Bundesliga, Da Costa batte il destino: gioca ma è allergico all'erba

Il difensore 26enne dell'Eintracht Francoforte non può entrare in contatto con l'erba: per questo indossa sempre una (o perfino due) maglia a maniche lunghe...

1 condivisione 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Il destino gli ha detto di no, ma Danny Da Costa ha fatto di testa sua. Non si è arreso, non ha mollato, e alla fine ha vinto lui. In questa stagione con il suo Eintracht Francoforte ha sfiorato l'impresa in Europa League (eliminato solo ai rigori dal Chelsea in semifinale), qualificandosi, attraverso la Bundesliga, alle competizioni internazionali anche per il 2019-20.

In questi mesi si è parlato tantissimo di Jovic (passato al Real Madrid per 60 milioni) e Haller (pagato 50 dal West Ham), ma anche Da Costa è andato ben oltre ogni più rosea aspettativa. Contro la Lazio, in Europa League, ha segnato la prima (e per adesso unica) doppietta della sua carriera. In Bundesliga quest'anno ha giocato 34 partite su 34, saltando appena 25 minuti totali. Anche in Europa League ha sempre giocato titolare, saltando appena 33 minuti complessivi (su 1290). In Coppa di Germania e nella Supercoppa tedesca non ha saltato nemmeno un secondo.

Insomma: Da Costa è fondamentale nello scacchiere tattico di mister Hutter. Forte fisicamente, ha una grande facilità di corsa, bravo a difendere. La stagione vissuta dall'Eintracht è anche merito suo. Eppure, proprio a lui che è sempre presente, da piccolissimo gli avevano sconsigliato di giocare a calcio. Colpa di un'allergia che ancora oggi lo perseguita.

Da Costa in azione nella partita di Bundesliga contro il Wolfsburg
Danny Da Costa in azione sulla fascia destra in una partita di Bundesliga contro il Wolfsburg

Bundesliga, la strana storia di Danny Da Costa: gioca con l'allergia all'erba

Può sembrare paradossale (e forse lo è), ma Danny Da Costa non può entrare in contatto con l'erba. Lo ha raccontato lui stesso in un'intervista pubblicata dalla Bild:

Indosso sempre una maglia a maniche lunghe sotto la divisa da gioco. Se cado e tocco l'erba, mi prude tutto. Da piccolo avevo la neurodermite, ma non penso siano cose collegate.

Il problema è che qualche piccola striscia di pelle fra i calzettoni (che comunque attenuano ma non evitano la reazione allergica) e i pantaloncini resta scoperta. Un problema con il quale Da Costa ha dovuto imparare a convivere:

Per fortuna il prurito sulle gambe è sopportabile, è quello su altre parti del corpo che è difficile da gestire.

Per aiutarlo l'Eintracht ha chiesto alla Nike (sponsor tecnico del club di Bundesliga) di creare anche maglie da gioco a maniche lunghe, ma la risposta dell'azienda americana è stata negativa. Da Costa però ci ha fatto l'abitudine e ha trovato le contromisure adatte. In inverno gli capita perfino di giocare con due maglie a maniche lunghe sotto la divisa da gioco. Un piccolo compromesso per chi, pur di giocare, ha dovuto battere allergia e destino.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.