolarov a chiedere un calcio di rigore dopo un contatto con un avversario. Proprio nel momento migliore dei serbi però è il Portogallo a segnare e a chiudere la partita: all'80' è bravo Bernardo Silva a innescare Ronaldo che non ha difficoltà a realizzare il 3-1.

La Serbia prova ancora a riaprire la partita con Mitrovic all'85' (destro potentissimo a sorprendere Rui Patricio), ma meno di un minuto dopo è Bernardo Silva a piazzare con un tocco preciso il pallone del definitivo 4-2. Una vittoria pesante per il Portogallo che scavalca così Serbia e Lussemburgo e sale così in seconda posizione. Sarebbe sufficiente per qualificarsi agli Europei 2020.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.