Mercato, occhi aperti sugli svincolati: tanti i big senza contratto

Ben Arfa e Guarin comandano la lista delle occasioni a parametro zero. Molti gli italiani attualmente liberi, per l'attacco spicca l'ivoriano Bony.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Anche se la sessione estiva di mercato si è chiusa solo da poco più di 24 ore, voci e trattative non si sono ancora definitivamente spente. Già, perché quando scatta il gong finale la maggior parte dei calciatori non può più muoversi e deve rimandare ogni ragionamento a gennaio ma, contestualmente, c'è ancora tutto un sottobosco a parte che spera di potersi accasare per tornare a calcare un campo da gioco. Sono, ovviamente, gli svincolati, la cui lista degli elementi senza contratto si allunga sempre di più ogni estate che passa.

Il motivo? Principalmente, come ribadito più volte da esperti del mestiere, è da ricondurre al fatto che i club oggi puntano sempre più su rose lunghe per aver maggiore scelta, ma non sempre i tesserati si rivelano poi effettivamente profili utili alla causa. Sono più che altro numeri e, spesso, come tali vengono trattati. Poi ci sono anche quelli che non convincono dal punto di vista caratteriale o, per esempio, chi pretende un ingaggio troppo alto rispetto all'effettivo apporto dato in cambio.

In quest'ultima categoria rientra Hatem Ben Arfa, probabilmente lo svincolato di lusso dell'estate 2019: il trequartista cresciuto nel Lione ha giocato l'ultima annata al Rennes ma, contrariamente al reietto Mbaye Niang, non ha saputo impattare sull'economia del club bretone come in effetti ci si aspettava. Così, scaduto il vincolo annuale, i rossoneri lo hanno liberato sgravando le casse societarie da uno stipendio comunque molto pesante, decidendo di giocarsi i soldi risparmiati sul altri tavoli più produttivi. Ora Ben Arfa aspetta la chiamata giusta: in questi mesi si è parlato anche di Serie A, con le genovesi e l'Atalanta che hanno sondato l'entourage del ragazzo, ma l'impressione è che - almeno per il momento - il 32enne ex PSG dovrà continuare a cercare.

Calciomercato svincolati Ben Arfa Guarin
Dopo tre anni passati in Cina, Fredy Guarin potrebbe rientrare in Europa: il centrocampista colombiano si è svincolato dallo Shanghai Shenhua e valuta alcune offerte pervenutegli dal Vecchio Continente, tra le quali c'è quella del Brescia

Il mercato degli svincolati: Ben Arfa e Guarin i pezzi forti, Marchisio tra gli italiani

Momentaneamente a spasso c'è anche Fredy Guarin, centrocampista colombiano classe 1986 che gli ultimi anni li ha passati a giocare in Cina, nello Shanghai Shenhua. Durante le ultime ore di calciomercato sembrava fatto il suo passaggio al Brescia, con il presidente Cellino pronto a mettere sul piatto un contratto biennale da 1 milione di euro netti a stagione, offrendogli così l'opportunità di tornare in Serie A. All'ultimo momento però tutto è saltato: l'ex nazionale cafetero, probabilmente, pensa di potersi guardare ancora intorno per spuntare un contratto migliore, ma non è escluso che - qualora la situazione si dovesse protrarre a lungo - Guarin possa decidere di tornare in Sudamerica.

Discretamente nutrita anche la truppa di italiani. In prima fila troviamo Claudio Marchisio, ultima esperienza allo Zenit San Pietroburgo, i cui problemi fisici hanno letteralmente compromesso le ultime stagioni. Secondo le ultime voci il Flamengo avrebbe pronta un'offerta per portarlo in Brasile, ma il giocatore sta nicchiando a causa della lontananza con Torino, la sua città natale. Poi c'è Andrea Bertolacci, vicinissimo al Torino nella giornata di lunedì: il suo agente aveva già raggiunto un'intesa di massima coi granata (triennale a 800mila euro), ma alla fine non se n'è fatto nulla.

Dal Milan sono usciti Ignazio Abate e José Mauri, entrambi possibili nuovi innesti per un paio di club spagnoli, mentre un altro ex rossonero - Gabriel Paletta - ha rescisso con lo Jiangsu Suning e sta trattando il suo passaggio a una tra Lecce, Sassuolo e Cagliari. Più particolare è il caso legato a Giulio Donati: l'ex Primavera dell'Inter ha solo 29 anni e arriva da quattro stagioni comunque positive in Bundesliga, eppure nessuno lo ha (ancora) chiamato. Infine, della lista fa parte il solito Giuseppe Rossi, ormai un habitué: il suo destino può essere in Serie B, magari all'Empoli.

Tra gli altri nomi interessanti troviamo Markel Susaeta, 31 anni in uscita dall'Athletic Bilbao, esterno offensivo accostato - in queste ore - ad alcune squadre giapponesi. Poi ci sono Jonathan Biabiany, svincolatosi dal Parma, e Birkir Bjarnason, nazionale islandese che l'Italia la conosce molto bene, ma ultimamente faceva fatica a trovare spazio nell'Aston Villa. Ivan Strinic e l'esperto Fabio Coentrao rappresentano un'idea low cost per la fascia sinistra, mentre - in caso di necessità sulla trequarti - ecco che Keisuke Honda (rientra da un'esperienza in chiaroscuro in Australia) e Yoann Gourcouff possono fare al caso di molti. E, qualora servisse un attaccante, Wilfred Bony è pronto per essere tesserato: molto vicino al Lecce, che ha poi virato Babacar. Questione di occasioni e di incastri, come sempre accade quando si parla di calciomercato.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.