Incredibile in Bolivia: arbitro dà rigore grazie alla VAR che non c'è

Il direttore di gara Orosco durante Always Ready-Bolivar assegna un penalty al 95esimo mimando il segno dell'ausilio tecnologico. Che però non c'è in Bolivia.

21 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

L'utilizzo della VAR ha sicuramente cambiato il mondo del calcio in questi anni anche se l'ausilio tecnologico per gli arbitri crea ancora un po' di confusione. Ma quello che è successo in Bolivia stanotte ha dell'incredibile.

Durante Always Ready-Bolivar infatti, sull'1-0 per gli ospiti, arriva un contatto dubbio in area di rigore con i padroni di casa che chiedono il rigore accerchiando il direttore di gara Raul Orosco che fatica a prendere una decisione.

Dopo qualche secondo, l'arbitro si consulta con il quarto uomo andando a parlare con lui a bordocampo. Dopo un breve colloquio, Orosco rientra in campo e assegna il penalty facendo l'ormai classico segno della VAR. Il problema? L'ausilio tecnologico non è utilizzato nel campionato boliviano.

La decisione dell'arbitro, e soprattutto il modo in cui è stata presa, ha creato grande scompiglio con Vigevani (tecnico del Bolivar) che non si spiegava il gesto dell'arbitro in un campionato in cui la VAR non è stata ancora introdotta.

Le polemiche non si sono fermate lì dato che il rigore, finito sul palo, andava ripetuto per la presenza in area di rigore di un difensore degli ospiti. Ma l'arbitro Orosco avrà ben altre cose da spiegare quando potrà parlare di questi ultimi, folli minuti.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.