Pallone d'Oro, Alisson è scettico: "Io i gol non li faccio. Li evito"

L'ex portiere della Roma ha vinto sia con il Liverpool che con la nazionale brasiliana: eppure resta scettico sulle sue possibilità di trionfare nel premio individuale.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Emergere non è mai facile. Non lo è negli sport di squadra, tanto meno se di ruolo si fa il portiere. Se lo spettacolo nel calcio sono i gol che vengono segnati, gli estremi difensori sono quei giocatori che devono sabotare le emozioni. Le loro parate, i loro interventi, vengono spesso dati per scontati. Poi però sbagliano e finiscono in prima pagina. Non è un ruolo semplice quello del portiere, non è un ruolo nel quale è facile emergere. Tranne per gente come Alisson

Il brasiliano ha vinto sia con il Liverpool (Champions League e Supercoppa Europea) che con il Brasile (la Copa America). L'ex romanista è stato decisivo. Lo è stato con le sue parate, con il suo atteggiamento. Fin dalla fase a gironi della Champions League Alisson è stato determinante con la parata su Milik all'ultimo secondo dell'ultima partita: non avesse compiuto quella parata i Reds sarebbero stati eliminati, sarebbero retrocessi in Europa League. Ma lui ha risposto presente.

Decisivo lo è stato anche agli ottavi di Champions League contro il Bayern Monaco e in semifinale contro il Barcellona, quando con le sue parate ha permesso al Liverpool di effettuare una delle rimonte più incredibili della storia del calcio (i Reds avevano perso 3-0 al Camp Nou ma hanno vinto 4-0 al ritorno).

Alisson in azione con il Liverpool
Alisson in azione con il Liverpool

Pallone d'Oro, Alisson non crede di poter vincere il premio: il ruolo lo penalizza

Alisson, insomma, ha dimostrato di essere decisivo. Pur giocando in un ruolo particolare, pur avendo come compito quello di cancellare le emozioni dovute ai gol. In molti lo indicano come un papabile vincitore del Pallone d'Oro, ma, intervistato da Marca, il brasiliano non sembra puntarci molto:

È stata una stagione speciale, nella quale ci siamo divertiti molto. Il momento più difficile è stato contro il Barcellona nella gara di ritorno. Non potevamo sbagliare. Abbiamo vinto, ma nel calcio però non c'è tempo per festeggiare. Una nuova stagione è già cominciata e dobbiamo raggiungere nuovi obiettivi, sia collettivi che individuali. So di essere un candidato alla vittoria del Pallone d'Oro, ma so che non sarà facile. Non lo è per nessuno, figuriamoci per un portiere. Ma sono orgoglioso di quel che sto facendo e ho la coscienza pulita: evidentemente sto lavorando bene e sono apprezzato.

Vincere il Pallone d'Oro sarebbe un traguardo eccezionale. Eppure per Alisson non è fondamentale. Lui è sereno così, con i riconoscimenti che riceve ogni giorno da compagni, club e media:

Il portiere è sempre più coinvolto nel gioco: oltre a parare deve essere bravo con i piedi per impostare l'azione. Noi però non segniamo, i gol noi li evitiamo. Ai tifosi invece piacciono i gol, sono il momento più importante di questo sport. Per questo gli attaccanti emergono di più. Sarebbe un onore vincere per me, ma l'unico a riuscirci è stato Yashin 56 anni fa. Mi sembra significativo...

Vota anche tu!

Alisson merita il Pallone d'Oro?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

L'ascesa di Alisson è cominciata con l'esperienza a Roma, anche se lasciare il Brasile per il più blasonato calcio europeo non è stato semplice né scontato:

Non sapevo cosa sarebbe successo, vivevo un misto di euforia e incertezza. Le cose però sono andate bene, fino ad arrivare al Liverpool, alla parata su Milik, forse la più importante che abbia mai fatto, e alla vittoria di Champions League e Copa America. Sono felice così.

Senza bisogno di ricevere anche il Pallone d'Oro. Sarebbe un grande riconoscimento, ma l'importante è vincere con la squadra. Alisson, d'altronde, è riuscito a emergere pur giocando in un ruolo delicatissimo. E gli basta questo.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.