Neymar, "Real o Barça, purché si parta": il Clasico arriva sul mercato

Il brasiliano ha una sola certezza: non vuole più rimanere al PSG. I Blaugrana avevano scelto una linea attendista ma l'irruzione del Real Madrid ha cambiato le carte in tavola.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Al Camp Nou la data prevista è quella del 27 ottobre prossimo, mentre il Bernabeu lo ospiterà il 1° marzo del prossimo anno. Se queste sono le date dei due match più attesi di tutta la Liga - gli incroci fra Barcellona e Real Madrid - c'è un Clasico che si sta già giocando da qualche settimana dietro le quinte: riguarda il mercato e precisamente la prossima destinazione di Neymar.

Il brasiliano aveva lasciato il Barcellona due anni fa. Il suo trasferimento al PSG aveva fatto il suo ingresso fra le breaking news e nei telegiornali di tutto il mondo: dal Nepal al Suriname, dalla Namibia alla Tasmania la notizia di quei 222 milioni di euro pagati da Al-Khelaifi per strapparlo a Bartomeu era entrata in tutte le case. Comprensibilmente, del resto, visto che era, ed è tuttora, il trasferimento in assoluto più costoso della storia del calciomercato.

Dal canto suo, anche Neymar aveva avuto modo di rimpinguare, giustamente e doverosamente, il proprio conto in banca ma, come aveva anticipato più di un commentatore, il denaro non è tutto. Con rispetto parlando, infatti, il livello della Ligue 1 non è al momento paragonabile a quello del campionato spagnolo e se a questo si aggiunge un cammino europeo inferiore alle aspettative, una lunga serie di infortuni e un rapporto a volte difficile con alcuni compagni di reparto, ecco spiegati mal di pancia e retromarcia di O'Ney che da mesi non nasconde la propria intenzione di lasciare Parigi.

Neymar PSG
Sono passati solo due anni dalla presentazione di Neymar al PSG

Calciomercato, Neymar: il Clasico nelle trattative

A dire il vero, i primi spifferi parlavano di un Neymar intenzionato, anzi deciso, a tornare al Barcellona, ma poi le cose si sono complicate a causa della scarsa liquidità del club catalano che, a dire il vero, dalla sua partenza ha messo a segno più mosse azzardate che veri e propri colpi sul mercato, quasi che quei 222 milioni gli avessero in qualche modo dato alla testa. Non potendo presentarsi a Parigi con un assegno adeguato, Bartomeu ha scelto la tattica attendista, forte anche della volontà del giocatore.

Neymar PSG
Nel PSG ha segnato 51 gol in 58 partite

Ma, si sa, l'amore per la maglia viene e va e non appena O'Ney ha capito le difficoltà catalane ha lasciato trapelare che il suo obiettivo numero uno è lasciare la Ligue 1 e che, se il Barça non ce la faceva, poteva valutare anche altre soluzioni. Uno spiffero che ha risvegliato l'appetito di Florentino Perez che sta ricostruendo il Real Madrid e un dispettuccio agli arcirivali di una vita lo fa sempre volentieri. La situazione è stata ben riassunta dal giornalista Marcelo Bechler, molto vicino al giocatore, che ai microfoni di El Larguero di Cadena SER ha dichiarato:

Neymar vuole due cose: primo a lasciare il PSG e secondo a giocare a Barcellona. Il PSG vuole ottenere la massima quantità di denaro per lui e se c'è un'offerta da Barcellona e Real, Neymar sceglierebbe il Barça. Ma se i Blaugrana non ce la fanno, andrebbe a Madrid, perché non c'è altro.

O'Ney al Barça: i pro e i contro

Chiaro e lineare: non ci sono altre possibilità. L'ingresso, anzi l'irruzione, di Florentino nelle trattative ha messo in grande difficoltà Bartomeu che ora non può più aspettare seduto sulla riva del fiume. Se prima poteva far finta che il problema fosse il PSG che non voleva vendere, ora l'arrivo del Real Madrid ha cambiato le carte in tavola. Con 760 milioni già spesi in tre anni, incluso questo che pure non è finito, e 490 incassati, il club ha le mani legate e, siccome il PSG ha rispedito al mittente ogni ipotesi di scambio, è obbligato a vendere, e anche alla svelta, per poter investire. Mica facile, anche perché dovrebbe cedere alcuni dei giocatori con lo stipendio più alto - quindi presumibilmente i più utili - per fare spazio, in un monte ingaggi già altissimo, al sontuoso stipendio di O'Ney.

Neymar Bartomeu
Per Bartomeu la vicenda Neymar rischia di trasformarsi in una grana, da qualunque parte la si guardi

Ma l'eventuale arrivo del brasiliano creerebbe non pochi grattacapi anche a Valverde che al momento là davanti è già quasi in overbooking con Messi, Suarez, Griezmann, Dembelé e Coutinho.Infine c'è poi anche la questione etica: da più parti all'interno del club si sono levate voci contrarie di persone che pensano che per dignità non sia giusto dare il benvenuto a un giocatore che ti ha lasciato in braghe di tela due anni fa. Tutto giusto, certo, se il dilemma di Bartomeu fosse fra prendere o non prendere Neymar, mentre in realtà l'angosciato presidente blaugrana è chiuso a tenaglia fra prendere Neymar o lasciarlo andare al Real Madrid. Un'eventualità, quest'ultima, che avrebbe un peso enorme e sarebbe un'arma formidabile nelle mani dei suoi rivali alle prossime elezioni presidenziali.

Neymar Messi Suarez
Con l'arrivo di Griezmann, Dembelé e Coutinho, Valverde si troverebbe in overbooking

I pro e contro del Real Madrid

Sull'altra sponda, comunque, anche Florentino deve valutare bene i pro e i contro. Innanzitutto il Real Madrid attuale assomiglia a un cantiere aperto e, per completarlo, Zidane non gli ha certo chiesto Neymar, ma Pogba e magari Mbappé. Altra musica, insomma, ma del brasiliano il presidente dei Blancos è innamorato da sempre e quando si ficca in testa di fare un colpaccio non è facile fargli cambiare idea. Nemmeno facendogli notare che più o meno in quel ruolo ha appena finito di spendere 100 milioni per Eden Hazard.

Neymar Zidane
Zidane, più che Neymar, vorrebbe Pogba e al limite Mbappé

Dal punto di vista dell'esposizione finanziaria sembra essere messo meglio del rivale: circa 500 milioni spesi contro 380 incassati nello stesso triennio, ma in questa sessione gli investimento sono già oltre quota 300 a fronte di ingressi per 115 e l'Uefa è sempre più vigile sul rispetto del FPF, spesso invocato poi proprio dalla Liga nei confronti di PSG e Manchester City. Certo, la tentazione è forte, soprattutto considerando le prestazioni offerte sin qui dalla squadra: i tifosi chiedono un altro colpo e Neymar, per giunta scippato alla concorrenza del Barcellona, rappresenterebbe per don Florentino, la polizza più sicura per la prossima rielezione. Il primo Clasico della stagione, insomma, è già aperto.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.