Union Berlino, nell'esordio in Bundesliga omaggio ai tifosi morti

Il club, su iniziativa della Curva, sta preparando un evento speciale per i sostenitori scomparsi di recente che non potranno godersi la prima nella massima serie tedesca.

31 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Tutti insieme, nessuno escluso. Perfino chi non c'è più. Il 18 agosto, alle ore 18, l'Union Berlino giocherà la sua prima, storica, partita in Bundesliga. Mai, dalla fondazione del club, i berlinesi erano stati nella massima serie tedesca. Questo anche perché l'Union fa parte della zona Est di Berlino e per anni ha quindi giocato nel campionato della DDR e non in quello tedesco.

Sarà quindi una partita ricca di significati per l'Union Berlino, non soltanto calcistici. L'esordio in Bundesliga dei berlinesi rappresenta anche la possibilità dell'Est di competere con l'Ovest sia dal punto di vista calcistico che nella vita di tutti i giorni (ancora oggi, a quasi 30 anni dalla caduta del muro, chi vive nelle regioni della vecchia DDR guadagna circa il 20% in meno).

Per questo i dirigenti dell'Union Berlino stanno preparando, per la gara con il Lipsia, una vera e propria festa, alla quale dovranno partecipare tutti. Anche i tifosi che sono scomparsi negli scorsi anni. Verrà infatti creata una coreografia sulla quale, al costo di 13 euro, ognuno potrà caricare una foto (la grandezza di ogni singolo scatto è di 70cm X 70cm) di un parente o di un amico non più in vita.

I tifosi dell'Union Berlino durante la festa per la promozione in Bundesliga
I tifosi dell'Union Berlino durante la festa promozione in Bundesliga

Union Berlino, anche i tifosi morti presenti alla prima casalinga in Bundesliga

A comunicare l'iniziativa ci ha pensato proprio l'Union Berlino attraverso un comunicato pubblicato sul sito ufficiale del club.

Innumerevoli "Unioner", che in passato hanno sostenuto il club durante il suo percorso, non avranno la possibilità di vivere questa storica prima partita. Tutti loro ci mancheranno terribilmente, per questo abbiamo partorito l'idea di ricordarli e ringraziarli con un'azione speciale che abbiamo intitolato "I vecchi Unioner".

Ad avere l’idea in realtà è stato Torsten Eisenbeiser, capo della tifoseria, lo stesso che ha lanciato una vera e propria moda il 17 dicembre 2003. L’Union quel giorno aveva perso in casa per 2-1 col Burghausen e la gara successiva sarebbe stata oltre un mese dopo a causa della sosta invernale. Torsten organizzò quindi una festa natalizia per salutare gli amici con il sorriso sulle labbra e non a testa bassa. Il primo anno si ritrovarono in 89. Poi la tradizione prese piede: l’anno successivo Torsten si mise d’accordo con la società e la festa si celebrò all’interno dello stadio. Sono cinque anni di fila che all'evento i tifosi sono oltre 27mila. Molti tifosi vengono perfino sistemati sul terreno di gioco perché non tutti trovano spazio in tribuna. Perché i tifosi dell'Union vogliono vivere la propria passione così, tutti insieme. E sarà così anche nella prima storica partita in Bundesliga, alla quale, in un certo senso, parteciperà anche chi non c'è più.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.