Inter, fuori tutti: anche Perisic è fuori dal progetto di Conte

Il croato è stato provato come esterno e come punta con risultati deludenti: non c'è posto per lui nel 3-5-2 del tecnico pugliese, partirà anche in prestito. Era uno dei "casi" della passata stagione con Nainggolan e Icardi.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Dopo quattro anni, 163 partite e il non trascurabile bottino di 40 gol sembra arrivata al capolinea l'avventura di Ivan Perisic con la maglia dell'Inter. A confermare quelle che sono le sensazioni accumulate durante l'estate, che ha visto Antonio Conte provare il croato come esterno di fascia a tutto campo e anche come seconda punta, a causa di un organico che continua a restare incompleto nel reparto offensivo dopo le numerose trattative naufragate, è il Corriere della Sera.

Nella sua edizione online il quotidiano racconta di come l'Inter abbia deciso di privarsi di Perisic: il giocatore è sul mercato, e se non arriveranno offerte per una sua cessione a titolo definitivo il club nerazzurro valuterà anche il prestito, sulla scia di quanto già avvenuto con Radja Nainggolan. Come il belga finito al Cagliari, e come Mauro Icardi che ormai da tempo è un vero e proprio separato in casa, anche il croato sarebbe ormai fuori dal progetto varato da Beppe Marotta e Antonio Conte.

Alla base ci sarebbe l'incompatibilità tattica di Perisic con il 3-5-2 tanto caro al tecnico pugliese, che fin dai primi giorni si è dimostrato scettico sulla possibilità di utilizzare l'ala croata come esterno a tutto campo. Sensazioni confermate successivamente dalle prove sul campo e che hanno portato l'Inter a una decisione: considerato fin dai primi giorni di ritiro una pedina sacrificabile sul calciomercato, il giocatore lascerà Milano entro la chiusura delle trattative anche se dovesse farlo in prestito.

Ivan Perisic
L'Inter ha deciso di privarsi di Ivan Perisic dopo quattro stagioni in cui il croato è stato titolare indiscutibile: alla base l'incompatibilità tattica con il modulo di Conte e i mal di pancia manifestati a gennaio, quando il croato aveva chiesto la cessione.

Inter, l'epurazione continua: anche Perisic è fuori dal progetto

Vale la pena ricordare che già a gennaio scorso le strade dell'Inter e di Ivan Perisic avevano rischiato di separarsi: il croato aveva chiesto la cessione, che il club non aveva avvallato in mancanza di offerte valide e - come sottolineato da Marotta - in linea con il valore di un giocatore comunque importante, perno della Croazia vice-campione del mondo a Russia 2018 e all'epoca punto fermo dei nerazzurri.

Sei mesi dopo la situazione è decisamente cambiata: esterno d'attacco di grande qualità, già all'indomani della nomina di Antonio Conte come nuovo allenatore dell'Inter era sembrato chiaro che Perisic avrebbe difficilmente trovato una collocazione tattica a lui adatta negli schemi del tecnico pugliese. A differenza degli altri due "casi" della passata stagione, Nainggolan e Icardi, era comunque sembrato che il croato, prelevato dal Wolfsburg nel 2015 dopo una lunga trattativa, potesse lottare per ritagliarsi uno spazio.

Magari come esterno sinistro a tutto campo, posizione in cui però non è stato capace di convincere Conte. Da qui la decisione di cederlo anche in prestito, un segnale di come l'aria sia decisamente cambiata nella Milano nerazzurra: come Nainggolan e Icardi anche Perisic non farò parte del nuovo progetto, che partirà ufficialmente tra poche settimane e che in attesa di nomi nuovi in entrata ha già sentenziato l'epurazione di quei calciatori che, come disse Marotta già a gennaio in occasione dei "mal di pancia" del croato, considerino un onore vestire la maglia dell'Inter.

Le novità su Lukaku e Dzeko: centravanti in arrivo per Conte?

Perisic via, dunque, come Nainggolan e come - si spera in tempi brevi - Maurito Icardi. Ma chi arriverà? L'Inter aspetta ancora novità sul fronte Lukaku, in cima alla lista delle preferenze di Antonio Conte per ricoprire il ruolo di centravanti, ma nel frattempo potrebbe aver fatto qualche passo in avanti la trattativa relativa a Edin Dzeko: nonostante il buon precampionato disputato con la Roma il bosniaco avrebbe infatti comunicato al club giallorosso la ferma intenzione di trasferirsi a Milano.

Così, a poco più di due settimane dall'inizio della Serie A, l'Inter potrebbe davvero riuscire a stringere per i due possenti attaccanti considerati fondamentali da Antonio Conte per la squadra che ha in mente e che sarà chiamata al non facile compito di migliorare i risultati ottenuti da Spalletti e magari mettere in difficoltà la Juventus nella corsa allo Scudetto: nel calciomercato odierno la volontà dei calciatori ha un peso non indifferente, e quella d Lukaku e Dzeko è di vestire il nerazzurro.

Il belga continua ad allenarsi in Belgio con l'Anderlecht, atto di protesta che ha sancito la rottura con il Manchester United dopo che il club inglese ha respinto l'offerta dell'Inter pari a 70 milioni più 5 di bonus, cifra non lontana dagli 83 chiesti dai Red Devils. Identica situazione per Dzeko, per cui i nerazzurri sono arrivati a offrire 15 milioni di euro: per il bosniaco, 33 anni e in scadenza nel 2020, la Roma ne chiede 20 più bonus, un tiro alla corda che avrebbe spinto il giocatore a esporsi personalmente.

A chi si è complimentato con lui per l'ottimo precampionato e per la professionalità dimostrata Dzeko avrebbe risposto che è tutta una questione personale e che intende tenersi in forma per l'Inter, il club a cui ormai è deciso ad approdare e in cui vede il suo finale di carriera. Parole importanti e che sicuramente peseranno per la Roma, che non può tenersi un giocatore scontento ma che fatica al momento a trovare alternative: dopo i rifiuti di Icardi e Higuain i giallorossi sembrano pronti a virare su nuovi obiettivi, che potrebbero dare il via libera a una trattativa infinita e regalare a Conte il suo primo rinforzo in attacco.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.