MotoGP, Lorenzo e Marquez: un abisso a dividerli, nessuno è come loro

I due piloti spagnoli scattati ai nastri di partenza come il "dream team" di questa MotoGP sinora non hanno per niente soddisfatto le attese.

2 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

All'inizio di questo 2019 gli occhi di tutti erano puntati sul box della Honda per quella che si preannunciava la sfida più entusiasmante di questa stagione: Lorenzo contro Marquez. Una battaglia epica che prometteva scintille, una sfida che richiamava alla memoria i grandi scontri del passato nel motorsport, uno su tutti: quello tra Senna e Prost.

Certo questa Honda non è la McLaren (neanche a dirlo anch'essa motorizzata proprio dal marchio giapponese) di fine anni '80, che dominava in lungo e in largo e poteva permettersi anche qualche scaramuccia di troppo tra i propri piloti. Proprio per questo l'attesa per i due fuoriclasse spagnoli era davvero tanta.

In tanti erano pronti a scommettere che i sorrisi di facciata avrebbero presto lasciato spazio a frecciatine e scontri duri in pista. In molti si chiedevano se proprio questa probabile tensione nel box giapponese non avrebbe dato spazio alla Ducati e ad Andrea Dovizioso di conquistare il tanto agognato Mondiale.

Quando le parole hanno lasciato spazio alla pista però ci siamo ritrovati tutti davanti ad una situazione completamente differente da quella attesa. Jorge Lorenzo, infatti, complice i tanti infortuni e una scarsa adattabilità alla nuova moto si è ritrovato ad un'infinità di punti dal proprio compagno di squadra.

Lorenzo nel box HRC
Jorge Lorenzo a causa di un infortunio è sempre più lontano dal compagno di team Marquez

MotoGP, Yamaha e Ducati: distanze minime tra i piloti

Nonostante la distanza tra i due e il lungo stop di Lorenzo, causa infortunio, che ancora oggi permane, abbiamo avuto comunque qualche piccolo assaggio di ciò che doveva essere e di ciò che forse sarà. I due, infatti, pur non sfidandosi mai in pista si sono affrontati attraverso i media con Marquez in particolare che ha fatto capire al connazionale di essere lui a dettare legge in HRC, visibilmente infastidito dalla mossa di Jorge di volare in Giappone per adattare questa Honda alle proprie caratteristiche.

Anche in pista, durante un turno di prove libere c'è stata una piccola scaramuccia tra i due, ma per ora l'attesa resta, in vista di uno scontro che in futuro dovrebbe essere inesorabile. Ai 7 titoli e alle 75 vittorie messe in pista da Marquez Honda ha voluto affiancare i 5 Mondiali e i 68 successi di Lorenzo. Insomma numeri mostruosi che in futuro dovranno per forza di cose scontrarsi.

Tralasciando le previsioni future però noi dobbiamo analizzare i numeri attuali e quelli parlano di un dream team che si è improvvisamente trasformato in un team da incubo. La coppia di piloti più forte della MotoGP, infatti, oggi è anche quella che fa registrare la maggiore differenza di punti tra i propri rider.

Tra Marquez e Lorenzo, infatti, attualmente ci sono ben 166 punti di differenza. Dietro di loro le coppie di Suzuki e Pramac con rispettivamente 62 e 59 punti di differenza. A pesare su queste ultime due squadre però c'è la presenza di due rookie come Mir e Bagnaia. Molto più equilibrati, invece, i due team che sfidano la Honda: Ducati e Yamaha. Valentino Rossi, infatti, ha un ritardo di appena 5 punti da Vinales, mentre tra Petrucci e Dovizioso c'è un gap di 6 punti.

Tabella riassuntiva delle differenze di punteggio tra i piloti dello stesso team
Differenza di punti tra compagni di team nella MotoGP 2019

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.