Balotelli, c'è il Verona: Super Mario può far dimenticare Cassano

Offerta dell'Hellas al centravanti, svincolato dopo l'esperienza al Marsiglia. Super Mario può rilanciarsi e far dimenticare il burrascoso addio dell'attaccante barese due anni fa.

2 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Un'estate vissuta da osservato speciale del calciomercato di mezza Europa, con la possibilità ora di tornare in quella Serie A dove manca dalla stagione 2015/2016. Mario Balotelli è pronto a tornare in Italia: alle porte dell'attaccante classe 1990 ha infatti bussato l'Hellas Verona, ansiosa di regalare a Ivan Juric un tassello di valore per il ritorno nella massima serie.

Balotelli ha lasciato per fine il contratto Marsiglia dopo aver messo a segno 8 reti in 15 partite da gennaio a giugno con la maglia dell'Olympique. L’agente Mino Raiola e l’avvocato Vittorio Rigo sono al lavoro per aprire nuove porte al loro assistito e l'aria di un club nobile ma al tempo stesso disposto a dargli spazio e una maglia da titolare come l'Hellas potrebbe rappresentare la soluzione ideale.

L'offerta del club scaligero avrebbe trovato, come spiega la Gazzetta dello Sport, avrebbe già trovato l'accoglimento dell'attaccante, che nell'ultimo triennio tra Nizza e Marsiglia ha totalizzato 51 centri nella sua esperienza francese. L'idea Hellas permetterebbe a Balotelli di ritrovare la Serie A dopo gli anni al Milan e all'Inter, nonché di cancellare un episodio di razzismo che lo vide suo malgrado coinvolto nel 2010, quando vestiva la maglia dei nerazzurri e giocava contro il Chievo. Nell'occasione il 20enne Mario parlò di “schifo” per gli autori degli insulti.

Antonio Cassano in campo contro l'Hellas Verona: il suo addio agli scaligeri nel 2017 fece rumore
Cassano in campo contro l'Hellas Verona: il suo addio agli scaligeri nel 2017 fece rumore

Calciomercato, Balotelli e l'idea Hellas: ricordate Cassano due anni fa?

Un altro piccolo ostacolo alla trattativa che potrebbe portare Balotelli all'Hellas è rappresentata dalle origini di Super Mario. L'attaccante è infatti bresciano e la rivalità sportiva tra le due città è molto forte. Il centravanti non ha però rifiutato sfide sulla carta complicata in carriera e questo tassello potrebbe essere superabile, tanto che dall'entourage del giocatore filtra moderata fiducia.

Balotelli in azione ai tempi del Milan contro l'Hellas Verona
Mario Balotelli in azione ai tempi del Milan contro il Verona

Quello di Balotelli non sarebbe il primo nome altisonante in arrivo a Verona nell'era Setti. In precedenza il presidente dell'Hellas aveva portato in rosa calciatori del calibro di Toni, Marquez, Pazzini e Cassano. Proprio l'esperienza riguardante il talento di Bari Vecchia, risalente all'estate 2017, può rappresentare un precedente a cui prestare attenzione. Dopo quattro giorni di ritiro con la rosa all'epoca allenata da Fabio Pecchia e allestita per la Serie A, l'ex attaccante della Sampdoria spiegò di non sentire le giuste motivazioni per un'esperienza del genere, salvo tornare sui propri passi e nell'arco delle successive 48 ore decidere di staccare con il calcio giocato. Il Verona ci riprova a due anni di distanza: sia l'Hellas che Balotelli sperano che il finale sia differente.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.