Serie A, un Mkhitaryan in più per Fonseca: come cambia la Roma

L'armeno arrivato dall'Arsenal in prestito oneroso arricchisce le scelte offensive di Fonseca: trequartista o esterno, è il profilo perfetto per il 4-2-3-1 del portoghese.

2 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Accordo definito con l'Arsenal in 48 ore, con prestito secco oneroso per i prossimi 12 mesi, valigia chiusa in fretta, atterraggio e visite mediche. Henrikh Mkhitaryan è un calciatore della Roma. Le prime foto del 30enne armeno, colpo di calciomercato last minute del ds Gianluca Petrachi, con sciarpa giallorossa all'arrivo in Italia sono state sufficienti per esaltare la tifoseria. Il 5 settembre sfiderà l'Italia con la sua Nazionale, ma la Serie A rappresenta il suo futuro.

In comune con il suo nuovo allenatore Paulo Fonseca, Mkhitaryan ha una tappa fondamentale per la sua carriera: Donetsk. Triennio 2010-2013, 44 reti in 106 presenze con la maglia dello Shaktar. In Ucraina il giovane Henrikh impara anche l'ucraino e il russo, lingue aggiunte al bagaglio culturale di un poliglotta che nel suo passato ha anche un trascorso di quattro mesi in Brasile, in un camp con giovani calciatori a San Paolo (nel quale condivise la stanza con l'ex Lazio, Inter e Juventus Hernanes) e un'infanzia vissuta in Francia al seguito del papà Hamlet, uno dei più grandi attaccanti armeni del secolo scorso.

Se l'ultimo arrivo di calciomercato della Roma gioca prevalentemente negli ultimi 30 metri, è proprio merito delle sue radici. Suo papà Hamlet è infatti scomparso all'età di 33 anni per un tumore al cervello e proprio quel giorno il piccolo Henrik decise che avrebbe fatto il calciatore, giocando più per l'assist che per la gioia personale. Compito che Fonseca gli chiederà nella sua Roma, al servizio di un totem dell'area di rigore come Edin Dzeko.

Calciomercato, Mkhitaryan in campo con lo Shaktar contro la Juve nella Champions League 2012/2013
Calciomercato, Mkhitaryan con lo Shaktar contro la Juve nella Champions League 2012/2013

Calciomercato, Mkhitaryan la freccia in più per Fonseca: il 4-2-3-1 lo esalta

Le tre stagioni in Ucraina fruttarono a Mkhitaryan il pass per la Bundesliga: maglia del Borussia Dortmund e primo biennio a corrente alternata sotto la guida di Jurgen Klopp, con il rischio retrocessione nella stagione 2014/2015. La stagione della consacrazione è quella successiva: perno del trio di fantasisti nel 4-2-3-1 completato da Reus e Kagawa alle spalle di Aubameyang, 23 reti e soprattutto 32 assist. V

alutazione del cartellino: 31,5 milioni di euro, quelli spesi dal Manchester United per portarlo a Old Trafford tre anni fa. Proprio da quell'annata a Dortmund e dall'interpretazione che l'armeno ha del 4-2-3-1 potrebbe ripartire Fonseca. Che alle spalle di Dzeko dispone della rapidità di Under e Kluivert, della fantasia di Zaniolo, della classe di Javier Pastore, dell'irruenza di Florenzi e Pellegrini e attende Diego Perotti, ai box per infortunio.

Dotato di dribbling nello stretto e grande abilità nell'ultimo passaggio, Mkhitaryan potrebbe trovare la sua casella ideale nel ruolo oggi occupato da Zaniolo. Centrale e distante pochi metri dalla punta centrale, per dialogare, suggerire e andare al tiro. Vizio messo parzialmente in soffitta nel triennio in Premier League tra United e Arsenal, con 22 reti all'attivo, e che potrebbe tornare utile in una squadra che sembra oggi priva di un classico suggeritore alle spalle delle punte. L'alternativa vedrebbe l'ormai ex calciatore dei Gunners impiegato in fascia.

Soluzione che permetterebbe a Fonseca di non privarsi di Zaniolo nell'undici titolare e di costruire un asse dai piedi buoni con Kolarov, già decisivo con due reti nei primi 180' di campionato. In corsia o al centro delle operazioni, la sensazione è che Mkhitaryan sia pronto a guadagnarsi un posto fisso nella Roma 2019/2020.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.