Milan, Donnarumma al PSG finanzia il mercato: Isco e James nel mirino

Rossoneri pronti a fare plusvalenza col portiere per reinvestire i soldi nel reparto offensivo: piacciono i due campioni in uscita dal Real Madrid.

1 condivisione 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Che cos'hanno in comune i destini di Neymar e Gianluigi Donnarumma? A oggi proprio un bel nulla, ma fino a pochi giorni fa entrambe queste figure erano al centro delle strategie di mercato del PSG. Il club francese è alle prese con la grana legata al brasiliano; ormai da mesi è risaputo che il fenomeno verdeoro ha intenzione di tornare in Spagna e, dopo le dichiarazioni rilasciate sabato scorso da Leonardo, il suo futuro sembra ormai definitivamente segnato. I parigini gli hanno attaccato un bel cartellino con sopra il prezzo fissato, attendendo che Real Madrid e Barcellona comincino quella che ha tutti gli aspetti di un'asta senza esclusione di colpi.

Con il tesoretto in entrata, Leonardo andrà a completare la squadra con i pezzi mancanti. Diversamente dagli anni passati, il PSG quest'estate ha pensato più ad andare su profili funzionali che non sulle solite e inutili figurine. Quando si è presentata l'esigenza di valutare un nuovo portiere, la scelta non poteva che ricadere su Gigio: il classe 1999 rossonero piace a mezza Europa e potrebbe lasciare il Milan per finanziare le restanti tre settimane di campagna acquisti, con Boban e Maldini intenti a cercare ancora almeno un paio di elementi per completare la rosa a disposizione di Marco Giampaolo.

Per farlo, Neymar o meno, a Parigi serve liquidità: la prima proposta dei francesi è stata rispedita al mittente, perché il Milan – per sedersi seriamente a parlare del proprio talento – valuta solo offerte dai 60 milioni in su. In tal modo, la sua cessione sarebbe sì dolorosa dal punto di vista tecnico, ma permetterebbe alla società di mettere a bilancio una plusvalenza enorme (la UEFA ringrazia) e, soprattutto, di aumentare esponenzialmente il budget per imbastire le altre operazioni in entrata. Con la difficoltà a cedere i vari esuberi, Donnarumma potrebbe essere sacrificato sull'altare del Dio Denaro, sperando che la strategia possa portare risultati nell'immediato.

Calciomercato Milan Donnarumma Isco James Rodriguez
Lo spagnolo Isco, uno dei pallini del Milan da diversi anni: il trequartista, in uscita dal Real Madrid, è una delle nuove idee rossonere per il reparto offensivo

Milan, occhi sul mercato spagnolo: non c'è solo Correa

Secondo quanto riportato dall'edizione odierna de La Gazzetta dello Sport, i rossoneri concentrebbero tutti gli sforzi economici per rinforzarsi nel reparto offensivo. Non è una novità l'interesse per Angel Correa, frizzante motorino argentino attualmente in forza all'Atletico Madrid. Nei giorni scorsi sono riprese le trattative per portarlo a Milano e, anche se i Colchoneros non sarebbero molto felici di privarsene, in società hanno accettato le richieste del calciatore che, nonostante l'opera di convincimento di Simeone, avrebbe deciso di lasciare la capitale spagnola.

Nelle ultime ore però si è parlato anche dell'ex baby prodigio del San Lorenzo in chiave Valencia, come pedina di scambio per arrivare a Rodrigo dopo che l'Atletico è (quasi definitivamente) uscito dalla corsa a James Rodriguez. E allora ecco che gli intrecci di calciomercato potrebbero portare proprio il colombiano a Milano. Obiettivo di lunga data del Napoli, il classe 1991 esploso nell'Envigado è ormai ai margini del Real Madrid ma la pista partenopea si è raffreddata, nonostante la presenza del suo mentore Ancelotti. Il Milan vuole approfittare della situazione di casa Merengues, con Florentino disposto a tutto pur di soffiare Neymar al Barcellona.

Il presidente dei Blancos ha bisogno di liquidità immediata, soldi che dovrebbero arrivare dalla partenza di James, Bale e Isco. Così come il colombiano, anche il trequartista originario di Malaga è entrato nel mirino di Boban e Maldini, sempre più orientati a regalare ai tifosi un colpo in grado di stuzzicare la fantasia collettiva. Esiste la possibilità che i dirigenti possano tentare un blitz, forzando sui buoni rapporti tra le parti: la sensazione, comunque, è che nulla si muoverà a breve, ma che il Real debba vendere ormai è una certezza. Bisogna solo capire a chi e, soprattutto, a quanto.

Per questo il Milan ha adottato una strategia attendista ma propositiva: la società cercherà di capire se esistano reali condizioni per concretizzare almeno un colpo da novanta, sperando che le valutazioni monstre possano calare col passare dei giorni. Se Rodriguez rappresenta il nome nuovo, Isco è un pallino del club già dai tempi della gestione Berlusconi e, nel sistema disegnato attorno alla squadra da Giampaolo, andrebbe a collocarsi esattamente dietro alle due punte. E allora ecco che, qualora dovesse prefigurarsi uno scenario simile, la cessione di Donnarumma sarebbe se non altro un po' meno dolorosa.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.