Premier League: il Chelsea non si sblocca, vince lo Sheffield United

Il Chelsea non va oltre l'1-1 contro un ottimo Leicester che a Stamford Bridge rischia anche il colpaccio. Vittoria fondamentale (e storica) per lo Sheffield United.

0 commenti

di - | aggiornato

Share

La domenica di Premier League riserva due incontri, si parte alle 15 con la sfida tra Sheffield United e Crystal Palace entrambe appaiate a un punto in classifica. Le Blades sono reduci dal pareggio ottenuto all'ultimo minuto, al debutto, a Bournemouth; mentre le Eagles hanno fatto 0-0 al debutto contro l'Everton in casa. La massima serie torna a Bramall Lane dopo dodici anni e lo stadio è pieno in ogni ordine di posto. I padroni di casa interpretano meglio l'avvio di gara, nonostante di occasioni se ne vedano poche.

La prima arriva al 23' con McGoldrik che però viene murato sul più bello, sei minuti dopo Wilder deve fare a meno di Fleck infortunato e sgancia Freeman che si piazza nel ruolo di mezzala sinistra. Sul finire di frazione è ancora McGoldrik che chiama Guaita alla parata, ma lo spagnolo è attento e para. Lo Sheffield United preme ed è Robinson stavolta a impegnare la difesa del Palace che però si salva. 

La ripresa si apre sulla stessa falsa riga del primo tempo e infatti al primo affondo le Blades trovano il vantaggio con Lundstram che arriva puntuale dopo la corta respinta di Guaita sul tiro ravvicinato di Freeman. Il gol dello United scuote il Crystal Palace che comincia a trovare con più costanza Zaha, Townsend e Benteke e prorpio l'ex Tottenham a impegnare per la prima volta Henderson con una conclusione da fuori. Hodgson si gioca la carta Schlupp per uno spento Meyer, fuori anche Townsend e dentro McCarthy. Lo Sheffield torna a farsi vedere al 71' con un colpo di testa di O'Connel che Guaita devia in angolo. Gli assalti finali del Palace sono del tutto sterili e Bramall Lane può festeggiare una vittoria storica dopo dodici anni d'assenza dalla Premier e soprattutto tre punti d'oro nella corsa salvezza. 

Premier League, la festa dello Sheffield United
Premier League, Sheffield United batte Crystal Palac

Premier League, il Chelsea pareggia: a Stamford Bridge è 1-1 contro il Leicester

Lampard, dopo le sconfitte contro Manchester United e Liverpool, esordisce a Stamford Bridge. Per sfidare il Leicester sceglie il solito 4-2-3-1 con Giroud preferito ad Abraham in avanti e Mount nel ruolo di trequartista. Rodgers si affida al 4-1-4-1 in cui Vardy è il centravanti e Ndidi la diga davanti alla difesa. Ancora panchina per Praet. I Blues partono fortissimo e vanno vicini al vantaggio due volte nei primi due minuti prima con Pedro e poi con Pulisic che non riesce a ribadire in gol la ribattuta di Schmeichel sul tiro di Mount che al sesto trova finalmente il suo primo gol in maglia Chelsea: errore grossolano di Ndidi in uscita, l'ex Derby gli ruba palla e in diagonale non lascia scampo all'estremo difensore danese delle Foxes. Trovato l'1-0, la squadra di Lampard abbassa un po' i ritmi e il Leicester alza il baricentro per cercare di dare fastidio a un Chelsea fino a quel momento dominante. 

Ma quando i Blues accelerano sono uno spettacolo e così il triangolo Mount-Pedro-Giroud porta alla conclusione ravvicinata Kante che però viene murato all'ultimo da un grande intervento di Evans. La ripresa parte con il Leicester più convinto e Vardy impegna severamente Kepa che deve distendersi per intercettare il diagonale della punta inglese. Le Foxes giocano con più coraggio rispetto al primo tempo, costringono il Chelsea a non sviluppare la manovra come vorrebbe, Maddison si libera di Azpilicueta e prova a incrociare il destro. Palla al lato. Lampard inserisce Abraham e toglie Giroud per dare nuova verve all'attacco. 

Ma il Leicester continua a spingere, contro un Chelsea che appare stanco, provato dai 120' di Istanbul e dal corner di Maddison arriva il pari firmato Ndidi che sovrasta Azpilicueta e scaraventa in porta il pallone dell'1-1. L'allenatore dei Blues allora corre ai ripari e getta nella mischia sia Willian (al rientro) che Kovacic, fuori Jorginho e Pulisic. Rodgers risponde con Praet per Choundhury e il Leicester va a un passo dal vantaggio con Maddison che sfrutta un taglio di Perez e solo davanti a Kepa calcia altissimo. Poco dopo è Vardy a mettere i brividi a Stamford Bridge, ma il Chelsea si salva ancora perché la mira di Jamie non è perfetta. I padroni di casa tornano a farsi vedere con una punizione di Mount che però non crea problemi a Schmeichel. Ma anche nel finale sono le Foxes a rendersi più pericolose di un Chelsea che non si sblocca e deve rimandare ancora l'appuntamento con la prima vittoria stagionale. Il Leicester, dopo una prima mezzora complicata, invece manda segnali più che incoraggianti e porta a casa un punto importante.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.