Meeting IAAF World Challenge Berlino: prove generali dei Mondiali di Doha

La settantottesima edizione del meeting ISTAF all’Olympiastadion di Berlino in programma domenica 1 settembre sarà la prova generale dei prossimi Mondiali d’autunno di Doha, che scatteranno il 27 settembre.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Oltre 37000 biglietti sono stati venduti per la settantottesima edizione del meeting iSTAF (Internationales Stadionfest) di Berlino, il più antico e prestigioso meeting tedesco che fa parte del circuito IAAF World Challenge. Per tanti atleti in gara sarà l’ultima occasione per staccare il biglietto per i prossimi Mondiali di Doha. Per il meeting di Domenica pomeriggio si preannuncia una giornata molto calda con una temperatura di 30°C.

Martin Seeber, Meeting Director del meeting ISTAF di Berlino: 

In un solo pomeriggio presenteremo tante stelle dell’atletica internazionale e i migliori atleti tedeschi. Gli spettatori potranno godersi 16 gare di assoluto livello mondiale. La scadenza dei minimi di qualificazione è fissata pochi giorni dopo il meeting ISTAF. Le condizioni climatiche saranno favorevoli. Vogliamo che il nostro meeting diventi una carica per gli atleti in vista dei Mondiali di Doha. La finale del salto con l’asta è stato uno dei momenti clou degli Europei dell’anno scorso. Siamo contenti di poter presentare due dei protagonisti degli Europei e i migliori specialisti del mondo. Quattro settimane prima dei Mondiali di Doha gli atleti saranno al top della forma. Per gli spettatori sarà interessante vedere come i migliori atleti tedeschi riusciranno a battersi contro i migliori del mondo. 

I piatti forti del meeting di Berlino saranno il salto con l’asta maschile e il lancio del giavellotto maschile.

Salto con l’asta maschile: Il ritorno di Duplantis sulla pedana del titolo europeo 

Tre astisti che hanno superato almeno 6.00 metri in questa stagione saranno in gara sulla pedana dell’Olympiastadion di Berlino: Armand “Mondo” Duplantis, Sam Kendricks e Piotr Lisek.

Il diciannovenne fuoriclasse svedese Armand Duplantis torna sulla pedana dello storico stadio berlinese dove lo scorso anno conquistò il titolo europeo assoluto stabilendo due record mondiali under 20 con 6.00m e 6.05m entrando nel cuore dei fans berlinesi. Il giovane scandinavo ha superato due volte la barriera dei 6 metri in questa stagione alle South Eastern Conference di Fayettevile l’11 Maggio e nell’incontro internazionale tra Svezia e Finlandia il 24 Agosto a Stoccolma.  

Duplantis rinnova la sfida con l’amico-rivale Sam Kendricks, che ha stabilito il record statunitense con 6.06m ai Campionati statunitensi di Des Moines e ha vinto al meeting di Parigi con 6.00m e la finale della Diamond League a Zurigo con 5.93m precedendo Duplantis.

Lisek si classificò al quarto posto agli Europei di Berlino pur saltando l’eccellente misura di 5.90m. Lo scorso Luglio il saltatore polacco ha stabilito due record nazionali superando 6.01m a Losanna e 6.02m a Montecarlo.

Lancio del giavellotto maschile: Tutta l’élite tedesca in gara con Hofmann, Rohler e Vetter

Si preannuncia una gara molto combattuta con tutti i migliori tedeschi del momento. Il campione olimpico in carica Thomas Rohler (86.99m a Dessau e vincitore al meeting di Lucerna con 86.51m) affronta l’argento europeo e vincitore della Diamond League 2018 Andreas Hofmann, campione tedesco 2019 proprio a Berlino ad inizio Agosto e terzo a Zurigo Giovedì sera con 87.49m, e il campione del mondo di Londra 2017 Johannes Vetter, tornato ad esprimersi a grandi livelli in Agosto con un lancio da 89.28 a Bad Kostritz. Da seguire anche il giovane tedesco Nicklas Kaul, campione europeo under 23 nel decathlon a Gavle 2019 e oro europeo under 20 a Grosseto 2017, e il lettone Edis Matusevicius, quarto nelle liste mondiali dell’anno con 89.17m e vincitore al Palio della Quercia di Rovereto Martedì scorso.

Johannes Vetter: 

Non vedo l’ora di gareggiare al meeting ISTAF. Sarà una gara di alto livello. Ho vinto due volte in questo meeting nel 2016 e nel 2017, ma ho dovuto saltare gli Europei e i Campionati tedeschi per infortunio. E’ arrivato il momento di far tremare lo Stadio Olimpico di Berlino.

Mihambo pronta a volare di nuovo oltre i 7 metri

La campionessa europea di Berlino 2018 Malaika Mihambo è pronta a regalare un grande spettacolo al pubblico tedesco sulla pedana dello Stadio Olimpico posizionata sul rettilineo opposto al rettilineo d’arrivo dove ha conquistato il titolo europeo lo scorso anno e il titolo tedesco ai Campionati nazionali disputati ad inizio Agosto all’Olympiastadion con la straordinaria misura di 7.16m. La saltatrice nata da madre tedesca e da padre originario di Zanzibar ha superato la barriera dei 7 metri in altre quattro occasioni al Golden Gala di Roma con 7.07m, a Dessau con 7.05m, a Londra con 7.02m e al Campionato Europeo per nazioni di Bydgoszcz con 7.11m. Mihambo affronterà quattro altre atlete che hanno superato la barriera dei 7 metri in carriera: la serba Ivana Spanovic, campionessa mondiale indoor a Birmingham e due volte vincitrice del titolo europeo indoor a Belgrado 2017 (con la fantastica misura di 7.23m) e a Glasgow 2019, la vice campionessa mondiale di Pechino 2015 Shara Proctor, la medaglia d’argento degli Europei Indoor 2019 Nastassia Mironchyk Ivanova (7.08m di personale) e Yelena Sokolova, vice campionessa olimpica a Londra 2012 e atleta accreditata di un personale di 7.07m. In gara ci sarà anche l’azzurra Laura Strati, che ha vinto tre titoli italiani all’aperto nel 2016, 2017 e 2018 e ha realizzato un personale stagionale di 6.65m in questa stagione a Vicenza (a 7 centimetri dal record personale realizzato nel 2018). La lunghista vicentina ha realizzato la misura di 6.43m nell’ultima gara disputata a Madrid, città dove vive e lavora come traduttrice.

Malaika Mihambo: 

Ho realizzato una super prestazione ai Campionati tedeschi con 7.16m. L’obiettivo è battere il record del meeting di 7.08m. 

La neo vincitrice della Diamond League del salto triplo Shanieka Ricketts affronterà l’altra giamaicana Kimberly Williams. Ricketts ha vinto la finale della Diamond League a Zurigo battendo la favorita Yulimar Rojas con il record personale di 14.93m.

Un altro fresco vincitore del diamante della Diamond League in gara è l’ucraino Andiy Protsenko, che si è imposto a Zurigo Giovedì sera con 2.32m. L’ucraino (vice campione europeo nel 2014 e atleta dal personale di 2.40m) affronterà il tedeseco Mateusz Przbylko, campione europeo a Berlino con 2.35m, e il bielorusso Maksim Nedasekau, argento a Berlino 2018 con il record personale di 2.33m, e il polacco Sylwester Bednarek, campione europeo indoor a Belgrado 2017.

100 metri maschili: De Grasse nome top della velocità

Il canadese André De Grasse è la stella dei 100 metri maschili. Il tre volte medagliato delle Olimpiadi di Rio de Janeiro (argento sui 200 metri e bronzo sui 100 metri e nella staffetta 4x100) è tornato dopo tre anni a correre sotto i 10 secondi con 9”98 ai Campionati canadesi e sotto i 20 secondi con 19”91 a Ostrava e 19”92 a Losanna. De Grasse arriverà a Berlino da Wattenscheid dove si sta allenando insieme al gruppo del tecnico americano Rana Reider.

Gli altri protagonisti principali sono l’altro canadese Aaron Brown, che ha vinto due gare di Diamond League in questa stagione sui 200 metri a Shanghai e il doppio titolo nazionale sui 100 e sui 200 metri in 10”03 e sui 200 metri in 20”03 battendo De Grasse, il sudafricano Akani Simbine (vincitore al meeting di Londra in 9”93, il giapponese Yoshihide Kiryu (10”08 al meeting di Madrid e personale di 9”98) e  Tyquendo Tracey (vice campione giamaicano nel 2019 in 10”00).

100 metri femminili: Luckenkemper favorita sulla pista di casa 

La giovane Gina Luckenkemper sarà un delle atlete più applaudite del pomeriggio. Lo scorso anno vinse la medaglia d’argento agli Europei sui 100 metri in 10”98 e il bronzo con la staffetta 4x100. Luckenkemper è cresciuta a Dortmund ma gareggia per il club SCC Berlin ed è diventata la sprinter tedesca più veloce dal 1991 con il 10”95.realizzato in occasione della batteria dei Mondiali di Londra 2017. Nella sua carriera la ventiduenne ha vinto l’oro sui 200 metri agli Europei Under 20 di Eskilstuna 2015 e il doppio bronzo sui 200 metri e nella staffetta 4x100 agli Europei di Amsterdam.

Malaika Mihambo è iscritta anche sui 100 metri, distanza sulla quale si è classificata terza ai Campionati tedeschi di Berlino con il record personale di 11”21. L’atleta più veloce tra le iscritte è la cinese Ge Manqui, accreditata in 11”04.

110 ostacoli maschili: McLeod contro Martinot Lagarde

Il francese Pascal Martinot Lagarde torna sulla pista dove lo scorso anno vinse il titolo europeo in 13”17 precedendo al photo-finish Sergey Shubenkov. Iscritto dell’ultima ora è il campione olimpico ed europeo Omar McLeod, che di recente è tornato al successo vincendo nella tappa della Diamond League a Birmingham. McLeod si allena ora nel gruppo diretto da Rana Reider. Tra i protagonisti in gara ci saranno anche lo statunitense Freddie Crittenden, quarto ai Campionati statunitensi e secondo ai Giochi Panamericani di Lima 2019, il giamaicano Ronald Levy, campione del Commonwealth, il campione europeo indoor di Glasgow 2019 Milan Trajikovic, il rappresentante delle Barbados Shane Brathwaite, il primatista africano Antonio Alkana, e Gregor Traber, campione tedesco nel 2019 a Berlino.

100 ostacoli femminili: Le due medagliate europee di Berlino Hernan e Roleder contro Ali e Amusan

La statunitense Nia Ali (due volte campionessa mondiale indoor nel 2014 e nel 2016 e argento olimpico a Rio 2016 e seconda ai Campionati statunitensi 2019 di Des Moines) e la compagna di squadra Christin Clemons (argento ai Mondiali Indoor di Birmingham) affronteranno la nigeriana Tobi Amusan (campionessa del Commonwealth 2018 quarta al mondo in questa stagione con 12”49), la bielorussa Elvira Herman e la tedesca Cindy Roleder, oro e bronzo agli Europei di Berlino, e l’olandese Nadine Visser, campionessa europea indoor sui 60 ostacoli.  

2000 siepi femminili: Krause torna sulla pista di Berlino dopo il record personale a Zurigo

La tedesca Gesa Felicitas Krause torna sull’amata pista blu dell’Olympiastadion di Berlino dove ha conquistato il secondo oro europeo sui 3000 siepi lo scorso anno e il quinto titolo nazionale lo scorso Agosto. Krause arriva a Berlino direttamente da Zurigo dove ha stabilito il record tedesco e la terza migliore prestazione europea all-time con l’eccellente tempo di 9’07”51. In questa edizione dell’Istaf Krause correrà sulla distanza spuria dei 2000 siepi già affrontata nel 2015 al meeting berlinese quando realizzò il primato nazionale con 6’04”20. Nel 2017 Krause si impose per la seconda volta nella capitale tedesca sui 3000 siepi in 9’11”85.

La keniana Nora Jeruto, vincitrice sui 3000 siepi al meeting di Oslo davanti alla primatista mondiale Beatrice Chepkoech, sarà la principale stella sui 5000 metri femminili insieme alla giovane tedesca Alina Reh, medaglia d’oro sui 10000 metri e argento sui 5000 metri agli Europei Under 23 di Gavle e quarta agli Europei Indoor di Glasgow sui 3000 metri con il record personale di 8’39”45.

Lancio del disco maschile: Gudzius, Harting e Malachowski

Uno dei tradizionali piatti forti del meeting di Berlino. Sulla pedana dove Robert Harting chiuse la carriera nella passata edizione del meeting berlinese, si esibirà il fratello Christoph, campione olimpico di Rio de Janeiro. Il discobolo berllnese cercherà di riscattare la delusione per i tre lanci nulli ai recenti campionati tedeschi. La gara di Berlino propone anche il lituano Andrius Gudzius, campione mondiale di Londra 2017 ed europeo a Berlino 2018, e il polacco Piotr Malachowski, campione mondiale a Pechino e argento olimpico a Rio de Janeiro 2016.

La stella del getto del peso sarà la tedesca Christina Schwanitz, argento agli Europei di Berlino dello scorso anno e campionessa del mondo a Pechino 2015. La mamma di due gemelli proverà a prendersi una rivincita contro la polacca Paulina Guba, che l’ha battuta agli Europei di Berlino. Da seguire anche la giamaicana Danniel Thomas Dodd, campionessa del Commonwealth a Gold Coast nel 2018.

Medaglia d’argento iridata consegnata ad Ariane Friedrich

Durante l’ISTAF verrà consegnata alla saltatrice in alto tedesca Ariane Friedrich la medaglia d’argento dei Mondiali di Berlino 2009 per effetto della squalifica per doping di Anna Chicherova. Antonietta Di Martino, originariamente quarta con 1.99m, riceverà la medaglia di bronzo durante i Mondiali di Doha. La premiazione sarà effettuata dal Chief Executive Officer della IAAF Jon Ridgeon

Ariane Friedrich: 

Saltai per la prima volta i 2 metri all’ISTAF nel 2008. L’anno successivo vinsi a Berlino realizzando il record tedesco con 2.06m e poi vinsi la medaglia ai Mondiali. Ricevere la medaglia rappresenta per me un happy ending. 

Dopo l’esperimento riuscito in occasione dell’ultima edizione dell’ISTAF Indoor verrà creata all’interno dell’Olympiastadion una fan-zone dove gli appassionati potranno incontrare gli atleti e chiedere un autografo o un selfie.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.