Mancini bacchetta Zaniolo e Kean: "Imparino a comportarsi bene"

Il ct azzurro ricorda ai due giovani di imparare dai propri errori: "Non hanno fatto niente di grave, ma non è la prima volta".

2 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Conferenza stampa del ct azzurro Roberto Mancini prima di questo nuovo doppio appuntamento con la nazionale italiana con Armenia e Finlandia, impegni validi per la qualificazioni a Euro 2020. Il commissario tecnico ha affrontato tanti temi, tirando anche le orecchie a Zaniolo e Kean:

A me non piace fare queste cose, lasciare a casa e punirli, è anche vero che sono giovani. Abbiamo dato loro una grande possibilità, spero serva a loro per il futuro, poi se meriteranno li chiameremo. Devono imparare a comportarsi bene, un professionista deve essere serio sempre, Zaniolo? Non è che vinciamo o perdiamo perché manca Zaniolo, come gli ha detto Totti deve crescere, non bastano 5 partite per essere un campione, bisogna lavorare tanto. È un ragazzo giovane, deve capire quello che ha avuto, non è così grave quello che ha fatto ma siccome non è la prima volta è anche giusto che capisca. Poi non ha fatto niente di particolare.

Inevitabile affrontare anche il tema del razzismo negli stadi:

Purtroppo c'è sempre qualcuno che sbaglia, la speranza nostra è che prima o poi queste cose finiscano. Succede in Italia, in Inghilterra nonostante tutto succede ancora, così come in Francia. Le persone intelligenti purtroppo ci sono. Lukaku ha ragione siamo nel 2019 e quei tempi dovrebbero essere passati. Io credo che la maggior parte delle persone capisca e stia cercando di far il meglio possibile per migliorare questa situazione, quelli che sbagliano oggi forse diminuiranno col tempo ma ci saranno sempre quelli che lo faranno, c'è poco da fare.

Poi sulla squadra, il ct dimostra di avere le idee chiare:

La nostra squadra è delineata. Se da qui all’Europeo dovesse arrivare qualche novità interessante, porte aperte, ma siamo stati fortunati a trovare una squadra così in fretta. Bravi i giocatori. Spiace un po’ di avere così pochi selezionabili in campionato, ma ognuno pensa giustamente ai suoi interessi. Gerarchie in porta? Donnarumma è il portiere, poi Sirigu che ha sempre risposto bene. Se poi un giorno starà meglio lui, cambieremo.

Ovviamente Mancini ha guardato con molta attenzione queste prime giornate di campionato:

Ho visto due 4-3 e un 3-3, mi sono divertito, forse gli allenatori che hanno preso gol un po’ meno ma è inizio stagione e le difese sono ancora un po’ aperte. Comunque sì, sembra un po’ la Premier League, dove i risultati sono incerti fino all’ultimo e le difese aperte.

Infine il saluto di Mihajlovic:

Ho sentito Sinisa, l'ho sentito spesso ultimamente. Mi sembra stia già molto meglio, sembra che tutto vada per il verso giusto. Questo mi rende felice e rende felice tutti quelli che gli vogliono bene.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.