Real Madrid, la crisi non finisce. Ma Zidane rassicura: "Torneremo"

Da febbraio i risultati del Real sono da incubo e il ritorno in panchina di Zidane non ha cambiato il trend. In pre season i segnali sono stati negativi, ma Zizou prova a rassicurare...

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Il Real Madrid ancora non c’è. In amichevole è arrivata un’altra sconfitta, stavolta contro il Tottenham, a peggiorare una situazione già delicata. Il fragoroso ko nel derby contro l’Atletico aveva riacceso polemiche, malumori, sentimenti negativi derivati da una stagione, quella scorsa, considerata da tutti fallimentare. L’avvio del nuovo corso però a sentire la stampa spagnola è anche peggiore. In pre season solo una vittoria, contro l’Arsenal ai rigori, poi sconfitte contro Bayern, Atletico e Tottenham con tanto di undici gol subiti in tre partite.

Un trend negativo che prosegue da mesi, perché il Real non si ritrova e la campagna acquisti faraonica messa in piedi da Florentino Perez non è servita a ridare entusiasmo a un popolo scorato, deluso, convinto che quella entrante possa essere la fotocopia della stagione precedente. Hazard si è presentato in ritiro sovrappeso, Militão, Rodrygo, Mendy e Jovic sono giovani che andranno testati sul prestigioso palco del Bernabeu. E per Pogba nulla sembra muoversi. Insomma l'euforia di inizio giugno si è giò spenta. 

I numeri del resto sono impietosi. Il Madrid ha perso undici delle ultime ventuno partite giocate, con solo sette vittorie e tre pareggi. Si parte dalla sconfitta del 17 febbraio contro il Girona, un ko con il quale i Blancos diedero di fatto l'addio a ogni speranza di contendere al Barcellona il titolo di campione di Spagna. In questi ventuno incontri il Real ha segnato solo trenta gol e ne ha incassati ben 39. 

Real Madrid, Zidane in panchina
Real Madrid, Zidane: "Ci riprenderemo"

Real Madrid, crisi senza fine: i numeri sono da brivido

Un dato che non migliora se ci si sposta avanti di un mese. Zidane torna sulla panchina del Real l'11 marzo, rimpiazzando Solari, ma il suo bilancio non è certo di quelli da far stropicciare gli occhi. Anzi. Zizou ha vinto solo un terzo dei match giocati: su 15 gare disputate sono arrivate ben sette sconfitte e tre pareggi. Tanto che dopo il 7-3 rimediato dall'Atletico nel derby di ICC si è tornato a parlare di frizioni tra il tecnico e Florentino Perez e di un possibile ritorno sulla panchina Blanca di José Mourinho. Voci che per ora non hanno trovato conferma. 

Il francese dal canto suo ostenta sicurezza, dopo l'ennesimo tonfo, stavolta contro il Tottenham, sono arrivate parole di rassicurazione. Zidane non vuole entrare nel vortice delle polemiche: 

Il Real è una grande squadra, ho a disposizione un gruppo di giocatori forti, al quale basterà vincere una partita per ritrovare le sicurezze di un tempo. 

In Spagna si chiedono però se questo possa bastare. il Real Madrid appare timido, spaesato, lontanissimo dal tenere alto il nome del club più importante del mondo. La grana Bale non fa altro che peggiorare la situazione. Intanto oggi i Blancos tornano in campo per l'Audi Cup. Sulla strada di Benzema e compagni c'è il Feberbahce. Chissà che non possa essere l'occasione reclamata da Zidane...

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.