Napoli, Ancelotti: "La Juve un test indicativo". E su Icardi...

Il tecnico dei partenopei confessa di avere buone sensazioni: "Lozano può giocare, Llorente lo conosciamo tutti. Rimpianti per Icardi? Nessuno, sono contento del mercato."

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Archiviata la rocambolesca vittoria ottenuta all'esordio a Firenze, un 4-3 che ha messo in mostra i pregi di una squadra che punta in alto ma anche evidenziato alcuni limiti su cui sarà necessario lavorare il prima possibile, il Napoli di Carlo Ancelotti si prepara a scendere in campo nella seconda giornata di Serie A in quello che è sicuramente il big match per eccellenza proposto dal calcio italiano negli ultimi anni, la sfida contro la Juventus.

Campioni d'Italia ormai da 8 anni, decisi a riconfermarsi ma anche a inseguire una Champions League che continua a sfuggirgli ormai da troppi anni, i bianconeri hanno operato in estate una vera e propria rivoluzione: sono arrivati a Torino nomi come Danilo, De Ligt, Rabiot e Ramsey, insieme a loro anche un nuovo tecnico, Maurizio Sarri, che a Napoli e nella storia del Napoli ha senza dubbio lasciato un segno. I partenopei hanno invece agito con più discrezione sul calciomercato, limitando le operazioni di base a un solo vero colpo, Hirving Lozano.

Basterà per sfidare la Juventus? Carlo Ancelotti non si è nascosto in estate, parlando apertamente di Scudetto, e anche tra gli addetti ai lavori non sono mancate le voci di chi pur continuando a ritenere i bianconeri i favoriti principali ha avanzato l'ipotesi che in un anno di rifondazione il Napoli possa davvero tentare il colpaccio. Ipotesi che andranno verificate sul campo nel corso della stagione e che forniranno le prime indicazioni già nella sfida di domani sera allo Stadium.

Lorenzo Insigne

Napoli, Ancelotti è pronto: "Contro la Juve capiremo quanto siamo competitivi"

Una sfida a cui Carlo Ancelotti si avvicina con fiducia nei propri uomini e con la consapevolezza che comunque vada sarà decisamente troppo presto per parlare di qualcosa di definitivo. Il risultato e la prestazione saranno comunque un test importante, indicando chiaramente quali sono le potenzialità del club di De Laurentiis e generando, in caso di responso positivo, quell'entusiasmo di cui Napoli si nutre e che può portare la squadra ad aumentare il proprio rendimento in modo esponenziale.

La Juventus resta la favorita per la vittoria finale, noi vogliamo dimostrare di poter essere competitivi contro di loro e questo è un test indicativo in questo senso. Ho buone sensazioni. Sarei contento di rivedere in panchina Sarri dopo qualche anno, sarei contento soprattutto di sapere che sta bene, ma se non glielo consigliano ci saranno sicuramente altre occasioni. La designazione di Orsato? Ha esperienza per questo tipo di gare, per noi non c'è nessun problema.

Assente all'esordio stagionale in seguito alla polmonite che lo ha colpito, Maurizio Sarri potrebbe essere presente allo Stadium, anche se la situazione è ancora incerta come confermato dal suo vice Martusciello. A proposito del tifo bianconero, Ancelotti spiega di non avere paura dell'accoglienza tradizionalmente ostile che il popolo juventino gli riserva e preferisce invece concentrarsi sulla sua squadra.

La stagione è appena cominciata, c'è chi sta bene e chi è più indietro ma non mi interessa. Voglio che le sensazioni che ho vengano confermate, voglio la dimostrazione che in questo campionato potremo essere molto competitivi. In estate la squadra è migliorata come qualità, giocatori nuovi hanno portato un miglioramento individuale e speriamo con il lavoro di migliorare anche la qualità collettiva. 

Contro la Juventus potrebbe essere il momento di Hirving Lozano e magari anche di Elmas, mentre non sarà sicuramente della partita Arkadiusz Milik. Ancelotti lascia trapelare qualche indicazione sul messicano e su altri singoli.

Lozano sta bene, aveva svolto una preparazione anticipata perché il PSV doveva giocare i preliminari. Si sta adattando alla squadra ma può giocare, è forte, giovane, ambizioso ma ha anche il vantaggio di essere umile. Milik non verrà convocato, contiamo di riaverlo al 100% dopo la sosta. Elmas? Una gara come quella contro la Juventus si gioca in 14, tutti devono pensare di poter essere utili e io devo poter contare su tutti. Maksimovic a destra è una possibilità, a sinistra Ghoulam era pronto anche a Firenze ma scelgo in base alle condizioni del momento.

Nella settimana che ha visto numerose polemiche sul rigore concesso a Mertens e sulle nuove regole relative ai falli di mano Ancelotti non può non dire la sua.

Quello su Mertens non era rigore, l'ho detto come dissi che non era rigore quello su Zielinski. Sono errori, finisce lì. La regola del fallo di mano ha complicato le cose, si è cercato di renderlo oggettivo ma alcune situazioni dipendono dall'arbitro. Personalmente spero si faccia un passo indietro altrimenti è complicato, secondo me la lettura giusta è quella dell'episodio successo a Udine.

Non possono mancare infine le considerazioni sul sorteggio di Champions League e su un calciomercato che chiuderà lunedì e che potrebbe aver lasciato qualche rimpianto.

Llorente? Lo conosciamo e conosciamo le sue qualità, sappiamo quello che può dare. Nessun rimpianto per Icardi, nessun rimpianto sul mercato: è andato tutto come doveva andare, sono contento, poi da qui alla fine speriamo di essere contentissimi. Ma la rosa è questa, la società si è mossa bene anche in uscita senza forzare nessuno ad andare via, qualcuno voleva giocare di più ed è stato accontentato. In Champions tutti conoscono il Liverpool, Salisburgo e Genk sono squadre che giocano con ritmo. Certo rispetto all'anno scorso è più semplice, ma ci vorrà comunque la massima attenzione.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.