Premier League, Aubameyang fa ridere l'Arsenal. Esordio per Cutrone

I Gunners non brillano in casa del Newcastle, ma vincono 1-0 grazie al gol del solito ex Dortmund nella ripresa. Pareggio 0-0 invece tra Leicester e Wolverhampton, con l'ex milanista entrato a un quarto d'ora dal termine.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Prima domenica di Premier League, dopo la partenza nel weekend con i primi acuti di Liverpool, Manchester City e Tottenham. Prima della gara più attesa della giornata, ovvero il big match tra Manchester United e Chelsea, c'è spazio per due gare molto interessanti: Newcastle-Arsenal e Leicester-Wolverhampton.

Per quanto riguarda la sfida tra Magpies e Gunners, sono gli uomini di Emery ad avere la meglio al termine di 90' non ad altissima intensità. Decisivo come spesso gli capita Pierre-Emerick Aubameyang, che firma così il suo primo gol stagionale. Esordi nella ripresa per i nuovi arrivati Ceballos e Pepé, che iniziano così ad assaporare l'atmosfera inglese.

Stesso discorso per Patrick Cutrone, che fa l'esordio in campionato con il suo Wolverhampton dopo aver già giocato mezz'ora nella gara di Europa League, contro gli armeni del Pyunik. Nonostante l'ingresso dell'ex milanista, il match del King Power Stadium non si schioda dallo 0-0. Per cominciare, però, può andare bene così per entrambe le squadre. 

Scavetto vincente e 1-0 dell'Arsenal firmato Aubameyang
Aubameyang segna al Newcastle e regala la vittoria all'esordio per l'Arsenal

Premier League, buona la prima per l'Arsenal

A St. James's Park c'è grande curiosità per vedere la prima ufficiale del nuovo Arsenal. Anche se a vedere la formazione di partenza, volti nuovi non ce ne sono. Unai Emery, infatti, tiene in panchina i vari Ceballos, David Luiz, Tierney e soprattutto Nicolas Pepé, acquisto più costoso della storia del club arrivato dal Lille per 80 milioni (soffiato al Napoli). Non convocati invece, per ragioni di sicurezza dopo la sventata rapina, Ozil e Kolasinac: secondo i tabloid, i due sarebbero finiti in una guerra tra gang londinese e per questo motivo sono scortati 24 ore al giorno (nonostante i due aggressori siano stati arrestati). 

La gara inizia e si gioca in un ambiente particolare. Non certo per la pioggia, un classico da queste parti, quanto per le forti proteste dei tifosi del Newcastle nei confronti della dirigenza dopo un'estate turbolenta. L'addio di Rafa Benitez, considerato un profeta dai supporters dei Magpies, è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso. E se consideriamo che al suo posto è arrivato un ex Sunderland come Steve Bruce, la frittata è fatta. 

Ritmi di gara non indimenticabili in avvio, ma a tenere meglio il campo sono i padroni di casa. Che sfiorano anche il vantaggio al 20', con un destro dalla distanza di Shelvey fermato solo dal palo esterno. Match che comunque rimane piuttosto bloccato per tutto il resto del primo tempo, conclusosi sullo 0-0.

Nella ripresa però la musica cambia, poiché l'Arsenal rientra in campo con più determinazione e trova, al 58', il gol del vantaggio. A metterci la firma è il solito Pierre-Emerick Aubameyang, lanciato in porta da Maitland-Niles (dopo un grave errore del neo entrato e neo acquisto Willems) e bravissimo a superare Dubravka con uno scavetto morbidissimo. Per l'ex Borussia Dortmund è il gol numero 42 in 66 gare con i Gunners, una media da fenomeno vero. 

Da questo momento gara in pieno controllo dei londinesi, con Emery che fa esordire in Premier League l'ex Real Madrid Dani Ceballos per migliorare ulteriormente la qualità del palleggio. Qualche istante più tardi dentro anche Pepé, acclamato dai tanti tifosi dei Gunners presenti al St. James's. Finisce con una vittoria importante per l'Arsenal, che inizia con il piede giusto una stagione che deve necessariamente portare qualche trofeo in bacheca. 

Pari senza reti tra Leicester e Wolverhampton: si vede Cutrone

King Power Stadium stracolmo per l'esordio stagionali delle Foxes, che affrontano il Wolverhampton del nostro Patrick Cutrone (partito dalla panchina). Squadra di Brendan Rodgers senza più il centrale Maguire, passato al Manchester United per 87 milioni di euro, ma con in campo i due acquisti più costosi della storia del club. Parliamo di Tielemans, riscattato dal Monaco per 45 milioni dopo gli ottimi sei mesi della scorsa stagione, e l'ex Newcastle Ayozé Perez pagato ben 33 milioni. Solo panchina invece per Praet, preso dalla Sampdoria nelle ultime ore di mercato. 

Meglio il Leicester nel primo tempo, più propositivo e bravo nel controllare la gara. Nonostante tutto, però, i Wolves tengono dietro e non concedono grandi occasioni agli avversari nel primo tempo. Più vivace l'inizio di secondo tempo degli uomini di Nuno Espirito Santo, che sblocca anche la situazione al 49' con Dendonker. Il Var però interviene e annulla tutto, in quanto l'ex Anderlecht si trovava in posizione irregolare. 

Ancora ospiti pericolosi pochi minuti dopo con Jota, che arrivato a tu per tu con Schmeichel calcia sul fondo. A 20' dal termine buona chance anche per per le Foxes con Perez, che su calcio d'angolo non riesce a deviare in rete da due passi. Al 76' è il momento dell'esordio in Premier League di Patrick Cutrone, dentro al posto di Diogo Jota. Il classe '98 italiano non ha palloni buoni per segnare, ma fa subito vedere le sue caratteristiche, pressando molto gli avversari e aiutando la squadra a salire. Con il tempo l'ex numero 63 del Milan entrerà nei meccanismi della squadra, che intanto si porta a casa un buon punto in un campo ostico. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.