Abraham insultato per il rigore sbagliato. Il Chelsea: "Disgustati"

Il giovane attaccante inglese è stato pesantemente insultato sui social dopo il rigore sbagliato in Supercoppa europea. Il Chelsea: "Prenderemo provvedimenti".

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

L'idiozia prende per l'ennesima volta il sopravvento sui social. L'ultimo a farne le spese è stato il giovane attaccante del Chelsea, Tammy Abraham, che ha sbagliato il rigore decisivo in Supercoppa europea consegnando di fatto il trofeo al Liverpool. 

Nell'immediato post-partita il classe 1997 è stato pesantemente insultato su Twitter, scatenando la reazione dei Blues che l'hanno prontamente difeso:

Siamo disgustati dai post che abbiamo visto sui social media. Il Chelsea - ha dichiarato un portavoce del club - ritiene inaccettabili tutte le forme di comportamento discriminatorio. Non ha spazio in questo club chi, essendo in possesso di un abbonamento o chiunque abbia acquistato un biglietto o qualsiasi tifoso del Chelsea, si renda responsabile di tali comportamenti. Intraprenderemo le azioni più forti possibili contro i responsabili

Anche l'associazione antirazzista "Kick It Out" è scesa in campo per prendere le parti del 22enne:

Questo genere di abuso è sempre più prevedibile ma non meno disgustoso. Invitiamo tutto il nostro supporto a Tammy e ribadiamo la nostra richiesta a Twitter e agli altri social media di reprimere queste manifestazioni offensive. Questo è un invito all'azione, vogliamo sapere cosa verrà fatto per affrontare questo insidioso problema

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.