Arsenal, la classifica degli gli acquisti più cari: Pepe scalza tutti

L'arrivo di Pepe dal Lille per 80 milioni ridisegna la graduatoria degli acquisti più cari nella storia dei Gunners. Ecco la top ten. Fuori Herny e Van Persie.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Nicolas Pepe entra di diritto nella storia dell'Arsenal. Come, direte voi, ma se è appena arrivato! Vero, ma l'ivoriano ora che è completato il suo trasferimento dal Lille diventa il giocatore più pagato nella storia dei Gunners. Mai dal nord di Londra era partito un bonifico da 80 milioni di euro. Battuto ogni record. Il sintomo di un mercato che sta alzando il tiro. Soprattutto in Premier, dove i club fatturano cifre inimmaginabili altrove. 

L'Arsenal si sta adeguando. Lo si era capito già negli ultimi diciotto mesi quando all'Emirates erano arrivati Aubameyang e Lacazette. Il gabonese è il secondo acquisto più caro nella storia del club, il francese si deve "accontentare" del terzo gradino del podio. Aubameyang è arrivato a Londra nel gennaio 2018 per 64 milioni di euro; mentre il collega lo ha seguito sei mesi più tardi con il Lione ben felice di incassare 53 milioni. 

Insomma tra due settimane, quando partirà la Premier League, Emery potrà schierare un tridente costato 197 milioni di euro. Non male per un club che non farà nemmeno la Champions League. Ovvio che il board del club si aspetti qualcosa di diverso rispetto all'ultima stagione con i Gunners quinti in campionato e a secco di trofei; anche perché oltre a Pepe è arrivato pure Ceballos in prestito. Oltre al giovane Martinelli 18enne pagato sette milioni all'Ituano. Ci sarebbero anche i 30 milioni spesi per Saliba, ma la dirigenza ha deciso di lasciare il giovane difensore ancora un anno in prestito al Saint Etienne. Notare però che il classe 2001 è già nella top ten tra gli arrivi più cari nella storia dell'Arsenal. Nono, per la precisione. 

Arsenal, Aubameyang in azione
Arsenal, classifica dei giocatori più cari

Arsenal, ecco gli arrivi più cari nella storia del club

 Il podio è recente, creato praticamente nell'ultimo anno e mezzo. Mentre al quarto posto si piazza Mesut Ozil arrivato dal Real Madrid nell'estate 2013 e pagato 47 milioni di euro. Una cifra che oggi sembra quasi acqua fresca, ma che allora fu invece un cocktail di emozioni ed entusiasmo per il mondo Gunners. In quinta posizione, a un incollatura dall'ex nazionale tedesco, c'è Granit Xhaka per cui furono versati, tre anni fa, 45 milioni nelle casse del Borussia Moenchengladbach. 

Solo sesto Alexis Sanchez che costò 42,5 milioni nell'operazione con il Barcellona. Correva l'estate 2014 e l'ex Udinese era uno dei giocatori più quotati a livello internazionale. Settimo troviamo Mustafi preso dal Valencia per la bellezza di 41 milioni di euro. Mkhitaryan è ottavo con una valutazione di 34 milioni di euro, decimo e ultimo nella top ten è invece Lucas Torreira pagato dai londinesi 28.6 milioni alla Sampdoria un anno fa. 

Sorprende non vedere tra i primi calciatori che hanno segnato epoche nel North London. Basti pensare che il marcatore più prolifico della storia dell'Arsenal con 228 gol, un certo Thierry Henry, venne pagato solo 16 milioni di euro. Oggi un giocatore del genere costerebbe forse dieci volte tanto. Ma pensate a un trio come Pires, Ljunberg e Van Persie che in totale sono costati 18 milioni di euro. Immaginare oggi valutazioni così, per giocatori tanto forti sarebbe fantascienza. Storie di un mercato diverso. Storie di un Arsenal diverso. 

I dieci acquisti più costosi nella storia dell'Arsenal

  • Pepe (80 milioni)
  • Aubameyang (64 milioni)
  • Lacazette (53 milioni)
  • Ozil (47 milioni)
  • Xhaka (45 milioni)
  • Sanchez (42,5 milioni)
  • Mustafi (41 milioni)
  • Mkhitarayan (34 milioni)
  • Saliba (30 milioni)
  • Torreira (28.5 milioni)

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.