Premier League, Everton: svelato il progetto del nuovo stadio

Avviata la consultazione pubblica del progetto che coinvolge anche la riqualificazione di Goodison Park: l'iter burocratico dovrebbe partire entro la fine del 2019.

1 condivisione 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Dopo le prime immagini uscite in primavera, che avevamo svelato in anteprima qui su FOX Sports, l'Everton dà ufficialmente il via al percorso verso il nuovo stadio. Il progetto è stato svelato al pubblico con un comunicato sul sito web del club inglese, e l'iter burocratico dovrebbe prendere il via entro la fine del 2019.

Si tratta di un passo epocale per uno dei club britannici che possono ancora fregiarsi di uno stadio a tutti gli effetti storico, come è Goodison Park (inaugurato nel 1892): il nuovo impianto dei Toffees costerà 500 milioni di sterline, sarà realizzato in un'area portuale della città di Liverpool, al molo Bramley-Moore, e potrebbe essere pronto per la stagione 2024/2025.

La presentazione ufficiale del progetto dà il via al tour di diffusione e consultazione pubblica che l'Everton organizzerà nei prossimi giorni, coinvolgendo la cittadinanza: saranno 12 le tappe fra città di Liverpool e comuni limitrofi, e tifosi e semplici cittadini potranno valutare sia la proposta del nuovo impianto sia quella della riqualificazione dell'area dell'attuale Goodison Park.

Premier League, presentato il progetto del nuovo stadio dell'Everton
La statua dei tre giocatori più importanti della storia dell'Everton (Howard Kendall, Alan Ball e Colin Harvey) sarà conservata dopo la demolizione di Goodison Park

Premier League, Everton: svelato il progetto del nuovo stadio

L'idea di un nuovo stadio è nella mente dell'Everton da diversi anni e, in precedenza, era passata da ipotesi più o meno concrete di ristrutturare o ampliare Goodison Park, fino all'attuale progetto di Bramley-Moore, firmato dall'architetto Dan Meis (lo stesso che ha disegnato il "futuro" stadio della Roma). La proposta del nuovo impianto nell'area portuale di Liverpool è affascinante ma allo stesso tempo molto probante dal punto di vista tecnico.

L'area del molo è in parte vincolata dai beni culturali inglesi per la presenza di alcuni edifici storici di pregio che richiamano l'epoca neo-industriale ottocentesca: la torre-serbatoio dell'acqua e il muro perimetrale risalgono al 1848, elementi che saranno conservati e valorizzati, e il nuovo stadio si calerà al loro interno integrandosi alla perfezione.

Per contro, Goodison Park sarà demolito e rimarranno solo le statue che attualmente sono all'esterno, come memoria del luogo. Il terreno occupato dallo stadio verrà riqualificato con la realizzazione di appartamenti, uffici, aree verdi e pubbliche, per renderla una porzione di città al servizio della popolazione. Saranno previsti servizi di assistenza ad anziani e persone in difficoltà, e strutture di appoggio per le attività scolastiche, oltre alla sede dell'organizzazione collegata all'Everton che lavora giornalmente nelle iniziativa in aiuto della comunità locale.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.