PSG, il mercato cambia rotta: cessioni per finanziare gli acquisti

Fino all’estate scorsa gli acquisti avevano sempre avuto proporzione almeno doppia rispetto alle vendite – 6 anni fa erano stati 25 volte tanto – ma ora c’è un’inversione.

2 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Non è difficile risalire all'anno in cui il PSG è stato acquistato dalla Qatar Investment Authority: basta guardare le cifre spese sul mercato. Con gli acquisti di Nené, Bodmer e Tiené nella sessione estiva 2010-11, il club francese spende 9 (nove) milioni di euro, incassandone 7 dalla vendita di Stephane Sessegnon al Sunderland.

Tutto cambia l'anno dopo: i 107 milioni immessi nelle trattative sono il segno dei tempi e dell'arrivo degli emiri. In un colpo solo la squadra cambia volto: entrano Pastore, Thiago Motta, Matuidi, Menez, Sirigu, Maxwell, Gameiro, Alex, Sissoko, Diego Lugano e Bisevac, un nuovo team al completo, insomma, a fronte di soli 9 milioni di entrate.

Uno sbilancio che diventerà la regola anche negli anni a seguire, tanto che, escludendo la sessione di calciomercato in corso, nei primi 8 anni della gestione catariota, il club ha speso circa 1.150 milioni di euro e ne ha incassati soltanto 337, poco più di un quarto. Ma il dato delle cessioni è ancora più impressionante se si pensa che solo negli ultimi tre anni il PSG ha cominciato a vendere: nel periodo infatti ha incassato 272 milioni, mentre i rimanenti 65 erano la somma degli incassi delle prime 5 stagioni.

Calciomercato PSG
Calciomercato: Al-Khelaifi ha detto basta ad acquisti indiscriminati di grandi campioni e punta su giocatori funzionali al progetto

Calciomercato PSG, si cambia: vendere per comprare

Un trend che non era passato inosservato. Da più parti, infatti, erano stati sollevati dubbi sulla gestione del club e sulla sua rispondenza ai criteri del Fair Play Finanziario. Instancabili gli attacchi di Javier Tebas, presidente della Liga, ma ormai il modus operandi, e anche una certa impunità di cui sembrava godere la società francese, stava dando fastidio a molti. Era necessario un cambiamento di rotta. Non era facile capirlo al momento, ma il primo passo è stato l'avvicendamento fra Antero Henrique e Leonardo. Al brasiliano è stato chiesto di smettere con l'immissione indiscriminata di grandi nomi, campioni famosi e grandi giocatori che però non sempre fanno le fortune di un team. Meglio puntare sull'equilibrio, su elementi che possano essere funzionali alla squadra e al suo tecnico. Una richiesta che pare fosse arrivata già proprio da Tuchel e che Al-Khelaifi ha fatto propria anche in nome del FPF.

Tuchel PSG
Un cambiamento di strategie di mercato appoggiato anche da Tuchel

Del resto non era davvero più possibile andare avanti in quel modo: negli ultimi due anni gli arrivi di Neymar e Mbappé avevano contribuito a un esborso complessivo di 455 milioni, a fronte di un incasso di poco superiore ai 200. L'ordine arrivato dall'alto ha provocato una vera e propria inversione a U, almeno per gli standard del club: fino a questo momento infatti il PSG ha investito 82 milioni ma ne ha incassati già 72. Diallo, Sarabia e Gueye non saranno i top player che fanno sognare i tifosi, ma sono giocatori funzionali al progetto e voluti da Tuchel, mentre Ander Herrera si colloca nella scia di Dani Alves e Buffon: arrivi a costo zero che fino a qualche anno fa sembravano non interessare gli emiri.

Ander Herrera PSG
Ander Herrera è arrivato a costo zero

Generalmente poco propenso a vendere, a un mese dalla chiusura del mercato il PSG ha già ceduto Lo Celso e Krychowiak (34 milioni complessivi) e le stelline della cantera come Weah, Diaby e Nkunku per altri 38, messo sul mercato anche N'Soki e risparmiato gli ingaggi di Buffon, Rabiot e Dani Alves. Un cambiamento davvero radicale che un grande compratore come Al-Khelaifi è costretto ad accettare obtorto collo: non gli sembra vero di dover eventualmente vendere Neymar per potersi scatenare sul mercato.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.