San Siro: chiusi per vibrazioni sei settori del terzo anello

I settori rimarranno chiusi per tutta la prossima stagione, per una riduzione di capienza di 2.350 posti. La decisione è stata presa dalla Commissione provinciale di vigilanza.

7 condivisioni 1 commento

di - | aggiornato

Share

E ora chissà se qualcuno cercherà di trasformarla in un assist a favore della demolizione di San Siro. A tre settimane dall'inizio del campionato di Serie A 2019-20, infatti, la Commissione provinciale di vigilanza ha deciso di chiudere alcuni settori dello stadio milanese a causa delle vibrazioni avvertite già da alcuni mesi. Al Comune di Milano e a M-I Stadio non è rimasto che prenderne atto.

In questo momento, effettivamente, la città è divisa fra chi il Meazza lo vuole così com'è, per sempre, perché è un luogo sacro, un monumento, un simbolo, e chi riesce a mettere da parte la mozione degli affetti e più prosaicamente - o realisticamente, chissà - si allinea al progetto di Inter e Milan che ne prevede l'abbattimento per poter costruire poco distante una struttura più nuova, moderna, sicura e al passo con i tempi.

Se i due club cittadini sono i capofila della seconda soluzione, alla guida dei "resistenti" c'è invece il sindaco Beppe Sala che è addirittura arrivato ad affermare che, fino a che ci sarà lui a capo di Palazzo Marino, San Siro non sarà abbattuto. Di sicuro, ora, la "chiusura per vibrazioni", sia pure limitata ad alcuni settori, rischia di segnare un punto contro la "cordata" del primo cittadino.

San Siro stadio
San Siro: la chisura prevista riguarda sei settori del terzo anello

San Siro: chiusi per vibrazioni sei settori

Comunque, al di là di ciò che accadrà nel futuro prossimo, rimane il presente: alla riapertura del campionato San Siro sarà un po' più piccolo. Non molto: la chiusura prevista, infatti, riguarda i settori 349, 351 e 352 del terzo anello verde e i settori 307, 309 e 310 del terzo anello blu, per un totale di circa 2.350 posti a sedere in meno per tutta la stagione. Le prime avvisaglie di vibrazioni erano state riscontrate in occasione del match tra Inter e Atalanta del 7 aprile scorso e avevano portato a una prima chiusura che aveva riguardato circa 3.700 posti.

Inter-Atalanta
La formazione con cui l'Inter ha affrontato l'Atalanta lo scorso 7 aprile. Quel giorno furono avvertite le prime vibrazioni a San Siro

Una perdita di posti e di relative entrate per le casse di Inter e Milan - quella appena messa in atto - alla fine piuttosto contenuta, anche perché generalmente il terzo anello veniva aperto soltanto per le partite di cartello. San Siro come la Bombonera, dunque? I tecnici del Comune assicurano che non c'è alcuna situazione di pericolo: la struttura, insomma è sicura. La misura è dettata esclusivamente da intenti precauzionali, per evitare cioè che si possano venire a creare eventuali reazioni di panico, fra il pubblico presente a partite o a concerti, dovute alle vibrazioni.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.