Il PSG fra Neymar, il mercato e gli infortuni di Cavani e Mbappé

Il brasiliano continua a strizzare l'occhio al Barcellona, con Real Madrid e Juventus alla finestra, ma gli infortuni di Cavani e Mbappé aprono interrogativi e Tuchel è nervoso.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

Alla fine, nella parte di Polly, arriva Choupo-Moting. Domenica il Psg, ancora distratto dalle voci di mercato, stentava a trovare il bandolo della matassa contro un Tolosa nulla più che ordinato. Sembrava intenzionato a far rivivere i fantasmi di Rennes, fino a che non ci ha pensato il cenerentolo del suo attacco stellare a togliergli le castagne dal fuoco e a portare a casa i tre punti grazie alla più inattesa delle doppiette: per l'attaccante tedesco-camerunense, infatti, è solo la settima all'interno di una carriera ormai ultradecennale.

La squadra di Tuchel ha una rosa che sfiora il miliardo di euro e metà del capitale sta nell'attacco, visto che con i 7 giocatori di ruolo, fra punte centrali ed esterni offensivi, supera i 500 milioni. Merito soprattutto di Neymar e Mbappé, ovviamente, che mettono insieme quasi 400 milioni in due, oltre che di Cavani, Di Maria e Draxler, con Choupo e Jesé a chiudere i conti con un valore che si aggira sui 5 milioni ciascuno.

Eppure ieri ha dovuto rimboccarsi le maniche proprio il 30enne che era stato voluto l'estate scorsa da Tuchel per far rifiatare di tanto in tanto le stelle dell'attacco parigino, ma che finora i tifosi ricordavano più per quel gol incredibilmente negato a un compagno di squadra ad aprile contro lo Strasburgo - una gaffe che fece il giro del web - che per le trascurabili prestazioni viste fino a questo momento in Ligue 1.

Neymar, Cavani e Mbappé
Neymar, Cavani e Mbappé: l'attacco stellare del PSG è fermo ai box

Calciomercato: PSG fra Neymar e infortuni

Con Neymar in assenza "diplomatica" - fra infortunio ormai superato e un mercato da chiudere in un senso o in un altro - e Draxler ai box, quando nel corso del match si sono fermati anche Cavani e Mbappé, Tuchel si è girato verso la panchina e ha visto Choupo-Moting, lo ha chiamato e ha provato a caricarlo in tedesco. Operazione riuscita, vista la doppietta.

Ma gli stop del Matador e del giovane campione del mondo aprono orizzonti inattesi sul fronte delle trattative per O'Ney - che continua a lanciare segnali al Barcellona e a strizzare l'occhio a Real Madrid e Juventus - e mostrano i nervi scoperti di Tuchel:

Non so se quelli di Cavani e Mbappé siano infortuni seri. Dovremo valutare al più presto le condizioni di entrambi anche in ottica Champions League. Neymar? Io lo avrei fatto giocare già oggi e Leonardo sa che voglio tenerlo. Ma questo non dipende solo da lui. Al momento la situazione non è molto chiara, però occorre che la chiariamo al più presto.

Tuchel PSG
Tuchel ha parlato a nervi scoperti

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.