Dybala nei guai con i diritti d'immagine: salta il passaggio allo United?

La società che deteneva i diritti d'immagine dell'argentino ha intentato una causa al giocatore, che ha rescisso unilateralmente l'accordo nel 2017, chiedendo un risarcimento di 40 milioni di euro.

11 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Rischia di complicarsi quello che al momento sembrava il colpo più importante del calciomercato italiano, peraltro apparentemente ormai in via di definizione: stiamo parlando naturalmente della trattativa tra Juventus e Manchester United che dovrebbe portare - il condizionale resta d'obbligo - la Joya Paulo Dybala alla corte di Solskjaer in Inghilterra e il centravanti belga Romelu Lukaku da Maurizio Sarri a Torino.

Un affare che sembrava ormai prossimo alla conclusione potrebbe clamorosamente arenarsi di fronte ad alcuni importanti problemi legati ai diritti d'immagine dell'argentino della Juventus e che il Corriere dello Sport racconta nei dettagli nell'edizione in edicola oggi: nel 2016 Dybala aveva ceduto lo sfruttamento dei propri diritti d'immagine alla Star Image, società maltese che se li era assicurati con un contratto decennale.

Un accordo che è stato stracciato unilateralmente a distanza di un anno, nel 2017, dallo stesso calciatore argentino, mossa che secondo Star Image il giocatore non avrebbe potuto compiere: contratto alla mano, l'azienda maltese intende adesso chiedere indietro con gli interessi. Si parla di una cifra vicina ai 40 milioni di euro e di una situazione che potrebbe frenare il Manchester United dal concludere il trasferimento: il club inglese è noto per i grandi introiti derivanti dal merchandising e per prestare particolare attenzione allo sfruttamento dei diritti d'immagine.

Paulo Dybala

Dybala citato per danni dalla Star Image, il trasferimento in Inghilterra è a rischio

Nella giornata di oggi la Star Image, sempre secondo il racconto del Corriere dello Sport, dovrebbe avere inoltrato le carte relative alla causa alla Camera di Commercio Internazionale con sede a Parigi insieme a una diffida alle parti in causa. Il messaggio è chiaro: se Dybala dovesse perdere la causa i 40 milioni rischierebbero di pendere sul club che sarà proprietario del suo cartellino, una situazione che di fatto potrebbe raffreddare e non di poco l'interesse del Manchester United così come quello dell'Inter, che nella giornata di ieri sembrava intenzionata a tornare alla carica per l'argentino.

Dybala non è del resto nuovo a questo tipo di situazioni: sempre nel 2017, nell'estate che lo avrebbe portato a indossare la maglia numero 10 della Juventus appartenuta a Del Piero, l'argentino aveva rotto - anche in questo unilateralmente - l'accordo con il suo agente Pierpaolo Triulzi che lo aveva portato a Torino dal Palermo e che lo aveva per questo citato in giudizio ottenendo dal Tas un risarcimento milionario.

Con Star Image la questione è molto più grande e importante: tra la Juve e lo United ci sono questi ipotetici 40 milioni di risarcimento da versare, in caso di sentenza negativa, alla società maltese, l'impegno che la stessa aveva sottoscritto per conto dell'argentino con Puma è saltato, quell nuovo con Adidas potrebbe essere invalidato dall'azienda tedesca se questa accerterà che al momento della firma dell'accordo Dybala non poteva trattare i suoi diritti d'immagine. 

La questione, insomma, è davvero ingarbugliata e i tempi della giustizia non aiutano: le sentenze definitive potrebbero arrivare anche tra un anno, lasciando quindi la Juventus, Dybala e le squadre interessate al suo acquisto in sospeso, chiudendo ogni trattativa riguardante la Joya e facendo saltare di conseguenza tanto il suo trasferimento al Manchester United quanto l'arrivo a Torino di Romelu Lukaku.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.