Milan, nuovi contatti per Correa: il giocatore vuole lasciare Madrid

L'argentino ha stregato Boban, i Colchoneros hanno respinto la prima offerta rossonera. Ma Simeone apre alla cessione: "Succede sempre qualcosa a fine mercato".

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Dopo un weekend di stallo, con entrambe le squadre impegnate nelle rispettive amichevoli di preparazione alla nuova stagione, Milan e Atletico Madrid sono pronte a riaprire l'asse di mercato che porterebbe all'approdo in rossonero di Angel Correa. L'attaccante argentino è uno degli obiettivi principali della società lombarda, un giocatore sul quale Maldini e Boban si stanno concentrando da parecchio tempo. Merito, soprattutto, delle caratteristiche di questo ragazzo, un elemento in grado di far stropicciare gli occhi ai dirigenti milanisti grazie a giocate d'alta scuola e abilità nel muoversi in più contesti tattici.

L'argentino piace soprattutto al dirigente croato, impegnato in prima linea per mediare con i Colchoneros: portarlo a Milano significherebbe regalare a Marco Giampaolo un elemento in grado di spostare seriamente gli equilibri, visto che il talento cresciuto nel vivaio del San Lorenzo potrebbe giocare sia da seconda punta che da esterno offensivo, sfruttando al meglio le sue qualità principali come il dribbling e la rapidità nello stretto.

La trattativa comunque sembrerebbe essere tutt'altro che facile, visto che dalle parti del Wanda Metropolitano non sono disposti - almeno per ora - ad abbassare le pretese economiche. In ogni caso, la sensazione è che i discorsi per Correa andranno avanti fino alla fine della sessione estiva di calciomercato, prevista in Italia per il 2 settembre: l'ex azulgrana rappresenterebbe la classica ciliegina sulla torta di un'estate durante la quale il Milan, alle prese con gli obblighi e gli impegni verso la UEFA, ha provveduto a puntellare la propria rosa con giovani interessanti, abbattendo sensibilmente il monte ingaggi.

Calciomercato Milan Correa
Angel Correa, talento argentino dell'Atletico Madrid: il Milan lo ha individuato come rinforzo per l'attacco, ma i Colchoneros non hanno accettato la prima offerta rossonera

Milan - Correa, prosegue la trattativa: asse di mercato con l'Atletico

Serve gente futuribile, in grado di dare una mano nell'immediato e - perché no - potenziali plusvalenze da giocarsi nei prossimi anni in virtù di quel processo economico che, da qui al 2021, dovrà portare il Milan a presentare il pareggio di bilancio davanti all'organo internazionale competente. L'affare Correa rientra in tutti i suddetti paletti e, nonostante le smentite di rito, anche a Madrid sembrano aver capito la situazione. L'Atletico non avrebbe intenzione di venire incontro ai rossoneri che, pochi giorni fa, hanno avanzato una prima offerta ufficiale da 40 milioni di euro più 5 di bonus.

Il giocatore però sembra svogliato e con la testa altrove, probabilmente convinto a lasciare la capitale spagnola per gettarsi a capofitto in una nuova avventura professionale. Lo stesso Diego Simeone, il quale non vorrebbe privarsi di un giocatore che lui stesso ha contribuito a svezzare, ha dichiarato le intenzioni del club di valutare eventuali offerte da qui alla fine del mercato. "A oggi può succedere di tutto", dice il Cholo, soprattutto dopo che - qualche giorno fa - l'agente del calciatore è stato immortalato a Casa Milan, dove avrebbe chiuso l'accordo per il trasferimento del suo assistito sulla base di un contratto quinquennale.

Per sbloccare definitivamente l'affare il Milan sta pensando a sacrificare qualche esubero in uscita. Sulla lista dei partenti ci sarebbero Diego Laxalt, Andrea Conti e Suso, i quali addii porterebbero nelle casse societarie un discreto gruzzoletto da reinvestire. Le situazioni però al momento si presentano profondamente differenti tra loro: se l'uruguayano non fa più parte del progetto tecnico di Giampaolo, il terzino - appena rientrato da un doppio infortunio molto lungo - vorrebbe giocarsi le proprie carte in rossonero (anche se il Parma sta insistendo per convincerlo a lasciare Milano), mentre lo spagnolo piace alla Fiorentina ma ha costi difficilmente sostenibili dai Viola.

Differente è il discorso legato a Gianluigi Donnarumma: per il portiere campano sono giorni molto caldi, visto che Mino Raiola avrebbe - secondo i beninformati - consegnato al club un'offerta del PSG da 50 milioni di euro, cifra però ritenuta troppo bassa per uno dei giovani prospetti più forti d'Europa. Intanto Correa spinge per lasciare l'Atletico e forza la mano alla società di appartenenza, in attesa di capire le prossime mosse del Milan, sempre più deciso a puntare sull'argentino come perno della futura rinascita rossonera.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.